keystone-sda.ch/ (SALVATORE DI NOLFI)
SVIZZERA
29.10.19 - 11:560

Emergenza clima: «Urgente agire in alta montagna»

Il consigliere federale Alain Berset ha parlato durante il vertice dell'OMM: «La Svizzera deve essere in prima linea»

BERNA - Nel contesto dei mutamenti climatici è urgente agire per le regioni di alta montagna. Lo ha affermato oggi a Ginevra il consigliere federale Alain Berset, in un discorso tenuto al primo vertice organizzato dall'Organizzazione meteorologica mondiale (OMM) su queste aree. La Svizzera, ha aggiunto, deve essere «in prima linea» per quanto riguarda le conseguenze del riscaldamento globale.

«Siamo toccati maggiormente di altri», ha aggiunto il capo del Dipartimento federale dell'interno (DFI) parlando ad alcuni giornalisti. Nell'arco di 150 anni la temperatura è aumentata mediamente di 2 gradi in Svizzera, contro 0,9 gradi nel mondo.

Il volume totale dei ghiacciai è diminuito del 2% in un anno, ha ricordato Berset, aggiungendo che 500 sono scomparsi dall'inizio del XX secolo, mentre i 4000 restanti rischiano di ridursi del 90% entro il 2100.

"Non dobbiamo tardare ad agire", ha aggiunto, lanciando un appello a mobilitarsi a tutti i settori, dall'agricoltura, ai trasporti, all'energia. "La giovane generazione e le elettrici ed elettori ci mostrano la strada da intraprendere".

L'obiettivo del primo Vertice sulle regioni di alta montagna organizzato dall'OMM è di stabilire interventi prioritari per far fronte ai bruschi e durevoli cambiamenti di cui è oggetto la criosfera (ghiacciai, neve e permafrost), si legge in una nota diffusa stamane dal DFI.

I partecipanti sono chiamati a definire in un piano d'azione misure concrete per migliorare la qualità dei dati idrologici, meteorologici e climatologici. L'obiettivo è ridurre al minimo i rischi di catastrofi naturali e proteggere le popolazioni e le infrastrutture locali: per questo sono necessari dati scientificamente attendibili.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA / THAILANDIA
15 min
Niente dosi elvetiche per la “quinta Svizzera” (per ora)
La Confederazione ha le mani legate: i contratti prevedono l'impiego delle dosi entro i confini nazionali
FOTO
ZURIGO
3 ore
Attivisti a Zurigo: 83 fermi e alcuni manifestanti soccorsi
Il bilancio del sit-in che ha avuto luogo oggi nel centro finanziario, all'ingresso di alcune banche
VAUD
4 ore
«Vogliamo abbattere due lupi»
Le autorità vodesi chiedono il permesso alla Confederazione a seguito della predazione di vari vitelli
VALLESE
5 ore
Infortunio sul lavoro: morto un trentenne
L'incidente si è verificato a Zermatt: l'uomo stava effettuando un intervento su una seggiovia
VALLESE
6 ore
Evacuate le terme di Leukerbad, sei feriti
Una fuga di disinfettante ha scatenato il panico alle Alpentherme. Una persona elitrasportata in ospedale
SVIZZERA
6 ore
È stato un Primo Agosto (abbastanza) tranquillo
La polizia non ha dovuto intervenire molte volte durante la festa nazionale: «È stata una notte eccezionalmente calma».
SVIZZERA
7 ore
Covid in Svizzera, nel weekend 2'019 casi
L'Ufficio federale della sanità pubblica segnala anche 24 nuovi ricoveri e tre decessi
URI
8 ore
Axenstrasse riaperta
Da poco prima di mezzogiorno è nuovamente possibile percorrere il tratto stradale
FOTO
ZURIGO
11 ore
Iniziato lo sgombero degli attivisti di Paradeplatz
La polizia è intervenuta per disperdere i manifestanti per il clima che da questa mattina protestavano a Zurigo.
SVIZZERA / SPAGNA
11 ore
Quando la vacanza va storta: «È come essere in prigione»
Due turiste svizzere sono finite nell'Hotel-Quarantena di Ibiza
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile