Ti Press (archivio)
SVIZZERA
10.03.20 - 10:320

Espropriazioni, più indennità per i terreni coltivabili

Il Nazionale giudica l'attuale importo troppo basso per favorirne la conservazione

BERNA - I proprietari terrieri riceveranno indennità più elevate in caso di perdita di terreni coltivabili. Il risarcimento sarà pari a tre volte il prezzo massimo determinante. Lo ha deciso oggi il Consiglio nazionale allineandosi, su questo punto, agli Stati nel discutere la revisione parziale della legge federale sulla espropriazione (LEspr).

L'importo attuale è troppo basso per favorire la conservazione dei terreni coltivabili. Aumentare le indennità versate alle terre espropriate permetterà di evitare numerosi ricorsi, ha sostenuto Sidney Kamerzin (PPD/VS).

Inizialmente il Nazionale voleva che il risarcimento fosse pari a sei volte il prezzo massimo determinante. Il fattore "tre" è dunque un compromesso, dato che gli Stati, così come il Consiglio federale, inizialmente non volevano aumenti.

L'UDC avrebbe voluto mantenere il fattore "sei": l'espropriazione sarà applicata solo in casi eccezionali, la soluzione sarebbe equa per tutti, ha affermato Lukas Reimann (UDC/SG). La sua proposta è però stata respinta con 132 voti a 47.

Il PLR, sostenuto dal PS, avrebbe voluto mantenere lo status quo, rinunciando a una regolamentazione speciale. Le regole devono essere le stesse per tutti. Compensando tre o sei volte il prezzo per i terreni coltivabili, l'uguaglianza di trattamento non è più garantita, è stato sottolineato. Al voto il plenum ha però bocciato anche questa proposta con 115 voti a 75.

Il dossier torna agli Stati.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Oltre 19mila contagi e 35 morti nel weekend svizzero
Salgono i pazienti Covid ricoverati in cure intense, che occupano ora il 25,4% dei posti letto.
FOTO
ARGOVIA
2 ore
Bancomat fatto esplodere e colpevoli in fuga
Altro furto a uno sportello automatico. Questa volta in canton Argovia.
FOTO
SVIZZERA
2 ore
Una bufera di neve investe la Svizzera
Temperature al ribasso e tanti disagi alla circolazione soprattutto in Svizzera tedesca.
GRIGIONI
5 ore
Test ripetuti nei Grigioni: i laboratori non ce la fanno più
Le autorità cantonali corrono ai ripari adeguando la misura nelle scuole e nelle aziende
SVIZZERA
6 ore
«Ha vinto la maggioranza silenziosa»
Così la stampa elvetica ha commentato l'esito dell'attesa votazione del 28 novembre sulla Legge Covid-19.
SVIZZERA
6 ore
Gli svizzeri chiedono nuovi provvedimenti anti-Covid
Estensione dell'obbligo di mascherina e booster raccolgono più consensi, secondo un sondaggio rappresentativo
FOTO
SAN GALLO
8 ore
Abitazione in fiamme: un 54enne ustionato
Il rogo è scoppiato nella notte in uno stabile situato nella località sangallese di Au
SVIZZERA
17 ore
Omicron: primo caso sospetto in Svizzera
L'Ufsp sta svolgendo accertamenti su una persona rientrata dal Sudafrica una settimana fa
SVIZZERA
21 ore
Predatori, inquilini, stranieri: le votazioni negli altri cantoni
In 10 cantoni i cittadini si sono espressi su oggetti locali. Ecco i risultati
SVIZZERA
21 ore
«L'odio e la rabbia non appartengono alla Svizzera»
Quello della Legge Covid «è il miglior risultato mai raggiunto da una legge posta sotto referendum», così Berset.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile