Tipress (archivio)
SVIZZERA
09.02.20 - 14:040

Pigioni moderate, iniziativisti delusi

Secondo i sostenitori dell'iniziativa il risultato delle urne dimostra comunque che le «difficoltà sul mercato dell'alloggio nelle città siano reali»

BERNA - I sostenitori dell'iniziativa "Più abitazioni a pigione moderata" sono delusi dall'esito del voto, ma sottolineano che il 45% di "sì" dimostra come le difficoltà sul mercato dell'alloggio nelle città siano reali. La sinistra continuerà quindi a chiedere maggiori mezzi per promuovere alloggi ad affitti moderati.

L'iniziativa ha avuto un'accoglienza tiepida soprattutto nella Svizzera tedesca, dove la maggior parte dei cantoni rurali ha inciso sul risultato, ha detto Carlo Sommaruga (PS/GE), presidente dell'Associazione svizzera degli inquilini (ASI), ai microfoni della RTS. Il consigliere agli Stati ginevrino ha anche ricordato che la campagna è stata molto più dura nella Svizzera tedesca, in particolare sulla controversa questione del costo che il testo ASI avrebbe comportato.

Per il comitato promotore si tratta ora di agire a livello del fondo destinato ai prestiti per la costruzione di alloggi a prezzi accessibili. Per Sommaruga «bisogna raddoppiare la posta in gioco». Il Parlamento federale ha già dato il via libera per un credito quadro di 250 milioni di franchi. Questi prestiti saranno disponibili a partire da lunedì e si aggiungeranno ai 510 milioni già stanziati per le cooperative edilizie.

«La questione dell'edilizia abitativa non può essere risolta con le quote», ha dichiarato Olivier Feller (PLR/VD), segretario generale della Federazione immobiliare romanda. Secondo il consigliere nazionale sono necessarie soluzioni locali e regionali. Anche Jean-François Rime, presidente uscente dell'Unione svizzera delle arti e dei mestieri (Usam), ha espresso la sua soddisfazione per il risultato. «Il mercato immobiliare deve rimanere in mani private». Il problema degli alloggi a prezzi accessibili riguarda soprattutto le grandi città come Ginevra o Basilea. Non era necessario fare una legge per tutta la Svizzera, ha detto.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
10 ore
Il Palazzo delle Nazioni s'illumina per l'ONU
Anche il Jet d'eau sarà illuminato di blu: si celebra l'anniversario delle Nazioni Unite
SOLETTA
10 ore
«Più di tre ore per fare il tampone»
«La coda diventava sempre più grande» spiega una testimone
SVIZZERA
13 ore
«Si sarebbe dovuto agire già in estate»
C'è chi vede il 29 giugno come il giorno in cui si sarebbe dovuto iniziare a fare qualcosa, come l'epidemiologo Althaus
SVIZZERA
15 ore
«Eravamo sovraccarichi già due settimane fa»
Dall'elaborazione dei dati, al supporto a chi si trova in quarantena. Un contact tracer racconta il suo lavoro.
SVIZZERA
16 ore
Bloccati un'ora e mezza in galleria
I viaggiatori di un treno diretto da Zurigo a Lucerna sono rimasti bloccati per circa un'ora e mezza
SVIZZERA
16 ore
Coronavirus: «Senza programmabilità gli approvvigionamenti sono a rischio»
L'associazione Commercio Svizzera chiede al Consiglio federale chiarezza sugli scenari da attendersi.
SVIZZERA
18 ore
Ueli Maurer preoccupato per la repressione del dissenso
Il ministro delle finanze ha parlato di tendenze «pericolose per la democrazia» all'Assemblea dei delegati UDC
ZURIGO
20 ore
Tentativo di rapina con coltello, un ferito grave
L'aggressione è avvenuta nella notte vicino alla stazione centrale di Zurigo.
SVIZZERA
21 ore
Mascherina presto obbligatoria anche all'aperto?
Il Consiglio federale ha messo in consultazione alcune ulteriori misure per lottare contro la diffusione del Covid-19.
SVIZZERA
22 ore
«Prima combattiamo il covid, poi la legge sul CO2 e l'accordo quadro»
Marco Chiesa ha aperto questa mattina con un discorso l'assemblea dei delegati dell'UDC.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile