Keystone
BERNA
28.03.20 - 08:450

Stöckli: «La democrazia e lo stato di diritto non devono essere vittima del coronavirus»

«L'Assemblea federale non deve in alcun caso rinunciare all'obbligo costituzionale di vigilare sul Consiglio federale»

BERNA - «La democrazia e lo stato di diritto non devono essere vittima del coronavirus». Lo afferma il presidente del Consiglio degli Stati Hans Stöckli (PS/BE), che ricorda come il Parlamento rimane l'autorità suprema della Confederazione anche in caso di crisi.

«L'Assemblea federale non deve in alcun caso rinunciare all'obbligo costituzionale di vigilare sul Consiglio federale», ha sostenuto il bernese in un'intervista ai giornali in tedesco del gruppo Tamedia. Se l'esecutivo non dovesse essere in grado di prendere decisioni urgenti nell'attuale crisi sanitaria, prosegue Stöckli, l'articolo 173 della Costituzione conferisce al Parlamento gli stessi poteri giuridici di emergenza dati al governo.

«Le Camere federali possono sostituire o annullare le ordinanze di emergenza del governo», afferma Stöckli. Ma dato che «la capacità d'azione del Consiglio federale deve essere preservata, noi, come Parlamento, dobbiamo farlo con saggezza e ricorrere alla nostra legislazione sulle ordinanze d'emergenza solo per lacune urgenti o questioni molto importanti».

Dall'entrata in vigore della nuova Costituzione, il legislativo ha adottato una sola ordinanza d'emergenza, nel 2011 contro l'organizzazione terroristica Al Qaida, su richiesta del governo. Il Consiglio federale ha invece emesso ordinanze di questo tipo in più occasioni, come ad esempio nel caso del grounding di Swissair, del salvataggio di UBS o nel cosiddetto caso Tinner, ha ricordato Stöckli.

Nel caso del coronavirus, per la prima volta dalla Seconda guerra mondiale, le ordinanze d'emergenza coprono tutti settori della società, che siano sociali, economici o politici, ha precisato Stöckli sottolineando quanto sia grave la situazione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
7 ore
Cresce la lista nera: dentro altri quattro Paesi
La disposizione segue il rilevamento della variante Omicron nelle rispettive nazioni.
SVIZZERA
7 ore
Minaccia Omicron, il Governo si ritrova d'urgenza
Dopo l'emergenza della nuova variante e il boom di casi, domani pomeriggio saranno discussi eventuali cambi di marcia.
SVIZZERA
11 ore
«Meglio Pfizer di Moderna per gli under 30»
Lo raccomandano l'UFSP e la Commissione federale per le vaccinazioni basandosi sulle dichiarazioni di miocardite.
SVIZZERA
11 ore
«La situazione è già critica, Omicron potrebbe peggiorarla»
Gli esperti della Confederazione hanno fatto il punto sulla situazione epidemiologica nel nostro Paese e non solo.
LUCERNA
11 ore
Lo spauracchio Omicron fa saltare le Universiadi
La competizione avrebbe dovuto aver luogo tra l'11 e il 21 dicembre. A Lucerna erano attesi atleti da cinquanta Paesi.
SVIZZERA
12 ore
La seconda volta di un'ecologista alla guida del Nazionale
La 34enne argoviese Irène Kälin è la nuova presidente della Camera bassa.
SVIZZERA
13 ore
Oltre 19mila contagi e 35 morti nel weekend svizzero
Salgono i pazienti Covid ricoverati in cure intense, che occupano ora il 25,4% dei posti letto.
FOTO
ARGOVIA
14 ore
Bancomat fatto esplodere e colpevoli in fuga
Altro furto a uno sportello automatico. Questa volta in canton Argovia.
FOTO
SVIZZERA
15 ore
Una bufera di neve investe la Svizzera
Temperature al ribasso e tanti disagi alla circolazione soprattutto in Svizzera tedesca.
GRIGIONI
17 ore
Test ripetuti nei Grigioni: i laboratori non ce la fanno più
Le autorità cantonali corrono ai ripari adeguando la misura nelle scuole e nelle aziende
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile