Keystone
Beat Vonlanthen e Markus Bapst
FRIBURGO
11.11.19 - 11:430

Il PPD non ci sta e chiede la riconta dei voti

Ieri la giovane liberale-radicale Johanna Gapany ha sorprendentemente strappato (di misura) il seggio alla Camera dei cantoni all'uscente Beat Vonlanthen

FRIBURGO - Il PPD vuole che si proceda a un nuovo conteggio dei voti in merito al secondo turno dell'elezione al Consiglio degli Stati nel canton Friburgo. Ieri, al termine di una giornata andata per le lunghe a causa di un problema informatico, la giovane liberale-radicale Johanna Gapany ha sorprendentemente strappato in volata il seggio alla Camera dei cantoni al "senatore" uscente popolare-democratico Beat Vonlanthen.

Alla fine dello spoglio del ballottaggio, la 31enne, municipale di Bulle e deputata in Gran Consiglio, ha ottenuto 31'122 preferenze, sole 158 più di Vonlanthen. Nessun problema invece per l'altro uscente, il presidente del PS svizzero Christian Levrat, primo con 38'337 voti.

La cancelleria cantonale ha comunicato i risultati ufficiali solo verso le 21.15. Le bizze del sistema informatico hanno infatti ritardato di diverse ore lo scrutinio, obbligando anche a un calcolo manuale delle schede.

È in questo contesto dunque che il PPD domanda la riconta, con l'obiettivo numero uno di vederci chiaro. In un comunicato diffuso ieri in tarda serata, il partito parla di «gravi problemi» e si «interroga circa la validità del processo elettorale».

«Vogliamo delle spiegazioni dalla cancelleria», ha spiegato oggi sollecitato dall'agenzia di stampa Keystone-ATS Markus Bapst, copresidente della sezione friburghese del PPD. «Non vogliamo imporre il nostro candidato, bensì ripristinare la fiducia» nel sistema, ha precisato, facendo inoltre sapere che un eventuale ricorso sarà discusso giovedì sera dal comitato direttivo dello schieramento centrista.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
12 ore
Coronavirus, due casi sospetti a Zurigo
Due persone che recentemente hanno soggiornato in Cina si trovano al momento in quarantena al Triemli-Spital
BERNA
13 ore
Fermati due scassinatori di distributori automatici
Si tratta di un 27enne e di un 28enne, fermati da una pattuglia di polizia a Unterseen
DAVOS
13 ore
La delegazione del Congo non ha pagato l'hotel
Al WEF l'entourage del presidente Félix Tshisekedi ha soggiornato ad Arosa. Ma è ripartito senza saldare il conto
SVIZZERA
18 ore
La pornografia dura aumenta il rischio di violenza sulle donne
Diversi esperti concordano: il consumo regolare di pornografia può generare un effetto di assuefazione che abbassa l'asticella del tollerabile
SVIZZERA
19 ore
Coronavirus, Berna decide di alzare il livello di guardia
La Confederazione ha rafforzato l'obbligo di notifica: i casi sospetti saranno da segnalare entro due ore
ZURIGO
20 ore
Ricevono la disdetta e ritrovano i loro appartamenti su Airbnb
Un inquilino racconta l'incredibile vicenda e promette battaglia per restare nella sua casa
FOTO
SVIZZERA
21 ore
Altro duo per la presidenza del PS
I consiglieri nazionali Mathias Reynard e Priska Seiler Graf hanno deciso di correre insieme per la co-presidenza
GINEVRA
1 gior
Quei flirt (pericolosi) tra secondini e detenuti
L'ultimo caso è avvenuto nella prigione-ospedale Curabilis nel Canton Ginevra. Il più eclatante fu quello di Hassan Kiko e Angela Magdici
BERNA
1 gior
Le spara «per passione», arrestato
Una donna di Thun ferita da un colpo di pistola. È in gravi condizioni. In manette un uomo
SVIZZERA
1 gior
Le piazze svizzere contro il 5G
Manifestazioni oggi a Berna, Ginevra e Zurigo. I dimostranti «preoccupati per la salute»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile