Keystone (archivio)
SVIZZERA
12.09.19 - 16:080

Il Consiglio degli Stati in breve

Le principali decisioni prese dai senatori nella seduta odierna

BERNA - Nella sua seduta odierna, il Consiglio degli Stati ha:

- DIRITTO D'AUTORE: ribadito, nell'affrontante le divergenze che l'oppongono al Nazionale in merito alla revisione della Legge sul diritto d'autore, che hotel, abitazioni di vacanza, ospedali e prigioni vanno considerati spazi pubblici e quindi vanno sottoposti al pagamento della tassa. Il dossier torna al Nazionale;

- eID: nuovamente deciso, nel discutere del futuro sistema di identità digitale (eID), di concedere un ruolo più attivo alla Confederazione. La nuova legge sui servizi d'identificazione elettronica torna pertanto al Nazionale;

- COSTITUZIONI CANTONALI: tacitamente conferito la necessaria garanzia federale alle costituzioni rivedute dei Cantoni di Uri (nuova organizzazione giudiziaria), Basilea Campagna (modalità d'elezione dei tribunali circondariali civili) e Argovia (diritto per gli Svizzeri all'estero di eleggere i membri del Consiglio degli Stati). Tutte le modifiche sono infatti conformi al diritto federale. Il Nazionale deve ancora esprimersi;

- DIRITTO SUCCESSORIO: approvato, con 34 voti favorevoli e 9 astenuti, la revisione del diritto successorio. Una delle novità è la maggiore libertà concessa al testatore di disporre del proprio patrimonio, per esempio a beneficio del partner di fatto o dei figliastri;

- LINGUE: tacitamente bocciato una mozione della consigliera nazionale Géraldine Marchand-Balet (PPD/VS) che chiedeva al governo di aumentare i crediti per sostenere gli scambi linguistici previsti dal sistema educativo svizzero nel messaggio sulla cultura 2016-2020. Il relatore commissionale Ruedi Noser (PLR/ZH) ha detto che l'atto parlamentare giunge troppo tardi. "La Commissione - ha proseguito lo zurighese - ha comunque preso atto con soddisfazione che per il prossimo messaggio sulla cultura (2021-2024) il Consiglio federale prevede di aumentare di 10 milioni i crediti per gli scambi linguistici";

- PROMOZIONE CULTURALE: tacitamente approvato un postulato di Hans Stöckli (PS/BE) che chiede al governo di illustrare in un rapporto l'impatto della progressiva urbanizzazione sull'offerta culturale e sulla promozione della cultura in Svizzera;

- EPATITE: tacitamente approvato una mozione di Damian Müller (PLR/LU) che chiede di integrare le epatiti virali B e C nel Programma nazionale HIV e altre infezioni sessualmente trasmissibili (PNHI);

- SANITÀ 1: tacitamente bocciato una mozione della consigliera nazionale Verena Herzog (UDC/TG) con la quale si chiedeva che le prestazioni di interesse generale fornite dagli ospedali ai cantoni venissero sottoposte al diritto dei mercati pubblici. Pur riconoscendo la necessità di intervenire, i "senatori" hanno ritenuto che tale aspetto sia di competenza cantonale;

- SANITÀ 2: tacitamente trasmesso al governo una mozione della Commissione della sicurezza sociale e della sanità del Consiglio nazionale (CSSS-N) in cui si chiede di garantire che, nel caso in cui per le cure ospedaliere venga scelto un ospedale fuori cantone, al nosocomio sia versata la tariffa massima prevista nell'elenco del cantone di domicilio per un ospedale di tipologia identica, ma al massimo la tariffa dell'ospedale scelto;

- SANITÀ 3: tacitamente trasmesso al governo una mozione della CSSS-N con la quale si chiede che le prestazioni fornite nell'ambito di programmi di gestione dei pazienti possano essere remunerate dalla LAMal;

- SANITÀ 4: tacitamente approvato una mozione di Josef Dittli (PLR/UR) che chiede di modificare le basi legali del sistema di omologazione e fissazione dei prezzi dei medicamenti in modo che nell'elenco delle specialità (ES), oltre ai costi terapeutici giornalieri, siano considerati anche quelli dell'intero sistema sanitario. Il Nazionale deve ancora esprimersi;

- CONGEDO PARENTALE: bocciato, con 23 voti contro 10, una mozione di Philipp Müller (PLR/AG) che chiedeva di sostituire l'attuale congedo di maternità con un congedo parentale flessibile di 16 settimane. Le prime otto settimane dopo il parto sarebbero riservate alla madre. La proposta non è conforme agli accordi presi dalla Svizzera in seno all'Organizzazione internazionale del lavoro, ha sottolineato il consigliere federale Alain Berset. La proposta è inoltre inopportuna in un momento in cui il Parlamento ha approvato l'introduzione di un congedo paternità;

- ANTISEMITISMO: tacitamente approvato un postulato di Hans Stöckli (PS/BE) che chiede di valutare l'opportunità di utilizzare nella politica interna ed estera della Confederazione la definizione di antisemitismo elaborata dell'International Holocaust Remembrance Alliance (IHRA);

- TERZO PILASTRO: approvato, con 20 voti contro 13 e una astensione, una mozione di Erich Ettlin (PPD/OW) che chiede di introdurre la possibilità di riscatto successiva nella previdenza individuale vincolata (pilastro 3a) per le persone che conseguono un reddito soggetto all'AVS. In questo modo, chi non è riuscito affatto, o solo in parte, a versare contributi al terzo pilastro potrà farlo successivamente. Questi importi sarebbero interamente deducibili nella dichiarazione dei redditi. Il Nazionale deve ancora esprimersi.

Ordine del giorno di lunedì 16 settembre (15.15-20.00):

- "Controllo della struttura, dell'organizzazione, della competenza e della vigilanza del Ministero pubblico della Confederazione" (postulato Jositsch);

- Legge sull'imposta federale diretta (equità dell'imposizione delle coppie e delle famiglie);

- interventi parlamentari di competenza del DFF;

- iniziative cantonali sulla Posta;

- termini d'attesa per gli ex membri del Consiglio federale (iniziativa parlamentare della Commissione delle istituzioni politiche del Nazionale).

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GERMANIA/SVIZZERA
6 ore

In macchina con i nonni, muore bimbo svizzero di 9 anni

La loro macchina è stata violentemente tamponata mentre viaggiavano in autostrada a sud di Monaco di Baviera

ELEZIONI FEDERALI 2019
6 ore

«Bisogna firmare l'accordo quadro con l'Unione europea»

Così Jürg Grossen, presidente nazionale dei Verdi liberali. All'imminente appuntamento elettorale, il partito potrebbe crescere

SAN GALLO / TURGOVIA
10 ore

8 colpi e 800'000 franchi di bottino, catturato l'uomo mascherato

Davanti alla procura il 26enne ha confessato di essere l'artefice delle varie rapine compiute ai danni di banche e distributori di benzina nella Svizzera orientale negli ultimi anni

SVIZZERA
10 ore

Roger e Xenia non hanno fatto pubblicità occulta

La Commissione svizzera per la lealtà ha risposto al reclamo presentato dall'associazione svizzero-tedesca di protezione dei consumatori

FOTO
ZURIGO
11 ore

Esperimenti sui cani, l'Uni si difende: «Non sapevamo nulla»

La ZHAW di Zurigo dichiara di non essere a conoscenza dei test effettuati in un laboratorio tedesco che agiva su mandato di un'azienda farmaceutica che collaborava con la scuola: «Test inaccettabili»

SVIZZERA
12 ore

Quasi 40'000 firme contro il 5G

Una petizione che chiede una moratoria sullo sviluppo della tecnologia mobile è stata depositata oggi presso il Dipartimento federale delle comunicazioni

SVIZZERA
13 ore

Deal o No-Deal: la Svizzera è preparata alla Brexit

Cinque accordi sono stati elaborati con il Regno Unito che verrebbero applicati a partire dal momento in cui le intese bilaterali tra Berna e Londra non saranno più valide

SAN GALLO
14 ore

Quella fattoria è fuori dal mondo, anche per la Posta

Nell'estate 2016, il gigante giallo aveva informato un contadino che non gli avrebbe più consegnato pacchi e lettere al domicilio. L'uomo ha fatto ricorso, invano.

LUCERNA
16 ore

Maxi tamponamento in galleria, nove feriti

In tutto sono una decina i veicoli coinvolti nell'incidente avvenuto stamattina nel tunnel di Eich

SVIZZERA
16 ore

Le banconote svizzere non piacciono ai falsari

Il 2018 si è rivelato un anno record, con sole 1200 banconote false rilevate in totale, dal valore nominale di 208'140 franchi. Nel 2001 il valore si attestava a oltre 65 milioni di franchi

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile