KEYSTONE
Bisogna inasprire le norme relative ai lobbisti in Parlamento, secondo il Consiglio nazionale.
SVIZZERA
02.12.19 - 18:500

Il Nazionale vuole inasprire le norme sui lobbisti

È stata approvata l'entrata in materia sulla revisione della Legge sul Parlamento

di Redazione
Ats

BERNA - Bisogna inasprire le norme relative ai lobbisti in Parlamento. È quanto ritiene il Consiglio nazionale che, contrariamente a quanto deciso in prima lettura e raccomandato dalla commissione preparatoria, è entrato nel merito sul relativo disegno di legge. Si tratta di un primo esempio dello spostamento degli equilibri dopo le elezioni federali dello scorso 20 ottobre.

L'entrata in materia sulla revisione della Legge sul Parlamento, che si basa su un'iniziativa dell'ex "senatore" Didier Berberat (PS/NE), è stata approvata con 107 voti contro 66 e 4 astenuti. L'oggetto torna quindi in commissione per l'esame particolareggiato.

Durante il dibattito, Marco Romano (PPD/TI), a nome della commissione, ha detto che la revisione proposta genererà solo burocrazia senza portare alcun plusvalore. Buona parte del lavoro dei lobbisti avviene fuori dalle mura di Palazzo federale, ha aggiunto, invano, il ticinese.

Per la maggioranza, infatti, le regolamentazioni attuali non sono più soddisfacenti. È vero che esiste un elenco nominativo dei lobbisti (attualmente i deputati hanno la possibilità di far accreditare due persone esterne, ndr), non è però chiaro quali mandati abbiano e quali società e organizzazioni rappresentino, ha sostenuto Matthias Jauslin (PLR/AG). Questa situazione, ha aggiunto l'argoviese, è del tutto insoddisfacente in termini di trasparenza.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
15 min
«Ogni anno perdiamo migliaia di soldati»
Non c'è una guerra in corso. Ma un'emorragia di reclute, che preoccupa non poco Berna
LUCERNA
1 ora
Maestro mezzo nudo e con la lingua di fuori invia selfie agli studenti
Polemica in una scuola media per scatti ritenuti inappropriati. Insegnante allontanato.
SVIZZERA
13 ore
Crediti e ipoteche a PostFinance: la decisione non piace a tutti
Il mondo bancario è diviso, mentre l'Unione svizzera arti e mestieri e i sindacati sono decisamente contrari.
SVIZZERA
14 ore
A novembre la SSR lancerà una piattaforma streaming
Si chiamerà Play Suisse e ospiterà produzioni svizzere doppiate o sottotitolate in tutte le lingue nazionali
SVIZZERA
14 ore
La Svizzera si tinge di blu
Con gli ulteriori allentamenti previsti per mezzanotte, il Paese entra in una nuova fase della lotta contro il Covid-19.
BERNA
17 ore
Canapa CBD: 33 milioni restituiti ai produttori
Il denaro era stato versato in tasse sul tabacco, riscosse però non legalmente
ZURIGO
18 ore
Flixbus: caos sui viaggi tra città svizzere
La società si difende dalle accuse di cabotaggio affermando che si è trattato di un "errore tecnico".
SVIZZERA
19 ore
PostFinance verso una privatizzazione parziale
Avviata la procedura di consultazione sulla revisione della legge che vieta la concessione di crediti e ipoteche.
SVIZZERA
20 ore
Le frontiere riaprono il 15 giugno
Tutte le restrizioni in entrata vigenti nel nostro Paese saranno revocate.
SVIZZERA
21 ore
Il Ticino vuole strade sicure, la Confederazione risponde
L'iniziativa cantonale "Strade più sicure subito!" chiede di vietare il transito a chi non ha i dispositivi di sicurezza
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile