Immobili
Veicoli
Keystone
BERNA
28.03.20 - 08:450

Stöckli: «La democrazia e lo stato di diritto non devono essere vittima del coronavirus»

«L'Assemblea federale non deve in alcun caso rinunciare all'obbligo costituzionale di vigilare sul Consiglio federale»

BERNA - «La democrazia e lo stato di diritto non devono essere vittima del coronavirus». Lo afferma il presidente del Consiglio degli Stati Hans Stöckli (PS/BE), che ricorda come il Parlamento rimane l'autorità suprema della Confederazione anche in caso di crisi.

«L'Assemblea federale non deve in alcun caso rinunciare all'obbligo costituzionale di vigilare sul Consiglio federale», ha sostenuto il bernese in un'intervista ai giornali in tedesco del gruppo Tamedia. Se l'esecutivo non dovesse essere in grado di prendere decisioni urgenti nell'attuale crisi sanitaria, prosegue Stöckli, l'articolo 173 della Costituzione conferisce al Parlamento gli stessi poteri giuridici di emergenza dati al governo.

«Le Camere federali possono sostituire o annullare le ordinanze di emergenza del governo», afferma Stöckli. Ma dato che «la capacità d'azione del Consiglio federale deve essere preservata, noi, come Parlamento, dobbiamo farlo con saggezza e ricorrere alla nostra legislazione sulle ordinanze d'emergenza solo per lacune urgenti o questioni molto importanti».

Dall'entrata in vigore della nuova Costituzione, il legislativo ha adottato una sola ordinanza d'emergenza, nel 2011 contro l'organizzazione terroristica Al Qaida, su richiesta del governo. Il Consiglio federale ha invece emesso ordinanze di questo tipo in più occasioni, come ad esempio nel caso del grounding di Swissair, del salvataggio di UBS o nel cosiddetto caso Tinner, ha ricordato Stöckli.

Nel caso del coronavirus, per la prima volta dalla Seconda guerra mondiale, le ordinanze d'emergenza coprono tutti settori della società, che siano sociali, economici o politici, ha precisato Stöckli sottolineando quanto sia grave la situazione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
3 ore
Malati che muoiono a causa del rinvio di interventi chirurgici
Il settore sanitario è sotto pressione. Si temono gravi conseguenze sulle condizioni dei pazienti
SVIZZERA
11 ore
Covid-pass aggiornato? Ora non ci si dovrà più mettere il dito
Niente più verifica manuale, ora l'app Covid Certificate esegue il refresh automaticamente.
SVIZZERA / MONDO
13 ore
«Vaccinare il mondo per fermare la pandemia»
Il messaggio del segretario generale dell'Onu Antonio Guterres al WEF di Davos.
SVIZZERA
15 ore
Sostegno al 2G, ma solo sino a fine febbraio
Le risposte dei cantoni alla consultazione federale sui provvedimenti anti-coronavirus
ZURIGO
16 ore
Quadruplicati gli attacchi di panico, gli esperti sono preoccupati
Depressione, ansia e paura: sono tutte conseguenze della pandemia, che colpiscono in particolare i giovani.
SVIZZERA
16 ore
Quarantene e test di massa? Da rivedere: «Omicron è come un incendio»
Anche gli scienziati hanno dei dubbi sul contact tracing. E sono ottimisti: il picco è vicino
GINEVRA
17 ore
Investita sulla pista da sci, muore a 5 anni
La piccola, residente a Ginevra, è stata travolta a Flaine, stazione sciistica situata in Alta Savoia.
GRIGIONI
18 ore
Gastronomia, quasi una irregolarità su quattro
In diversi casi è stato riscontrato un mancato rispetto delle disposizioni microbiologiche.
SVIZZERA
19 ore
Oltre 67mila contagi e 30 morti nel weekend svizzero
Ancora in aumento i pazienti ricoverati a causa del virus, che occupano ora l'8,1% dei posti letto complessivi.
ZURIGO
21 ore
Zurigo chiama alla cassa gli altri Cantoni per i pazienti Covid
Il 10-15% di quelli ricoverati nelle strutture zurighesi proviene da altre regioni del paese
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile