Stop all'olio di palma, referendum riuscito
Keystone
SVIZZERA
02.07.20 - 14:420

Stop all'olio di palma, referendum riuscito

Le firme risultate valide sono 61'184. Ne servivano 50'000

BERNA - Il referendum "Stop all'olio di palma", contrario all'accordo di libero scambio con l'Indonesia, è formalmente riuscito. Delle 61'719 depositate lo scorso 22 giugno, 61'184 firme sono risultate valide. Ne erano necessarie almeno 50'000.

Lo comunica oggi la Cancelleria federale in una nota. Il referendum era stato lanciato in gennaio dal sindacato agricolo Uniterre, assieme ad associazioni in favore del clima e dei diritti umani nonché al viticoltore indipendente Willy Cretegny.

L'accordo di libero scambio con l'Indonesia è stato approvato a larga maggioranza dal Parlamento in dicembre. L'Indonesia è un partner commerciale potenzialmente importante per la Svizzera, sostengono i fautori dell'accordo.

Secondo i referendisti, l'opposizione all'accordo non è dettata soltanto da motivi di sostenibilità. Gli agricoltori temono in particolare una concorrenza sleale con gli oli vegetali indigeni. Per questo motivo il Consiglio federale ha negoziato contingenti per le importazioni di olio di palma, che saranno tuttavia aumentati nell'arco di più anni. Sono inoltre previste norme che dovranno garantire la tracciabilità delle importazioni.

Queste misure non sono però sufficienti, secondo il sindacato contadino Uniterre. L'olio di palma è in effetti già oggi meno costoso dell'olio di colza e di girasole. L'accordo aumenterebbe la pressione sulla produzione interna, con una prevista riduzione dei prezzi pagati ai produttori pari al 35%.

Il comitato referendario deplora inoltre il fatto che nella maggior parte dei Paesi il libero scambio non abbia aumentato né la prosperità né la qualità di vita, ma che serva soltanto agli interessi economici delle multinazionali.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
7 ore
Terza dose. Con quale vaccino? Da quando? E il certificato?
Domande e risposte sulla vaccinazione anti-Covid di richiamo, approvata oggi da Swissmedic per le persone a rischio
BASILEA
11 ore
Il controllore omicida è al sicuro a Hong Kong
Karim Ouali ha fatto perdere le sue tracce nel 2011. Ora la Cina non vuole estradarlo
GRIGIONI
12 ore
«Vogliamo che venga finalmente rinchiuso»
Nel 2017 il frontale costato la vita a una 27enne. Condannato, l'automobilista non aveva accettato la sentenza
FOTOGALLERY
VAUD
14 ore
Tonnellate di spazzatura disseminate sull'A1
Un incidente avvenuto stamattina ha causato la chiusura dell'autostrada fra Nyon e Gland fino alle 18.
BERNA
16 ore
«I contagi continueranno ad aumentare»
Patrick Mathys in merito alla pandemia: «Solo in due cantoni il tasso di riproduzione è ancora sotto l'1»
SVIZZERA
17 ore
Covid, 1'491 casi e 9 decessi in Svizzera
In diminuzione i pazienti ricoverati in cure intense a causa del virus, che occupano ora l'11,6% dei posti letto.
SVIZZERA
17 ore
La Svizzera è sempre più calda
Temperature superiori ai 25 gradi per 80 giorni sul Ticino meridionale, e tra 40 e 60 giorni sull'Altopiano
SVIZZERA
17 ore
Via libera alla terza dose
L'ok di Swissmedic alla somministrazione in Svizzera per i preparati Moderna e Pfizer/BioNTech
SVIZZERA
18 ore
"Svizzero" per errore, non ha più diritto alla nazionalità
Il Tribunale federale ha respinto il ricorso di un giovane che a torto e a lungo è stato considerato cittadino elvetico.
SVIZZERA
19 ore
Il Covid ha dimezzato l'uso dei trasporti pubblici
All'inizio del 2021 si percorreva una media di 3,6 chilometri al giorno, il 52% in meno rispetto all'anno precedente
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile