Keystone
SVIZZERA
18.02.20 - 12:260

Panne di Swisscom, anche la politica vuole vederci chiaro

La Commissione dei trasporti e delle telecomunicazioni del Consiglio nazionale chiederà ragguagli

BERNA - Anche i politici vogliono vederci chiaro sull'ultima panne di Swisscom, durante la quale non erano nemmeno in uso i numeri di emergenza, come il 118. I membri della Commissione dei trasporti e delle telecomunicazioni del Consiglio nazionale (CTT-N) chiederanno ragguagli sulla base dei chiarimenti in corso da parte dell'Ufficio federale delle comunicazioni.

La CTT-N invierà inoltre una lettera alla Commissione della gestione per chiederle di chiarire se e in quale misura la Swisscom abbia adempiuto gli obblighi che il servizio universale le impone, si legge in una nota odierna dei servizi parlamentari.

Domenica, in un'intervista alla "SonntagsZeitung", il CEO di Swisscom Urs Schaeppi non aveva escluso conseguenze personali dopo i problemi tecnici degli scorsi giorni, specie in relazione al mancato funzionamento dei numeri d'emergenza.

Sulle eventuali conseguenze personali, Schaeppi aveva precisato che avrebbe preso una decisione una volta terminata l'analisi dettagliata degli episodi. Anche se istintivamente non ha mai pensato alle dimissioni, è cosciente del fatto che il capo di una società è la persona responsabile, aveva dichiarato al domenicale.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
miba 3 mesi fa su tio
Ma alla fine cosa è poi successo concretamente?
Mattiatr 3 mesi fa su tio
Come al solito ci concentriamo sempre sulle cose sbagliate. Gli errori durante una manutenzione possono succedere, non è successo niente, possiamo continuare a vivere tranquilli. I solti ''se fosse successo qualcosa'' ecc. non servono a nulla. Sarebbe bello che la politica e Swisscom si adoperino per trovare un canale secondario per garantire il servizio anche durante dei lavori. Per esempio durante la manutenzione di un serbatoio si devia il flusso d'acqua in un tubo di bypass per garantire comunque l'acqua, malgrado in quantità inferiori. È possibile applicare un sistema simile anche per la telefonia e le reti mobili? Che tipo di contromisure sarebbero necessarie? È possibile scollegare un settore dell'impianto nazionale senza bloccare tutto? Quali sono le contromisure in caso di un danno reale di cui non si conosce l'effettiva causa? (di fatto imprevisto).
vulpus 3 mesi fa su tio
@Mattiatr Tante belle domande, alle quali non c'è una risposta. Chiuso l'analogico, per garantire una alternativa sono solo degli eufemismi, che non danno nessuna garanzia se non emotiva. Non dobbiamo dimenticare che in questo campo la digitalizzazione è la peggior cosa: Una volta c'erano le centrali telefoniche ,oggi ci sono i centralini virtuali i quali sono disseminati su tutto il territorio: PC collegati in rete che ne fanno le veci: per cui una di queste macchine che va in panne a Losanna, ne trascina altre 100 magari a Zurigo o S.Gallo.Per cui le difficoltà stanno proprio in questa situazione. Ma oramai i cittadini vogliono sempre più prestazioni, ma meno tecnologia, e l'equazione quì non stà . La via di mezzo stà proprio nella tecnologia mobile del 5G tanto osteggiata, ma oramai quasi già indispensabile per ovviare a situazioni critiche.
Corri 3 mesi fa su tio
Il servizio universale dovrebbe diminuire i prezzi al pubblico, così si dimezza anche di strapagare il CEO e i manager.
francox 3 mesi fa su tio
Si dimetterà con 10 milioni di buona uscita, perché i CEO sono strapagati per assumersi tanta responsabilità...
Zico 3 mesi fa su tio
@francox esatto, forse sei stato un pò basso sulla buonauscita..
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
18 min
Gli averi a vista della BNS continuano a salire, ed è record storico
Ed è la 19esima volta di fila per il valore più elevato mai raggiunto, e non è detto che sia una cosa positiva
VAUD
42 min
Crediti Covid trasferiti all'estero: sospetti di una frode milionaria
Il Ministero pubblico vodese ha avviato un'inchiesta. Una persona si trova in detenzione preventiva
SVIZZERA
1 ora
«Con l'auto il rischio di morte è 59 volte maggiore»
L'Ufficio federale dei trasporti ha pubblicato il suo ultimo rapporto sulla sicurezza dei trasporti pubblici
SVIZZERA
2 ore
Settore secondario: produzione ancora in crescita, cifre d’affari in calo
La pandemia ha avuto ripercussioni sui risultati di febbraio e marzo
ZURIGO
3 ore
Coronavirus e rimborsi, il direttore di Hotelplan critica Swiss
«Ha preso soldi dai clienti e poi ha bloccato unilateralmente il rimborso nei suoi sistemi»
BERNA
3 ore
«Servono più scorte mediche»
Jürg Schlup, presidente FMH, ritiene il materiale sanitario debba tornare ad essere prodotto in Svizzera ed Europa
BERNA
4 ore
Coronavirus: togliere alla lotta all'alcolismo per dare ai bar?
A Berna si pensa alla sospensione della tassa sugli alcolici. L'idea non piace alle associazioni contro le dipendenze.
SVIZZERA
16 ore
Turismo: la situazione è tesa, urgono meno restrizioni
Si è tenuto oggi il secondo vertice sul turismo dall'inizio dell'emergenza coronavirus.
GINEVRA
18 ore
Altra partitella "selvaggia", allontanate 300 persone
La polizia cantonale è intervenuta oggi al centro sportivo di Vessy.
SVIZZERA
20 ore
L'ufficio di casa te lo paga il datore di lavoro
Una recente decisione del Tribunale federale potrebbe fare scuola.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile