Keystone
SVIZZERA
11.12.19 - 07:170
Aggiornamento : 09:00

Ignazio Cassis resterà in Consiglio federale?

Il Parlamento procederà stamattina con l'elezione del Governo. La poltrona del ticinese è presa di mira dalla presidente dei Verdi Regula Rytz, che però difficilmente avrà i numeri per scalzarlo

di Redazione
ats

BERNA - Oggi si saprà se Regula Rytz riuscirà a entrare in Consiglio federale. Secondo gli addetti ai lavori - che hanno valutato a fondo le dichiarazioni dei vari parlamentari, capigruppo e presidenti di partito - all'ecologista non dovrebbe riuscire la scalata al governo.

La giornata, a Camere riunite, inizierà alle 08.00 con la rielezione dei consiglieri federali uscenti. Tutti si ripresentano per un nuovo mandato di quattro anni, nell'ordine: Ueli Maurer (UDC/ZH), Simonetta Sommaruga (PS/BE), Alain Berset (PS/FR), Guy Parmelin (UDC/VD), Ignazio Cassis (PLR/TI), Karin Keller-Sutter (PLR/SG) e Viola Amherd (PPD/VS).

Se per molti di loro la riconferma sarà una formalità o poco più, lo stesso non si può dire per i due ministri PLR uscenti e in particolare per il ticinese Ignazio Cassis. I Verdi, forti del loro successo alle recenti elezioni federali, hanno infatti candidato la loro presidente Regula Rytz.

A fine novembre, nell'ufficializzare la candidatura di Rytz, i Verdi avevano esplicitamente detto di voler attaccare un seggio liberale-radicale, partito sovra rappresentato con due seggi nell'esecutivo. Rytz aveva espressamente dichiarato di mirare alla poltrona di Cassis. Visti i rapporti di forza in Parlamento, per essere eletta Rytz ha però bisogno, oltre che del sostegno compatto della sinistra, anche dell'appoggio di Verdi liberali e PPD. Quest'ultimo partito, considerato ago della bilancia, ha però già fatto sapere che non la voterà. Una eventuale elezione di Rytz sarebbe dunque un autentico exploit, oltre a una enorme sorpresa.

Lo scenario - Lo scenario più verosimile rimane quindi lo status quo. Le altre possibilità - come l'elezione di Rytz al posto della PPD Viola Amherd, o l'elezione di un Verde e di un Verde liberale al posto di un ministro PS e uno PLR, come suggerito da Christoph Blocher - sono ancora meno probabili.

Una volta scelta la composizione del governo, il Parlamento proseguirà con l'elezione del Cancelliere della Confederazione. L'unico candidato in lizza è l'uscente Walter Thurnherr, proposto dal gruppo PPD.

Dopo aver assistito alla cerimonia del giuramento dei Consiglieri federali e del Cancelliere, l'Assemblea federale procederà con l'elezione del Presidente della Confederazione per il 2020. Secondo il turno, la carica spetta a Simonetta Sommaruga.

La giornata si chiuderà con l'elezione del vicepresidente del Consiglio federale per il 2020. La carica incombe a Guy Parmelin.

Il Gruppo di centro rielegge tutti - Il Gruppo di centro - composto da 44 esponenti del PPD, del PBD e del PEV - rieleggerà tutti i membri uscenti del Consiglio federale quale segnale di stabilità per il Paese e di continuità per il Governo. Nel suo discorso davanti all'Assemblea federale, il capogruppo Leo Müller (PPD/LU) ha messo l'accento sulla concordanza, pur ammettendo che i Verdi alle recenti elezioni federali hanno ottenuto un successo.

Secondo Müller, gli ecologisti avrebbero diritto a un seggio in governo, ma l'equa rappresentanza delle regioni linguistiche è altrettanto importante. Quindi il Gruppo di centro rieleggerà il Consigliere federale Ignazio Cassis al quinto turno di elezione.

Müller ha comunque rilevato che in futuro i partiti dovranno ridiscutere la formula magica e il principio di concordanza per l'esecutivo.

Anche il Gruppo UDC per la riconferma degli uscenti - Anche il Gruppo dell'Unione democratica di centro - composto da 62 esponenti di UDC, UDF, Lega e indipendenti - rieleggerà tutti i membri uscenti del Consiglio federale e in particolare il consigliere federale Ignazio Cassis quale rappresentante della Svizzera italiana. «La sua non rielezione sarebbe uno schiaffo al canton Ticino», ha dichiarato il capogruppo democentrista Thomas Aeschi (ZG).

Nel suo intervento Aeschi ha detto che l'UDC rimane fedele alla concordanza purché anche gli altri partiti lo facciano. Secondo Aeschi, grandi sfide attendono la Svizzera nei prossimi anni, fra cui l'immigrazione e le relazioni bilaterali. E la Confederazione deve avere un rappresentante del Ticino, che è confrontato direttamente a queste questioni decisive per il nostro Paese, ha aggiunto il capogruppo UDC.

Verdi e PS su Rytz - I capigruppo del PS, Roger Nordmann (VD), e dei Verdi, Balthasar Glättli (ZH), hanno ribadito oggi davanti all'Assemblea federale che voteranno l'ecologista bernese Regula Rytz al quinto turno dell'elezione al posto del liberale-radicale ticinese Ignazio Cassis.

Il gruppo socialista, composto da 48 esponenti, sosterrà Regula Rytz, ha detto Nordmann. «Con lei, i Verdi presentano una candidatura valida. La formula magica non è una scienza esatta ma il PS ritiene che la destra dura sia sovra rappresentata in Governo». Per questo, ha aggiunto il vodese, il PS rieleggerà tutti i membri del governo, salvo Ignazio Cassis.

Dello stesso avviso il capogruppo dei Verdi, che contano 35 esponenti alle Camere federali: «La formula magica è stata spazzata via il 20 ottobre scorso. I Verdi sono diventati il quarto partito, con un successo mai verificatosi da quando esiste il sistema proporzionale in Svizzera e non si tratta di un capriccio della storia», ha sottolineato Glättli.

Secondo il consigliere nazionale zurighese, «la stabilità e la concordanza passano da una rappresentanza equa di tutte le forze politiche. Escludere il 30% dell'elettorato, equivarrebbe a rifiutare un dibattito di idee».

Il PLR difende il seggio - «La composizione del Consiglio federale non è mai stata una scienza esatta. La stabilità per la Svizzera è essenziale, in particolare sul piano economico. Per questi motivi il gruppo PLR non voterà la candidata ecologista Regula Rytz», ha indicato il capogruppo Beat Walti (ZH) oggi davanti all'Assemblea federale.

Il PLR - che conta 41 esponenti alle Camere federali - critica le argomentazioni matematiche utilizzate dai Verdi per rivendicare uno poltrona in governo. I liberali-radicali sono il partito che ha più seggi nei governi e nei legislativi cantonali. «Non vediamo quindi alcun motivo per rinunciare al secondo seggio in governo», ha sostenuto il consigliere nazionale.

Walti ha poi aggiunto, in italiano, che il Parlamento ha il compito di tenere in considerazione il fatto che vengano rappresentate in governo tutte le regioni geografiche e linguistiche: la Svizzera orientale è così rappresentata da Karin Keller-Sutter e il Ticino da Ignazio Cassis. Per ragioni di principio, inoltre, il PLR non è disposto a non rieleggere un ministro uscente che si ripresenta. Per questo motivo, ha concluso Walti, «rieleggeremo tutti i sette consiglieri federali uscenti».

In precedenza, la capogruppo dei Verdi liberali Tiana Moser aveva ribadito che il suo gruppo - composto da 16 esponenti - è diviso tra un sostegno alla candidatura di Regula Rytz e la rielezione del consigliere federale uscente Ignazio Cassis. «Ogni membro voterà come meglio ritiene», ha detto la Moser.

Commenti
 
Ornella Rima Colombo 1 mese fa su fb
Fuori!!👎👎👎
Leila Bianchi 1 mese fa su fb
Io sto qui proprio non lo reggo a pelle. Quando lo vedo mi viene voglia di prenderlo a sberloni, quando lo sento parlare e, per sbaglio capisco cosa sta dicendo... boh mei fermass chi!
matteo2006 1 mese fa su tio
Cioè? cosa vorresti che facessero? Solo per egoismo e narcisismo però guai se fosse competente a votarla, e guai a definire egoista o narcisista un Ticino che vuole a tutti i costi il suo consigliere federale a discapito del principio prima la competenza.
Bayron 1 mese fa su tio
Mi auguro di NO!
Led Swan 1 mese fa su fb
Purtroppo si🙁
Pulentaebrasaa 1 mese fa su tio
Fö di ball! Perchè per fare il consigliere federale come lo sta facendo lui e fo**ersene alla grande del nostro cantone, avrebbero potuto eleggere anche topo gigio!
vulpus 1 mese fa su tio
Ora abbiamo la dimostrazione che questi nuovi verdi, non sono un partito, ma solamente una appendice di un movimento. L'unico obiettivo che hanno saputo esprimere in questi mesi è stato quello di voler accedere al CF. Del resto continuano solo con gli slogan, tipicamente tassa e spendi, di quest'area.
ugobos 1 mese fa su tio
@vulpus esatto aria fritta
don lurio 1 mese fa su tio
Per l'egoismo , narcisismo dei verdi, socialisti, spero che la verde non venga eletta. Oppure rimettere in una votazione nazionale tutti i consiglieri , e tutti i deputati. Mi domando perché tutti i deputati stanno votando i consiglieri a votazione segreta .Hanno paura di votare per alzata di mano …… Vergogna…..
marco17 1 mese fa su tio
@don lurio Quanta spocchia e ignoranza: che cosa vuol dire "rimettere in una votazione nazionale tutti i consiglieri, e tutti i deputati"??? La votazione è segreta per garantire a ogni deputato di votare liberamente, senza farsi condizionare dal partito o da qualche lobby. Sono cose che capisce anche un bambino di prima elementare.
ugobos 1 mese fa su tio
prima i verdi facciano qualcosa e poi si vedra. al momento non vedo niente oltre bla bla bla
pedrito-el-drito 1 mese fa su tio
Purtroppo....
marco17 1 mese fa su tio
Purtroppo temo di sì.
Ade Gheiz 1 mese fa su fb
Ma anche no.
Cla Gia 1 mese fa su fb
Speriamo che torni a casa!
Cla Gia 1 mese fa su fb
Luca L è mo su che du ball😤😤😤
Fabio Waelti 1 mese fa su fb
Non capisco come si può definire " Ticinese " uno con passaporto italiano Meglio senza Consigliere Federale Ci stiamo vendendo!! Solo in Svizzera succede questo .
Lucilla Ferrara 1 mese fa su fb
Fabio Waelti a me lui non piace nemmeno guardato da distanze siderali e se lo spedissero a casa sarebbe un bene per tutti. Tuttavia: NON è italiano; aveva il doppio passaporto come tantissimi ticinesi e svizzeri e quello italiano lo ha restituito non appena entrato in CF. Va bene che in FB qualsiasi deficiente può scrivere di tutto e di più ma cazzarola, almeno le balle evitatele.
Led Swan 1 mese fa su fb
Lucilla Ferrara Il fatto che abbia restituito il passaporto non toglie il fatto che fosse italiano al momento dell'elezione o poco prima. Sicuramente non ha rinunciato spontaneamente ma dietro "consiglio" di chi l'ha spinto fin lassu'. Riguardo la doppia cittadinanza si dovrebbe porre rimedio semplicemento vietandola...
Cristiano Dias 1 mese fa su fb
Speriamo di sì
Valeria Rusca Caldirola 1 mese fa su fb
Speriamo di no.
Cristina Botta 1 mese fa su fb
Valeria Rusca Caldirola purtroppo l’alternativa non so se sia migliore
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
ZURIGO
19 min
Sulla Limmat il risveglio è bianco... ma è un fake
Si tratta di "neve industriale". Affinché si formi, sono necessarie temperature fredde, nebbia alla giusta altezza e ciminiere industriali
SVIZZERA
1 ora
Così gli aeroporti svizzeri si preparano per il coronavirus
Tutte le misure messe in atto, soprattutto a Zurigo, anche se per ora siamo lontani dagli scanner di temperatura di Stati Uniti e Cina
SVIZZERA
1 ora
La moneta di Roger Federer torna in vendita
Swissmint ne mette a disposizione altri 37mila esemplari, il sito di vendita è subito k.o.
VAUD
2 ore
Aereo si schianta al suolo: due morti
L'incidente è avvenuto al confine con il canton Friborgo
SONDAGGIO 20 MINUTI
4 ore
Alloggi e omofobia: come voterete il 9 febbraio?
Tra poco più di due settimane i cittadini saranno chiamati alle urne. Partecipate al nostro sondaggio
SVIZZERA
10 ore
Un accordo con Trump: cosa porterebbe alla Svizzera?
Nell’ambito del WEF Simonetta Sommaruga ha spiegato che la Confederazione è interessata al libero scambio con gli Stati Uniti
BERNA
11 ore
Offre mille franchi a chi gli ha rubato la targa, gliela riportano
Il trentunenne vittima del furto è legato sentimentalmente a quel numero, tanto da non voler denunciare il ladro
ZURIGO
12 ore
«Make Trump small again»
È il messaggio che un cittadino ha scritto a grandi lettere sul suo prato. Nel frattempo il presidente USA è ripartito
FOTO
ZURIGO
14 ore
Proteste contro il WEF: poliziotto ferito da un razzo
Diverse centinaia di persone sono scese in piazza per una manifestazione autorizzata organizzata da giovani socialisti e giovani verdi
BERNA
14 ore
Ruba 106'000 franchi per darli a un truffatore del web
L'impiegata di banca dell'Oberland ha sottratto la cospicua somma dal conto di un buon conoscente. È stata condannata a 24 mesi con la condizionale
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile