Depositphotos (valphoto)
Le aziende che ricevono indennità per lavoro ridotto a causa del coronavirus non devono versare dividendi.
SVIZZERA
05.05.20 - 22:540

Niente dividendi se le imprese ricevono indennità per lavoro ridotto

La Commissione della sicurezza sociale e della sanità ha deciso di obbligare il governo ad agire

BERNA - Le aziende che ricevono indennità per lavoro ridotto (IRL) a causa del coronavirus non devono versare dividendi. Lo chiede il Consiglio nazionale con una mozione adottata oggi con 93 voti contro 88 e 11 astensioni.

Poiché raccomandazioni in tal senso indirizzate al Consiglio federale non hanno sortito alcun effetto, la Commissione della sicurezza sociale e della sanità ha deciso di obbligare il governo ad agire, ha spiegato la sua relatrice Céline Amaudruz (UDC/GE).

La lettera - sostenuta anche dall'omologa commissione degli Stati - raccomandava d'introdurre un divieto di pagamento dei dividendi nell'anno in corso e in quello successivo. La mozione chiede una normativa che vieti il pagamento dei dividendi per il 2020 e il 2021 alle imprese a partire da una certa dimensione che percepiscono indennità per lavoro ridotto a causa della crisi COVID-19. Un disciplinamento analogo dovrebbe essere applicato alle imprese che hanno già stabilito o pagato dividendi nell'anno in corso, precisa il testo.

Il Consiglio federale può emanare ordinanze urgenti per far fronte a gravi turbamenti, esistenti o imminenti, che riguardano in particolare l'ordine pubblico. Le richieste presenti nella mozione non rientrano in queste categorie, ha replicato il consigliere federale Guy Parmelin.

L'ILR - ha proseguito il ministro dell'economia - rappresenta uno strumento di aiuto ai lavoratori, il cui obiettivo primario è quello di proteggere gli impieghi oggi direttamente minacciati. Si tratta quindi di una prestazione assicurativa finanziata dai contributi dei dipendenti e dei datori di lavoro e non di una sovvenzione il cui versamento può essere subordinato al pagamento di dividendi.

La mozione potrebbe anche essere controproducente: le strutture aziendali le cui entrate sono strettamente legate alla distribuzione di dividendi potrebbero subire gravi conseguenze ed essere costrette a licenziare. Oltre all'impegno amministrativo che implica, la cancellazione dei dividendi già versati si rivelerebbe inoltre problematica anche dal punto di vista giuridico e cronologico, ha spiegato, invano, il consigliere federale Parmelin.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Zugo
3 ore
Aperta un'inchiesta preliminare contro la società di provider Mitto AG
Un dipendente avrebbe consentito a terzi di sorvegliare senza autorizzazione degli utenti di telefonia mobile
SVIZZERA
5 ore
Coronavirus, il 4% delle varianti analizzate corrisponde a Omicron
Si tratta dei dati relativi ai virus sequenziati nel corso dell'ultima settimana
ZURIGO
6 ore
Sedici anni di prigione per aver ucciso la fidanzata
I fatti sono avvenuti nel 2020 a Hombrechtikon, nel Canton Zurigo. Riconosciuto colpevole un 48enne polacco
SVIZZERA
6 ore
Obbligo di vaccinazione per gli equipaggi Edelweiss
Seguendo l'esempio di Swiss, ai dipendenti è stato dato tempo fino al 2022 per farsi vaccinare
FOTO
SVIZZERA
7 ore
La capsula futuristica dove si può morire da soli potrebbe presto arrivare in Svizzera
Ne è certa Exit International. Il dispositivo, che funziona senza farmaci, si può fare anche con una stampante 3D
SVIZZERA
9 ore
«Abbiamo toccato il record di casi da inizio pandemia»
Alta tensione nelle strutture ospedaliere: il Consiglio federale mette migliaia di militi a disposizione dei Cantoni.
SVIZZERA
9 ore
In Svizzera 9'571 nuovi contagi e 28 decessi in ventiquattro ore
Le unità di terapia intensiva sono piene all'80%. Il 31% dei letti è occupato da pazienti Covid
SVIZZERA
10 ore
Anziani, vaccinatevi!
È l'appello del Consiglio svizzero degli anziani
SVIZZERA
13 ore
Lunga vita alla radio FM
Una mozione chiede la disattivazione solo quando DAB e radio web avranno raggiunto una quota di mercato del 90%
SVIZZERA
16 ore
Il "certificato" sulla bocca di tutti
Si tratta del termine più significativo dell'anno elvetico. Al secondo posto "urgenza", seguita da "exploit"
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile