keystone-sda.ch/ (PETER SCHNEIDER)
Verena Herzog
BERNA
11.11.19 - 12:340

L'Udc rivendica «il diritto di scherzare» sui gay

Includere l'omofobia nella legge anti-razzismo? Un comitato referendario, riunito oggi nella capitale, ha illustrato i motivi del "no"

BERNA - «In una società libera si deve poter ridere di tutto». Ne è convinto il comitato di politici Udc e Udf (i conservatori cristiani), che ha raccolto oltre 70mila firme contro la nuova legge anti-razzismo. Oggi a Berna il comitato ha presentato  le sue argomentazioni, in vista della votazione popolare del prossimo 9 febbraio. Per i promotori del referendum contrario, in particolare l'estensione della norma penale antirazzismo alle esternazioni omofobe sarebbe «una restrizione sproporzionata della libertà di espressione e di coscienza». 

In gran parte svizzerotedesco e composto da politici dell'Unione democratica federale (UDF, partito conservatore cristiano che basa il suo programma sulla Bibbia) e dell'UDC, il comitato ha raccolto 70'349 firme contro quella che definisce una "legge di censura".

«Un cittadino libero deve poter parlare di tutto senza temere accuse e denunce», ha affermato Marc Früh, dell'UDF, chiedendosi «come educare i bambini e i giovani senza osare argomentare sugli aspetti positivi e negativi che scaturiscono dall'orientamento sessuale». Il timore, per i membri del comitato, è anche quello di venire in futuro etichettati come omofobi se per esempio argomentano contro il matrimonio per tutti, ha da parte sua rilevato Hans Moser, presidente dell'UDF.

«In una società libera si deve poter ridere di tutto», ha aggiunto la consigliera nazionale Verena Herzog (UDC/TG), «e se si tratta di umorismo buono o cattivo deve deciderlo l'ascoltatore e non certo un giudice». Oltretutto, secondo il comitato, le attuali norme proteggono già a sufficienza dalla discriminazione e dalla violenza. Anzi, l'estensione della norma antirazzismo potrebbe addirittura avere effetti controproducenti.

Per Michael Frauchiger, esponente UDC del canton Zurigo e copresidente di un comitato LGBTI contrario, con la nuova direttiva omosessuali, bisessuali e trangender finirebbero per essere considerati dallo Stato come una "minoranza debole". «Non abbiamo bisogno di essere degradati a minoranza bisognosa di protezione, ma vogliamo essere riconosciuti come una componente normale della società», ha precisato, ricordando che anche all'interno della comunità LGBTI esistono, come ovunque, le più diverse sensibilità politiche.

Lo Stato non deve fare la differenza fra cittadini o gruppi di cittadini, ha infine rilevato Katharina Baumann, granconsigliera bernese dell'UDF. Non è giusto, ha proseguito, che persone siano tutelate a causa del loro orientamento sessuale e non avvenga lo stesso con altre caratteristiche, come un handicap, l'età oppure il sovrappeso, per esempio.

Lo scorso dicembre le Camere federali - dando seguito a un'iniziativa parlamentare del consigliere nazionale Mathias Reynard (PS/VS) - avevano deciso di sanzionare penalmente anche le discriminazioni basate sull'orientamento sessuale, modificando l'articolo 261bis del codice penale. Questo consente attualmente di punire esclusivamente la discriminazione di una persona per la sua razza, etnia o religione, ma non per il fatto di essere vittima di esternazioni omofobe.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO E VIDEO
ZURIGO
5 ore
L'ultimo saluto a Kuhn: «Grazie per tutto, Köbi»
La Svizzera calcistica, ma non solo, ha reso omaggio a Zurigo all'ex selezionatore nella Nazionale. Magnin: «Era un uomo del popolo». Frei: «Una leggenda»
GINEVRA
6 ore
Arrestato il deputato Simon Brandt
L'accusa è "violazioni del segreto d'ufficio"
TURGOVIA
7 ore
Frontale fra un camion e un trattore
I due conducenti hanno riportato solo lievi ferite
SVIZZERA
8 ore
Torturati e uccisi per soldi, prigione a vita per un 30enne
Nel 2016, l'uomo, con la complicità della moglie e di un garagista, tolse la vita a un 36enne e a un 25enne
SVIZZERA
9 ore
Il canone per le imprese è anticostituzionale
Per il Tribunale amministrativo federale la classificazione in sei livelli tariffari è troppo indifferenziata
VALLESE
9 ore
Assalto al bancomat, si cercano tre scassinatori
Il fatto è accaduto a Leytron
SVIZZERA
10 ore
Sotto il Cupolone non si balla il valzer
Dopo la rielezione dell'intero Consiglio federale, non ci saranno cambiamenti nemmeno alla testa dei vari dipartimenti
SVIZZERA
11 ore
Condannato per aver nascosto i vestiti di un'amica in sauna
La motivazione è che la querelante è stata costretta a camminare nuda nella "Sauna-Studio-Tanzlokal"
SVIZZERA
11 ore
Amministrazione federale: più viaggi in treno al posto dell'aereo
È la strategia adottata dal Consiglio federale per ridurre del 30% entro il 2030 le emissioni di CO2 causate dai voli
ARGOVIA
12 ore
Altre cinque persone positive ai test per la tubercolosi
Queste persone non si sono ammalate
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile