deposit
SVIZZERA
18.06.20 - 14:100

Gli Stati vogliono "salvare" i media

Per la maggioranza è «indispensabile» sostenere un'offerta diversificata

BERNA - Nonostante la situazione economica attuale non ideale, per la Svizzera è irrinunciabile disporre di un paesaggio mediatico intatto con un'offerta diversificata ed equivalente in tutte le regioni e le lingue nazionali.

È quanto pensa il Consiglio degli Stati entrato oggi in materia (37 voti a 5) sul pacchetto di misure da 80 milioni di franchi - di cui 50 milioni solo per l'aiuto indiretto alla stampa - a favore dei media elaborato dal Consiglio federale.

Il disegno di legge prevede inoltre un sostegno ai portali d'informazione online e un potenziamento della promozione indiretta della stampa. Il dibattito prosegue nel pomeriggio.

Necessario agire ora - Una minoranza di destra (UDC) ha giudicato inopportuno un simile intervento, specie nel momento attuale, con le finanze della Confederazione sotto pressione a causa del coronavirus. Thomas Minder (Indipendente-UDC/SH) ha criticato il fatto che anche gruppi editoriali come Tamedia o NZZ potranno beneficiare di nuove agevolazioni, nonostante gli utili milionari e la distribuzione di dividendi agli azionisti. In questi casi non si può parlare di crisi del settore, ha aggiunto.

Una maggioranza ha sottolineato invece che, per preservare un panorama mediatico diversificato essenziale per la nostra democrazia, è indispensabile sostenere i media, già sotto pressione a causa dei cambiamenti strutturali cui sono sottoposti con l'avanzata di Internet.

Molti giornali lottano semplicemente per sopravvivere, ha dichiarato Lisa Mazzone (Verdi/GE), che ha accennato anche alla scomparsa di diversi titoli in Romandia negli ultimi anni e al ridimensionamento di molte redazioni. Ciò che facciamo ora non è un regalo, bensì un aiuto per preservare quel bene culturale che è un'informazione di qualità, ha dichiarato.

Riduzioni in funzione della tiratura - Nel corso del dibattito di stamattina, contrariamente al disegno del Consiglio federale, la maggioranza ha deciso che le riduzioni per la distribuzione vengano fissate in funzione della tiratura.

Considerata l'importanza rivestita dal recapito mattutino, i "senatori" hanno accordato riduzioni di prezzo per la distribuzione indipendentemente dalle modalità di recapito, prevedendo 40 milioni di franchi per un periodo di dieci anni. Una minoranza chiedeva 60 milioni. Tale aggiunta non figurava nel progetto del governo.

Attualmente i distributori specializzati assicurano il recapito mattutino entro le 6:30 durante i giorni feriali ed entro le 7:30 la domenica. Oggi dei quotidiani e dei settimanali che beneficiano di un sostegno, circa la metà degli esemplari vengono recapitati al mattino presto o di domenica. Analogamente alle altre riduzioni, anche gli sconti per il recapito mattutino dovranno dipendere dall'entità della tiratura.

30 milioni per stampa associativa - La Camera ha poi deciso di concedere aiuti per la distribuzione pari a 50 milioni per i giornali e i periodici in abbonamento rivolti al grande pubblico. Le pubblicazioni della stampa specialistica sono esclusi da simile aiuto.

Oltre a questa somma, già prevista del Consiglio federale, il plenum ha poi stabilito di accordare 30 milioni di contributi a favore della stampa associativa e delle fondazioni. Sotto il profilo democratico essa è importante tanto quanto i quotidiani e i settimanali e merita pertanto un sostegno analogo, hanno sostenuto vari oratori.

Canone radio-tivù - Il plenum deve ancora affrontare la modifica della legge sulla radiotelevisione. La sua commissione preparatoria ha approvato una proposta di cambiamento dell'articolo 40: le concessioni con partecipazione al canone dovrebbero dare diritto almeno al 5% dei proventi del canone per le televisioni e almeno al 3% per le radio.

La commissione raccomanda inoltre di esentare le società semplici dal pagamento del canone, onde evitare doppie tassazioni (vedi consorzi).

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Numeri raddoppiati in una settimana
Tra il 12 e il 18 ottobre sono state annunciate 19'478 nuove infezioni. La settimana prima erano 8749.
SVIZZERA
2 ore
Un bollettino giornaliero simile a quello di ieri
Nel nostro Paese sono stati effettuati 26'537 tamponi in un giorno. Il 19,8% ha dato esito positivo.
SVIZZERA
2 ore
Qual è l'impatto del virus sul personale sanitario?
Amnesty International chieda che venga effettuata un indagine. Nel mondo 7'000 professionisti hanno pagato con la salute
SVIZZERA
3 ore
Quasi il 20% degli occupati lascia il proprio impiego
I dati raccolti tra il 2018 e il 2019 mostrano che sono soprattutto i giovani a cambiare lavoro
GERMANIA / SVIZZERA
3 ore
La Germania mette l'intera Svizzera sulla "lista nera"
Anche l'Austria, la Polonia e l'Irlanda sono diventate zone a rischio, secondo il Robert Koch Institut
SVIZZERA / STATI UNITI
4 ore
Una terapia orale per curare (e prevenire) il Covid
La cura (AT-527) è attualmente in fase 2 di sviluppo. La fase 3 dei trial inizierà nel primo trimestre 2021
SVIZZERA
5 ore
Sika: in calo le vendite e la redditività
L'utile netto ha però superato le previsioni degli analisti
SVIZZERA
5 ore
Coronavirus: prolungato l'obbligo di servizio in protezione civile
I militi dovranno prestare servizio per 14 anni, invece che 12, per avere personale sufficiente a combattere la pandemia
SVIZZERA
6 ore
«Attraversare l'inverno senza perdere il controllo sul virus»
Per il virologo della task force Volker Thiel, i Cantoni dovrebbero ridurre al massimo le opportunità di contatto
SVIZZERA
6 ore
Huber+Suhner taglia 100 posti in Svizzera
L'azienda cancellerà complessivamente 250 impieghi entro la metà del 2021
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile