keystone-sda.ch (ANTHONY ANEX)
SVIZZERA
27.02.20 - 11:070

«La nuova legge sulla caccia è un buon compromesso fra uomo e lupo»

Parola di Simonetta Sommaruga che si è pronunciata sul nuovo disegno che saremo chiamato a votare il 17 maggio prossimo

BERNA - «Un buon compromesso»tipicamente svizzero: così la presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga ha definito la nuova legge sulla caccia, in votazione il 17 maggio. Il lupo resterà protetto e allo stesso tempo si aiuteranno le zone rurali e di montagna.

Sommaruga ha iniziato oggi la campagna del Consiglio federale in vista del voto, resosi necessario dopo che associazioni ambientaliste e di protezione degli animali hanno lanciato con successo il referendum contro la revisione elaborata dalle Camere federali.

«La vecchia legge risale al 1985, quando il lupo non era presente nel territorio svizzero», nel frattempo tuttavia, dalla formazione del primo branco nel 2012, il numero di lupi è aumentato di otto volte nel paese. Attualmente in Svizzera vi sono otto branchi e diversi animali singoli: in totale un'ottantina di esemplari distribuiti in dodici cantoni.

L'animale è insediato soprattutto in Vallese, nelle valli del Grigioni, nell'Oberland sangallese, nel bellinzonese, nelle valli del Pays d'Enhaut (VD), attorno al Säntis (AI/AR/SG) e nei boschi del Giura vodese. Ogni anno uccidono tra le 300 e le 500 pecore e capre.

La revisione della legge votata dal parlamento adegua le regole di convivenza tra lupi e uomini alla realtà attuale, ha precisato Simonetta Sommaruga. In particolare bisogna da un lato proteggere la natura e gli animali, dall'altro prestare ascolto alle richieste delle regioni rurali e di montagna, confrontante con il fenomeno delle aggressioni da parte di questi canidi.

Sono tre le ragioni per cui il governo sostiene il testo in votazione: esso migliora sensibilmente la protezione della natura e degli animali selvatici, consente una miglior coabitazione tra uomo e lupo e, infine, costituisce un compromesso tipicamente svizzero.

A proposito di quest'ultimo punto, Sommaruga ha rilevato che nella Confederazione «siamo sempre riusciti a guardare fuori dalle mura cittadine e ad occuparci anche di quanto succede nelle regioni rurali e di montagna. Per queste regioni, ha sottolineato, il lupo costituisce un problema e noi dobbiamo avere riguardo di queste preoccupazioni».

Attualmente i Cantoni non dispongono di strumenti adeguati per gestire la situazione: possono intervenire solo quando le cose sono già degenerate, ha affermato la responsabile del Dipartimento federale dell'ambiente (DATEC). Con la nuova legge, essi potranno autorizzare l'abbattimento di lupi prima che vi siano state stragi di bestiame e ciò per far sì che questi predatori continuino ad aver paura dell'uomo e degli insediamenti. Tuttavia, l'autorizzazione a procedere all'abbattimento dipenderà da diverse premesse.

I Cantoni dovranno agire in modo proporzionato. Non potranno attaccare i branchi che stanno lontani da mandrie e villaggi. Dovranno anche giustificare alle autorità federali l'abbattimento. Come già possibile ora, le organizzazioni per la protezione della natura potranno ricorrere contro le decisioni di abbattimento emesse dai Cantoni. Inoltre il lupo non potrà essere cacciato.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
shooter01 1 mese fa su tio
allora voto NO
Maxy70 1 mese fa su tio
A parte il valore del bestiame ucciso che non deve essere indifferente, aspettiamo fino a quando un lupo affamato, magari troppo anziano per attaccare il bestiame, sbranerà un bambino? Vanno poi gli ambientalisti a parlare con i genitori?
Liberopensiero 1 mese fa su tio
@Maxy70 Pensa che nel parco nazionale d’Abruzzo ogni giorno orsi e lupi mangiano bambini e nessuno dice niente....
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Trasporto pubblico e paura del coronavirus
Conducenti preoccupati di contrarre la malattia. Come mantenere le distanze sociali sui bus?
SVIZZERA
7 ore
Quando il contagio passa al conducente: «Non possiamo dire alla gente di non salire»
Fra chi si ammala di Covid-19 e chi ha paura per i suoi cari, AutoPostale: «Siamo sotto pressione»
SVIZZERA
11 ore
Covid-19: la fiducia degli svizzeri in Berna è cresciuta
Lo sostiene un sondaggio della Ssr, in Ticino una maggioranza vorrebbe obbligatorie le mascherine quando si esce
SVIZZERA
12 ore
Lufthansa ristruttura e anche la flotta di Swiss sarà ridotta
Le misure di risparmio introdotte per far fronte alla pandemia toccheranno anche la compagnia rossocrociata
ZURIGO
14 ore
Tossisce contro un poliziotto, arrestato
L'uomo faceva parte di un gruppo che stava molestando i passanti a Winterthur ieri sera.
SVIZZERA
14 ore
Anche Raiffeisen vede nero: il PIL elvetico crollerà
Una tabella mostra il confronto delle previsioni con gli altri Istituti economici
SVIZZERA
14 ore
L'economia pressa il Governo
I democentristi chiedono al Consiglio federale di discutere una «apertura con misure di protezione specifiche».
SVIZZERA
16 ore
Il coronavirus potrebbe costare fino a 35 miliardi di valore aggiunto
Anche dopo l'allentamento delle misure, l'impatto dipenderà molto dal contesto economico internazionale.
BERNA
17 ore
Controlli di polizia rafforzati durante la Pasqua
Il Governo federale spiega il lavoro della polizia durante l'emergenza Covid-19
SVIZZERA
18 ore
«Non privilegiare l'aviazione rispetto agli altri settori»
La richiesta arriva da 46 gruppi, divisi tra organizzazioni e partiti politici
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile