SVIZZERA
04.09.19 - 12:100

«100 milioni per Spazio Schengen»

Il Consiglio federale ha richiesto il credito al parlamento per una serie di progetti destinati a rafforzare i controlli alle frontiere esterne

BERNA - La Svizzera deve investire 100 milioni di franchi per una serie di progetti destinati a rafforzare i controlli alle frontiere esterne dello Spazio Schengen. Il Consiglio federale ha trasmesso oggi una richiesta in tal senso al Parlamento.

L'Unione europea intende stanziare diversi miliardi di euro nei prossimi anni per adeguare la collaborazione Schengen/Dublino alle nuove sfide. In particolare, Bruxelles vuole migliorare i controlli alle frontiere esterne e la collaborazione tra le diverse autorità nazionali preposte alla sicurezza e alla migrazione. Stando a una nota governativa odierna, anche la Confederazione ne trarrà beneficio sul piano di polizia, asilo e migrazioni.

I lavori di attuazione giuridica e organizzativa sono già in corso. Da una parte si intende modificare i sistemi esistenti, ovvero il SIS (Sistema d'informazione Schengen), il VIS (Sistema d'informazione sui visti), l'Eurodac (Banca dati europea delle impronte digitali) e l'APIS (Sistema di informazioni anticipate sui passeggeri).

D'altro canto verranno sviluppati nuovi sistemi, quali l'ETIAS (Sistema europeo di informazione e autorizzazione ai viaggi) e l'EES (Sistema elettronico di ingresso e uscita), precisa il comunicato.

Visione d'insieme - Un altro obiettivo è di garantire l'interoperabilità dei programmi, ovvero collegandoli tra di loro in modo da facilitare la consultazione dei dati esistenti con maggiore efficienza e precisione. Le autorità di sicurezza dovrebbero potersi fare rapidamente un'idea precisa della situazione, disponendo di tutte le informazioni rilevanti.

Secondo i calcoli del Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP), i costi complessivi per l'attuazione di questi sviluppi del cosiddetto acquis di Schengen nel periodo 2020-2025 saranno pari a 121,7 milioni di franchi. Il DFGP fornirà prestazioni proprie sotto forma di risorse umane e contribuirà con mezzi propri ai costi (23 milioni). Nel suo messaggio, il Consiglio federale chiede pertanto al Parlamento un credito di impegno di 98,7 milioni di franchi, che sarà liberato in due tranche.

La gestione e la direzione di questi programmi sarà assunta dalla Segreteria generale del DFGP. La Svizzera potrà prendere parte anche alle decisioni. Beneficerà inoltre di diritti di partecipazione più estesi rispetto a quanto previsto nell'Accordo di associazione a Schengen. Il Consiglio degli Stati ha già accettato il progetto governativo, affinché Berna possa partecipare interamente all'Agenzia europea per gestione operativa delle banche dati Schengen/Dublino (eu-LISA).

Milioni di risparmi - Come detto, i lavori di natura legislativa e organizzativa sono già iniziati. Anche l'Amministrazione federale delle dogane, il Dipartimento federale degli affari esteri e i Cantoni vi partecipano. Il Consiglio federale dovrebbe trasmettere nei prossimi mesi al Parlamento tali adattamenti legislativi.

La Confederazione trae importanti vantaggi dall'acquis di Schengen e Dublino. Stando a un rapporto del 2018, la cooperazione consente di risparmiare circa 270 milioni di franchi annui, in particolare nel settore dell'asilo.

Commenti
 
Maxy70 3 mesi fa su tio
Purchè vi sia un preciso riscontro di come i soldi vengono utilizzati e quale beneficio ne trae la Svizzera. Non che finiscano in qualche euro-calderone o in "sipendi" (tangenti) per gli euro-burocrati!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
3 ore
Caricatura sugli zingari, il Tribunale conferma: «È discriminazione»
I giudici hanno convalidato la condanna affibbiata ai due co-presidenti dei Giovani UDC Nils Fiechter e Adrian Spahr per una vignetta razzista pubblicata sui social
SVIZZERA
4 ore
Annullato il divieto di ingresso per un presunto jihadista
Per il Tribunale amministrativo federale è stato violato il diritto dell'interessato a consultare il dossier. Inoltre il presupposto del divieto è stato considerato insufficiente
SVIZZERA
5 ore
Perché due banane al muro arrivano a costare 120.000 franchi?
L’esposizione di Cattelan all’ Art Basel di Miami fa discutere. E dalla Svizzera arriva una critica illustre: «I prezzi nel mercato dell’arte sono folli».
SVIZZERA
5 ore
Festa federale di lotta, il primo bilancio sorride
Conti chiusi con un utile di 850mila franchi. Il festival ha attirato 420.000 spettatori
ZUGO / STATI UNITI
6 ore
La crema svizzera che rende il volto di Trump arancione
Il cosmetico, un cosiddetto concealer, è prodotto dalla Bronx Colors di Hünenberg
BERNA
6 ore
Non si hanno tracce di un giovane turista messicano
Il 22enne si sarebbe dovuto recare da Berna a Zermatt
SVIZZERA
7 ore
Roche: anche la quinta generazione al comando
Sette rappresentanti sono stati inclusi nel principale gruppo di azionisti, che controlla il 45,01% del colosso farmaceutico basilese
SAN GALLO
9 ore
Di nuovo apprendista a 46 anni: «In cantiere non ce la facevo più»
La storia di Sandro che ha trovato una seconda vita (e carriera) in un'azienda di autotrasporti, busta paga? 4'000 franchi. L'esperto: «È il futuro»
SVIZZERA
9 ore
Cuba: turisti bernesi puntuali in aeroporto, il volo era già partito
A questi appassionati di salsa non è mai arrivata l'email che la compagnia Edelweiss ha correttamente inviato ai suoi viaggiatori
SVIZZERA
10 ore
Swiss Re vende la sua filiale britannica
ReAssure è stata acquistata per 3,25 miliardi di sterline (circa 4,2 miliardi di franchi) alla compagnia londinese Phoenix Group
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile