Keystone
SVIZZERA
25.09.19 - 17:270

"Limitare l'immigrazione", l'iniziativa UDC non fa breccia al Nazionale

La bocciatura, per 123 voti a 63 e 3 astenuti, dell'iniziativa era apparsa scontata sin dal primo giorno di discussioni

BERNA - "No" all'iniziativa popolare dell'UDC volta a limitare l'immigrazione. È questa la raccomandazione di voto del Consiglio nazionale che ha ultimato oggi i dibattiti su questo dossier, cominciati la scorsa settimana. La bocciatura, per 123 voti a 63 e 3 astenuti, dell'iniziativa (de facto una disdetta "camuffata" della libera circolazione, ndr.), era apparsa scontata sin dal primo giorno di discussioni.

Tranne i democentristi, tutti gli altri partiti erano infatti contrari a questa proposta poiché, a loro parere, mette a repentaglio il benessere del Paese e le sue relazioni con Bruxelles, e, soprattutto, la via bilaterale seguita finora con l'Ue. In molti, tra cui la consigliera federale Karin Keller-Sutter, hanno messo in guardia dal finire come la Gran Bretagna, che non sa più che pesci pigliare a causa della Brexit.

Se per tutti i partiti contrari all'iniziativa è in gioco l'economia della Svizzera, il campo rosso-verde ha insistito molto sull'obiettivo dell'iniziativa di farla finita con le misure collaterali a tutela del mercato del lavoro. I democentristi vogliono insomma tornare ai contingenti ("sistema molto burocratico") riesumando il famigerato statuto dello "stagionale" ("inumano") che vedeva padri e madri separati dai loro figli ed imporre la legge del più forte.

Per l'UDC, invece, avanti di questo passo la Svizzera conterà tra poco 10 milioni di abitanti (adesso 8,5 milioni, n.d.r). Le conseguenze? Strade e infrastrutture sempre più sotto pressione, maggiore inquinamento, paesaggi sfigurati causa della costruzione di nuove abitazioni, problemi con le assicurazioni sociali, perdita di identità.

I dibattiti sono stati interrotti dalla presidente della Camera, Marina Carobbio (PS/TI) alle 12.45, come previsto, quando alla tribuna aveva appeno smesso di parlare l'ultimo degli 80 deputati presenti sulla lista. Le discussioni sono poi riprese verso le 16.00.

La lunghissima sequela di interventi si spiega forse con le elezioni federali dietro l'angolo (si voterà infatti il 20 di ottobre). L'occasione del dibattito su due giorni, soprattutto per chi ambisce ad un altro mandato, era quindi troppo ghiotta per farsi un po' di pubblicità.

Keller-Sutter rassicura il Ticino - Tranne Marina Carobbio, impossibilitata per motivi istituzionali, la settimana scorsa diversi erano stati i deputati ticinesi a prendere la parola. Tutti avevano sottolineato i problemi del Ticino in relazione alla libera circolazione, proponendo però soluzioni opposte per affrontarli.

Oggi la consigliera federale Karin Keller-Sutter ha voluto rassicurarli, esprimendosi in italiano. «Riconosco che in Ticino l'impatto dell'apertura del mercato del lavoro è stato più forte che nella Svizzera romanda. La vicinanza di grandi agglomerati come Milano, Como e Varese e la crisi economica hanno aumentato la pressione. Siamo anche consapevoli che la presenza di manodopera frontaliera è particolarmente forte in Ticino. Negare la pressione sui salari sarebbe irresponsabile», ha ammesso la ministra sangallese.

«In questo ambito - ha aggiunto Keller-Sutter nella lingua di Dante - la collaborazione tra le parti sociali, i sindacati, i datori di lavoro, i cantoni e la Confederazione è fondamentale. Ma l'accettazione dell'iniziativa significherebbe senza dubbio una minaccia per la via bilaterale nel suo complesso e per l'occupazione e il benessere nel nostro Paese a lungo termine. Si correrebbe il rischio di una Brexit Svizzera. Fare questo salto verso l'ignoto sarebbe altrettanto irresponsabile», ha messo in guardia la consigliera federale.

Tocca agli Stati - Se l'iniziativa "Per un'immigrazione moderata (Iniziativa per la limitazione)" venisse accettata dal popolo, le autorità avrebbero un anno per negoziare la fine dell'accordo con Bruxelles. Se non si dovesse trovare una soluzione, il Consiglio federale dovrebbe uscire dall'intesa nel mese successivo.

Il dossier passa ora agli Stati.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
1 ora
Regula Rytz è disponibile a una candidatura al Consiglio federale
La presidente dei Verdi lo ha reso noto nel corso di una conferenza stampa. Nel mirino il seggio di Cassis
VAUD
2 ore
Assalti ai furgoni blindati: «Finché sulle strade gireranno certe somme...»
Canton Vaud nel mirino delle bande francesi: Un criminale di Lione fornisce l'identikit del rapinatore tipo: «Ha tra i 28 e i 42 ed ha un passato migratorio e spesso proviene dal Maghreb»
SVIZZERA
5 ore
Ruag International: ingresso in Borsa «probabilmente» nel 2023
Le attività di cyber-sicurezza del gruppo detenuto dalla Confederazione si trovano invece già in piena fase di cessione
FOTO
BASILEA CAMPAGNA
6 ore
Si accorge tardi del bimbo sulle strisce, bus provoca 4 feriti
L’incidente è avvenuto nel tardo pomeriggio di ieri a Bottmingen. Due persone sono state portate in ospedale
SVIZZERA
7 ore
Leuthard nel Cda del produttore di treni Stadler
L'ex Consigliera federale sarà eletta all'assemblea generale del 30 aprile prossimo: «Grazie alle sue competenze in materia di traffico e la sua esperienza politica rappresenta una risorsa importante»
SVIZZERA
9 ore
Quando la mamma ti stalkera sui social
E lo fa per proteggerti (dice) ma poi ti controlla anche il look. C'è chi lo trova ok, ma gli esperti sono categorici: «Piuttosto parlate con loro»
SWAZILAND
21 ore
37 svizzeri rimasti feriti in un incidente di ritorno da un safari
Il pullman che li trasportava si è cappottato. 10 persone hanno subito ferite importanti e sono state ricoverate, il tour operator: «Sono stati fortunati»
SCIAFFUSA
1 gior
Per «risparmiare tempo» non dichiarano oltre 160 chili di carne
Il furgone è stato notato nelle vicinanze delle cascate del Reno. Al suo interno si trovavano anche 52 chilogrammi di formaggio
BERNA
1 gior
Le monete svizzere sono prodotte in Corea del Sud
La coniatura, però, avviene in Svizzera. Lo prevedono le norme sugli acquisti pubblici. Finora, una parte di pezzi grezzi veniva fabbricata in Germania
SVIZZERA
1 gior
Rapparono insulti sessuali contro Natalie Rickli: «Condanna da riesaminare»
Lo ha decretato il Tribunale Federale, a processo il gruppo hip-hop bernese Chaostruppe che potrebbe essere accusato anche di calunnia
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile