Lotta al terrorismo: misure applicabili a partire dai 12 anni
Keystone (archivio)
SVIZZERA
19.06.20 - 09:440
Aggiornamento : 11:34

Lotta al terrorismo: misure applicabili a partire dai 12 anni

Il Consiglio nazionale ha approvato il piano sul rafforzamento delle misure di polizia

Con 110 voti contro 82 ha deciso che i provvedimenti contenuti nella nuova legge saranno applicabili a persone di età superiore ai 12 anni, ad eccezione degli arresti domiciliari, che saranno applicabili dai 15 anni.

BERNA - Le misure di polizia per combattere il terrorismo potranno essere applicate a bambini a partire dai 12 anni di età. Lo ha deciso oggi il Consiglio nazionale approvando, con 111 voti a 76, il piano del Consiglio federale volto a rafforzare le misure di polizia nel settore.

Il progetto prevede in particolare l'inasprimento delle misure preventive di polizia. La Camera del popolo è entrata in materia ieri su questo dossier e ha ripreso oggi le discussioni.

Con 110 voti contro 82 ha deciso che i provvedimenti contenuti nella nuova legge saranno applicabili a persone di età superiore ai 12 anni, ad eccezione degli arresti domiciliari, che saranno applicabili dai 15 anni. Esempi all'estero mostrano che gli attacchi terroristici sono spesso eseguiti da minori, ha affermato Mauro Tuena (UDC/ZH) a nome della commissione.

Questi provvedimenti devono essere possibili quando tutte le altre misure preventive falliscono, ha aggiunto l'altra relatrice commissionale Jacqueline de Quattro (PLR/VD). Ogni caso sarà esaminato individualmente, ha precisato.

Contrariamente a quanto detto ieri in aula, inoltre, la Convenzione sui diritti del fanciullo non vieta misure preventive di polizia contro bambini e adolescenti, ha poi aggiunto la vodese. Questa indica anzi espressamente la protezione della sicurezza nazionale come motivo legittimo per limitare i loro diritti, ha sottolineato de Quattro.

La sinistra e i Verdi liberali volevano innalzare questa età ad almeno 14 anni, 18 per gli arresti domiciliari. «Un bambino che rischia di radicalizzarsi ha bisogno di qualcosa di diverso dalla stigmatizzazione», ha affermato Léonore Porchet (Verdi/VD).

L'idea di mettere i bambini agli arresti domiciliari semplicemente perché sospettati di poter commettere un crimine non è accettabile, ha sostenuto Marionna Schlatter (Verdi/ZH). «Si sta attraversando una linea rossa», ha aggiunto.

«Anche i minori possono radicalizzarsi», ha replicato la consigliera federale Karin Keller-Sutter. Nel diritto penale, le sanzioni possono già oggi essere adottate contro bambini di 10 anni di età. Il benessere del bambino è rispettato e le misure educative sono prioritarie, ha aggiunto la ministra di giustizia e polizia.

Il nuovo arsenale si rivolge alle persone che rappresentano una minaccia ma che non possono essere oggetto di procedimenti penali. Sarà possibile costringere qualcuno a presentarsi ad un posto di polizia ad orari prestabiliti, vietargli di lasciare la Svizzera, confinarlo in un determinato perimetro o non consentirgli di recarsi in determinati luoghi.

Contrariamente a quanto chiesto dalla commissione preparatoria, chi incoraggia attività terroristiche non potrà essere posto in detenzione preventiva (decisione presa ieri con 133 voti contro 78). È un provvedimento indegno di uno Stato di diritto, ha affermato Priska Seiler Graf (PS/ZH). Le persone colpevoli e condannate potrebbero trovarsi in condizioni migliori, ha aggiunto Beat Flach (PVL/AG). Non rispetta la Convenzione europea dei diritti dell'uomo, ha sostenuto la consigliera federale Karin Keller-Sutter.

Il progetto prevede anche un'estensione della sorveglianza: Fedpol potrà condurre indagini su internet, nei servizi di messaggistica e nei social media. Tali investigazioni possono essere svolte sotto falsa identità ma solo in relazione a reati gravi per i quali la Confederazione è responsabile del perseguimento penale.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Maxy70 1 anno fa su tio
Il nostro buonismo, che tenerezza mi fanno! Nella vicina Italia (senza tirare in ballo i Bronx o le favelas...) le baby gang hanno componenti dai 10 - 11 anni che si macchiano già di reati gravissimi. Sai che paura, per un quindicenne già criminale, prendersi i domiciliari!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
TURGOVIA
8 ore
A 77 anni in carcere per non pagare la multa
Una donna turgoviese si è presentata ieri davanti alla prigione di Frauenfeld per espiare la sua pena.
SVIZZERA
9 ore
Vinto il jackpot di Euromillions più alto di sempre
Sette persone hanno invece portato a casa 700mila franchi a testa.
SVIZZERA
13 ore
L'UDC rimane saldamente il primo partito svizzero
Segue il PS, che ha alle calcagna PLR, Alleanza del Centro e Verdi, secondo l'ultimo Barometro elettorale della SSR
SVIZZERA
13 ore
«Perso il 28% del fatturato a causa del certificato»
Lo rileva un sondaggio condotto da GastroSuisse dopo l’introduzione dell’obbligo.
FOTO
ZUGO
15 ore
Violento frontale, due automobiliste all'ospedale
L'incidente è avvenuto nel primo pomeriggio di oggi sulla cantonale tra Baar e Neuheim.
SVIZZERA
17 ore
Vaccinazioni: 8'757 casi con effetti collaterali
Si tratta all'incirca di otto casi ogni 10'000 inoculazioni effettuate nel nostro Paese.
SVIZZERA
18 ore
Si resta sotto i mille contagi
Si contano anche 22 nuovi ricoveri. Sempre di meno i pazienti Covid-19 in cure intense.
SVIZZERA
18 ore
Legge Covid-19 «discriminatoria e arbitraria»
I democentristi invitano il popolo a respingere il testo che andrà in votazione il prossimo 28 novembre.
GINEVRA
21 ore
Sferrò un calcio all'avversario, finirà in carcere
È stato condannato l'uomo che nel 2018 tirò un calcio in faccia a un avversario durante una partita di Quarta Lega.
SVIZZERA
21 ore
Legge Netflix: «Una truffa ai danni di consumatori e giovani»
Il comitato che intende lanciare un referendum contro la Legge ha presentato le sue argomentazioni.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile