Tipress (archivio)
SVIZZERA
03.03.20 - 11:260

«Le persone in AI devono avere un accesso indiscriminato alle misure di reintegrazione»

La mozione presentata da Pascale Bruderer è stata approvata dal Consiglio nazionale

Essa sostiene che i meccanismi della preferenza indigena light sono poco adeguati poiché i disabili non iscritti all'URC vengono categoricamente esclusi.

BERNA - Le persone iscritte all'AI devono avere un accesso indiscriminato alle misure di reintegrazione e collocamento. Ciò presuppone che anche i servizi dell'Assicurazione invalidità possano far capo al sistema di annuncio dei posti vacanti instaurato dopo l'accettazione dell'iniziativa "contro l'immigrazione di massa". È quanto prevede una mozione dell'ex "senatrice" Pascale Bruderer (PS/AG) approvata tacitamente oggi dal Consiglio nazionale.

Il principio della priorità dei lavoratori residenti - la cosiddetta "preferenza indigena light," ndr. - è stato introdotto il primo luglio 2018. I meccanismi messi in atto sono tuttavia poco adeguati poiché i disabili non iscritti a un Ufficio regionale di collocamento (URC) vengono categoricamente esclusi.

Considerando che l'assicurazione AI dà la priorità all'integrazione e non alla rendita la maggioranza del plenum ha ritenuto opportuno cambiare la prassi. Il consiglio federale, per bocca di Guy Parmeiln, si è detto disposto ad adottare le misure necessarie. Una minoranza ha chiesto di respingere la mozione perché l'accesso agli URC è già oggi aperto a tutti e poiché non vede la necessità di aumentare la burocrazia.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SONDAGGIO
BERNA
20 min
«Parlarne. Trovare aiuto»: la salute mentale ai tempi del coronavirus
Il 10 dicembre si terrà una giornata per richiamare l'attenzione sulla delicata e quanto mai attuale tematica.
BERNA
1 ora
C'è la conferma: primo gatto con il Covid in Svizzera
Sono diversi i casi registrati nel mondo, ma restano comunque molto rari
SVIZZERA
1 ora
Niente “pressioni estere”, stop a ulteriori restrizioni sulle piste
Il Consiglio nazionale adotta la dichiarazione contro «condizioni impraticabili»
SVIZZERA
1 ora
«Non sta andando come sperato»
Il consigliere federale Alain Berset non è contento dei numeri dell'epidemia. La "via svizzera" è in crisi?
SVIZZERA
2 ore
Orologi e gioielli, la Svizzera resta un leader indiscusso
Nel 2019, i tre gruppi elvetici più grandi erano Richemont, Swatch e Rolex.
SVIZZERA
2 ore
Materiale medico per 686 milioni
Tanto ha speso la Farmacia dell'esercito sino alla fine di agosto. Ora è attiva sul fronte dei vaccini
SVIZZERA
2 ore
In Svizzera 4'455 nuovi casi di coronavirus
Lo conferma il consueto bollettino giornaliero dell'UFSP, 80 invece i decessi e 194 i ricoveri
SVIZZERA
3 ore
Pil svizzero: quest'anno meglio del previsto, l'anno prossimo peggio
Settore farmaceutico e commercio all'ingrosso contribuiscono a migliorare le previsioni per il 2020, spiega Raiffeisen.
ZURIGO
3 ore
Sgominata una banda spacciatori nigeriani, 200 gli arresti
L'operazione si è protratta per un periodo di 5 anni.
VALLESE
3 ore
Ristoranti e bar riaprono il 14 dicembre
Consentiti anche i mercatini di Natale e le stazioni sciistiche potranno rimanere aperte con piani di protezione
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile