Keystone
SVIZZERA
09.02.20 - 17:370

Non solo federali: ecco tutti i verdetti usciti dalle urne

Tra il diritto di voto ai 16enni e l'obbligo di notifica per gli autisti Uber, oggi si è votato in altri dodici cantoni (oltre il Ticino)

BERNA - I cittadini di dodici cantoni svizzerotedeschi e romandi erano chiamati oggi a esprimersi su svariati argomenti. Tra i temi di maggior risalto vi era il diritto di voto per i 16enni a Neuchâtel, bocciato alle urne. A Zurigo è invece passata una legge che introduce maggiori obblighi per Uber, mentre a Berna il popolo ha dato la sua benedizione a un'area di transito per nomadi stranieri.

Neuchâtel - I 16enni del canton Neuchâtel non otterranno diritto di voto. I cittadini hanno rifiutato con il 58,52% di "no" l'abbassamento della maggiore età civica, che sarebbe stato una prima assoluta nella Svizzera romanda. Il tasso di partecipazione ha raggiunto il 35,22%. Il progetto prevedeva che per l'ottenimento del diritto di voto i giovani fra i 16 e i 18 anni avrebbero dovuto fare esplicita richiesta presso l'ufficio elettorale del proprio comune.

Zurigo - Il canton Zurigo introduce un obbligo di notifica per gli autisti di Uber. Lo prevede una nuova norma approvata dal 51,6% dei votanti. La "legge sui trasporti di persone con taxi e limousine" obbliga anche gli autisti di servizi come Uber a registrarsi presso l'autorità cantonale e a esporre sul proprio veicolo un apposito distintivo. Un altro oggetto controverso sottoposto agli zurighesi riguardava la costruzione di un tunnel stradale di 2,3 chilometri sotto la "Rosengartenstrasse" , una strada in salita nel quartiere di Wipkingen a Zurigo, che dal 1972 funge da via di transito principale sull'asse nord-sud e vede transitare fino a 56'000 veicoli al giorno. Il 61,5% dei votanti - una quota sorprendentemente alta - ha bocciato la legge che avrebbe dovuto regolare il finanziamento del progetto, con costi stimati in 1,1 miliardi di franchi. Il 60,6% ha inoltre respinto la realizzazione del progetto Gli zurighesi hanno detto "no" anche a due iniziative fiscali contrapposte. Un'iniziativa della Gioventù socialista (Giso) è stata bocciata dal 60,9% dei votanti, mentre quella dei giovani liberali-radicali ha raccolto il 69,7% di voti contrari.

Berna - L'area di transito per nomadi stranieri prevista sull'A1 a un chilometro da Wileroltigen, comune situato tra Berna e Morat, vedrà la luce. I cittadini bernesi hanno infatti approvato il progetto con il 53,5% dei suffragi favorevoli. L'affluenza alle urne è stata del 40,2%. Sono previsti 36 posti auto e potranno essere ospitate fino a 180 persone. Per bloccare il necessario credito di 3,3 milioni di franchi, i giovani UDC si erano giocati la carta del referendum. Secondo i contrari, questa imposizione del Cantone a un villaggio rurale - circa 350 abitanti - è antidemocratica e i costi sono eccessivi.

Friburgo - Il piccolo comune di Clavaleyres, 50 abitanti, abbandonerà Berna per diventare territorio friburghese. È quanto hanno deciso - con una maggioranza schiacciante - i cittadini dei due cantoni. Vi sarà un'aggregazione con Morat (FR), su cui si è già votato nel 2018. A Friburgo, il cambio di appartenenza cantonale è stato accolto con il 96,2% dei "sì". Il tasso di partecipazione si è fermato al 36,1%. Poco pathos anche a Berna, dove i consensi hanno raggiunto l'89% (affluenza: 40,3%). Per Friburgo si tratta della prima modifica territoriale dal 1807. Le Camere federali dovranno ora formalmente convalidare il trasferimento.

Ginevra - I cittadini di Ginevra non vogliono saperne di aumentare la densità degli alloggi. Il declassamento di due zone per garantire uno sviluppo residenziale a Cointrin è stato rifiutato. I ginevrini hanno bocciato entrambi i progetti con oltre il 55% di "no" (Cointrin-Est con il 55,71% e Cointrin-Ovest con il 55,32%). Il tasso di partecipazione è stato del 43,12%. Le due zone in questione, distribuite fra i comuni di Meyrin e Vernier, coprono in totale 22,5 ettari. Il declassamento doveva servire alla costruzione di 2'300 alloggi entro il 2050. Inoltre, i ginevrini hanno deciso di non eliminare l'imposta sui cani. A voler mantenere la tassa, che porta nella casse cantonali e comunali 2,1 milioni di franchi, è stato il 67,3% degli aventi diritto (partecipazione: 43,1%). Adottata dal Gran Consiglio, la soppressione dell'imposta era combattuta da un referendum. Secondo il comitato che l'ha lanciato, il pagamento di questo contributo è un modo per i proprietari di partecipare ai costi della collettività, mentre chi era per l'abolizione sosteneva che il balzello fosse ingiusto e discriminatorio.

Basilea Città - Solo le vetture meno inquinanti e le auto in car-sharing potranno circolare sulle strade di Basilea Città a partire dal 2050. Lo prevede un controprogetto a un'iniziativa in favore delle automobili approvato oggi in votazione. L'iniziativa che intendeva favorire l'uso delle automobili è stata chiaramente respinta dal 65,2% dei votanti. Il controprogetto elaborato dal Gran consiglio, che mira invece a limitare il traffico automobilistico, è stato approvato dal 53,5% dei votanti. L'affluenza ha raggiunto il 49,8%.

Argovia - Il canton Argovia inasprisce le condizioni per ottenere la cittadinanza svizzera. Con il 64,8% di "sì", i votanti hanno approvato una nuova legge che introduce un periodo di attesa di 10 anni per chi avesse beneficiato dell'assistenza. La partecipazione al voto ha raggiunto il 38%. La nuova legge, approvata dalla maggioranza borghese del Gran consiglio, prevede anche nuove norme per i test di naturalizzazione.

Sciaffusa - A Sciaffusa è stata approvata con il 53,8% di voti a favore l'iniziativa della Gioventù socialista (Giso) "Per la trasparenza del finanziamento dei partiti politici". La partecipazione - nell'unico cantone che prevede l'obbligo di recarsi alle urne - ha raggiunto il 63,9%. Il testo esige che i partiti pubblichino i bilanci delle campagne per le elezioni e le votazioni con i nomi di privati e società che donano più di 3000 franchi in un anno. Chi si candida per una carica pubblica a livello comunale o cantonale dovrà inoltre dichiarare i propri legami d'interesse.

Soletta - Al secondo tentativo in meno di un anno, a Soletta è stata approvata con una maggioranza del 73% - 46'953 "sì" e 16'957 "no" - la legge d'applicazione cantonale della riforma fiscale RFFA. La partecipazione ha raggiunto il 36,2%. La nuova proposta ridurrà l'aliquota d'imposizione sugli utili delle imprese dal 21% al 16,3% il primo anno e in seguito al 15,4%.

Turgovia Anche Turgovia ha approvato l'applicazione della RFFA. La legge, che riduce l'imposizione per le imprese dal 16,4 al 13,4%, è stata accettata dal 62,7% dei votanti. Partecipazione al 34,7%. La riforma fiscale è accompagnata da misure di compensazione per la famiglie con figli a carico. Le misure erano sostenute dal parlamento cantonale.

San Gallo A San Gallo è stata respinta dal 53% dei votanti un'iniziativa dell'UDC, dei giovani PLR e dei Verdi denominata "Lo stipendio delle autorità davanti al popolo". La partecipazione è stata del 38,3%. Il testo chiedeva che i cittadini potessero esprimersi sui salari delle autorità comunali attraverso un referendum facoltativo o obbligatorio.

Grigioni La ristrutturazione della scuola agricola Plantahof a Landquart (GR) e l'annesso centro convegni, con il relativo credito di 24,5 milioni di franchi, è stata approvata con l'81,3% di voti favorevoli. La partecipazione si è attestata al 34,2%.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
11 ore
Riaperture, ecco ciò che devi sapere
Il Consiglio federale ha deciso una riapertura graduale. Ripartono negozi, musei e impianti sportivi all’aperto.
SVIZZERA
12 ore
«Decisione incomprensibile e ingiustificabile»
«Il mancato allenamento sarà fatale alla ristorazione», tuona il presidente di GastroSuisse Casimir Platzer.
SVIZZERA/CINA
13 ore
Credit Suisse e UBS stanno spostando i loro banchieri da Hong Kong alla Cina
Si tratta di una strategia ben precisa che potrebbe nascondere una perdita di appeal del polo asiatico
SVIZZERA
13 ore
Aperture prudenti: UDC e PLR delusi, gli altri partiti no
Marco Chiesa parla di «affronto» verso i Cantoni e le commissioni parlamentari. Scelta «incomprensibile» per il PLR.
SVIZZERA
13 ore
Mezza Italia sulla lista nera di Berna
L'Ufsp ha aggiornato l'elenco dei Paesi e delle regioni per cui dal prossimo otto marzo varrà l'obbligo di quarantena.
ARGOVIA
14 ore
I vaccinati nel mirino dei truffatori
Nel Canton Argovia ignoti hanno contattato persone vaccinate chiedendo loro una donazione
FRIBURGO
15 ore
Salvato a un passo dal precipizio
Un escursionista di 70 anni si è perso ieri pomeriggio nei boschi di Marly.
SVIZZERA
15 ore
Nessuno sconto alla ristorazione (per ora)
I provvedimenti presentati dal Governo la scorsa settimana sono stati quasi completamente confermati.
SVIZZERA
15 ore
Tutti quei posti nel metalmeccanico portati via dalla pandemia
Sono migliaia, e le prospettive non sono rosee. L'appello di Swissmem: «Ancora 24 mesi di indennità»
SVIZZERA
16 ore
Utile netto in deciso aumento per EFG International
All'istituto, ben presente anche in Ticino, si guarda al futuro con ottimismo
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile