Keystone
Il PPD oggi ha sostenuto Cassis quale ministro in carica e per rispettare la rappresentanza delle regioni linguistiche.
SVIZZERA
11.12.19 - 17:090

Accordo quadro, Pfister attacca Cassis: «Mostri più polso»

Il presidente del PPD ne ha pure per il segretario di Stato Roberto Balzaretti: «Ha fatto pubblicità per l'accordo e lo ha presentato come se fosse la miglior possibilità. Va sostituito»

di Redazione
ats

BERNA - Fuoco a volontà del presidente del PPD Gerhard Pfister nei confronti del consigliere federale Ignazio Cassis e del segretario di Stato Roberto Balzaretti: il primo farebbe bene a mostrare più polso e il secondo, alla testa delle relazioni con l'Ue, deve essere sostituito, afferma il politico di Zugo.

Per Pfister in materia di accordo quadro con l'Ue non si può andare avanti come finora. «Il segretario di Stato Balzaretti ha fatto pubblicità per l'accordo e lo ha presentato come se fosse la migliore possibilità, senza che fosse autorizzato a farlo», afferma Pfister in un'intervista pubblicata oggi sul sito online della Neue Zürcher Zeitung.

Il governo, argomenta il consigliere nazionale, non aveva ancora deciso nulla in merito all'intesa con l'Unione europea. E il capo del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) Cassis non ha impedito a Balzaretti di fare quello che ha fatto. «È stato un grossolano errore: come si possono chiedere seriamente miglioramenti a Bruxelles dopo che si è accettato pubblicamente e senza riserve questo trattato? ».

Secondo Pfister è necessario un cambiamento. «Se il Consiglio federale desidera concludere con successo questo accordo, deve nominare un nuovo negoziatore. Si potrebbe trovare un nuovo compito per Balzaretti e cercare un nuovo responsabile del dossier europeo che possa trattare di nuovo in modo credibile».

Il destino di Cassis è invece «questione dell'intero governo: non voglio immischiarmi». Se l'esecutivo arriva alla conclusione che il consigliere federale PLR è in grado di difendere in modo credibile l'intesa davanti al popolo non è necessario che Cassis lasci la testa del DFAE. Ma «se rimane ministro degli esteri, mi aspetto da lui più leadership».

«Non sono sicuro - prosegue Pfister - che Cassis abbia davvero capito che abbiamo bisogno di chiari miglioramenti a questo accordo quadro se vogliamo affrontare il voto popolare». A suo avviso il ministro ticinese partecipa solo in modo tiepido alla campagna contro l'iniziativa UDC che vuole mettere fine alla libera circolazione.

La collega di partito Karin Keller-Sutter porta inoltre avanti il progetto di una rendita ponte per i lavoratori anziani che perdono il lavoro, per contrastare paure e problemi reali. «Ma non ho il sentimento che Cassis sostenga questo approccio: mi è stato anzi detto che quasi se ne distanzia».

Secondo Pfister così facendo compromette la politica europea del Consiglio federale e indebolisce la sua posizione nei confronti di Bruxelles in quanto sostenitore credibile di buone relazioni bilaterali. Per il 57enne l'attuale accordo quadro ha poche chance, se non viene migliorato.

«Cassis ha di recente detto che vuole mantenere la sua funzione di ministro degli esteri per dieci anni. Se lo farà davvero spero, nell'interesse della Svizzera, che questi dieci anni siano migliori dei primi due», osserva Pfister.

L'intervista è stata rilasciata dopo la rielezione di Cassis nell'esecutivo. Il PPD - spiega il suo presidente - lo ha sostenuto quale ministro in carica e per rispettare la rappresentanza delle regioni linguistiche prevista dalla Costituzione.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Maxy70 1 anno fa su tio
Riguardo alla scarsa coerenza di Pfister posso essere d'accordo, ma domanda: sostituire Cassis con chi? Ci vai tu in CF marco17? Chi toglie dal cappello un Consigliere Federale, pronta consegna, che abbia l'appoggio del parlamento? L'unica alternativa sembrava la verde, allora meglio dieci Cassis, che sicuramente può impegnarsi a migliorare.
anndo76 1 anno fa su tio
@Maxy70 no manda il tato, il rambo del bellinzonese, ha un acume...... :)
Bayron 1 anno fa su tio
Tranquillo concorderà il da farsi con il suo omologo Di Maio..
Aky 1 anno fa su tio
Bravo Marco17, ben detto.
marco17 1 anno fa su tio
Questo signore impersona perfettamente gli uregiatt in tutta la loro inconsistenza. Cassis non va bene? Avevi l'occasione di mettere qualcun altro al suo posto ma tu e il tuo partito lo avete rieletto stamattina e adesso di che cosa vi lamentate? Non chiedere più fermezza ad altri, dal momento che sei incapace tu stesso di averne.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile