SVIZZERA
04.09.19 - 12:100

«100 milioni per Spazio Schengen»

Il Consiglio federale ha richiesto il credito al parlamento per una serie di progetti destinati a rafforzare i controlli alle frontiere esterne

BERNA - La Svizzera deve investire 100 milioni di franchi per una serie di progetti destinati a rafforzare i controlli alle frontiere esterne dello Spazio Schengen. Il Consiglio federale ha trasmesso oggi una richiesta in tal senso al Parlamento.

L'Unione europea intende stanziare diversi miliardi di euro nei prossimi anni per adeguare la collaborazione Schengen/Dublino alle nuove sfide. In particolare, Bruxelles vuole migliorare i controlli alle frontiere esterne e la collaborazione tra le diverse autorità nazionali preposte alla sicurezza e alla migrazione. Stando a una nota governativa odierna, anche la Confederazione ne trarrà beneficio sul piano di polizia, asilo e migrazioni.

I lavori di attuazione giuridica e organizzativa sono già in corso. Da una parte si intende modificare i sistemi esistenti, ovvero il SIS (Sistema d'informazione Schengen), il VIS (Sistema d'informazione sui visti), l'Eurodac (Banca dati europea delle impronte digitali) e l'APIS (Sistema di informazioni anticipate sui passeggeri).

D'altro canto verranno sviluppati nuovi sistemi, quali l'ETIAS (Sistema europeo di informazione e autorizzazione ai viaggi) e l'EES (Sistema elettronico di ingresso e uscita), precisa il comunicato.

Visione d'insieme - Un altro obiettivo è di garantire l'interoperabilità dei programmi, ovvero collegandoli tra di loro in modo da facilitare la consultazione dei dati esistenti con maggiore efficienza e precisione. Le autorità di sicurezza dovrebbero potersi fare rapidamente un'idea precisa della situazione, disponendo di tutte le informazioni rilevanti.

Secondo i calcoli del Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP), i costi complessivi per l'attuazione di questi sviluppi del cosiddetto acquis di Schengen nel periodo 2020-2025 saranno pari a 121,7 milioni di franchi. Il DFGP fornirà prestazioni proprie sotto forma di risorse umane e contribuirà con mezzi propri ai costi (23 milioni). Nel suo messaggio, il Consiglio federale chiede pertanto al Parlamento un credito di impegno di 98,7 milioni di franchi, che sarà liberato in due tranche.

La gestione e la direzione di questi programmi sarà assunta dalla Segreteria generale del DFGP. La Svizzera potrà prendere parte anche alle decisioni. Beneficerà inoltre di diritti di partecipazione più estesi rispetto a quanto previsto nell'Accordo di associazione a Schengen. Il Consiglio degli Stati ha già accettato il progetto governativo, affinché Berna possa partecipare interamente all'Agenzia europea per gestione operativa delle banche dati Schengen/Dublino (eu-LISA).

Milioni di risparmi - Come detto, i lavori di natura legislativa e organizzativa sono già iniziati. Anche l'Amministrazione federale delle dogane, il Dipartimento federale degli affari esteri e i Cantoni vi partecipano. Il Consiglio federale dovrebbe trasmettere nei prossimi mesi al Parlamento tali adattamenti legislativi.

La Confederazione trae importanti vantaggi dall'acquis di Schengen e Dublino. Stando a un rapporto del 2018, la cooperazione consente di risparmiare circa 270 milioni di franchi annui, in particolare nel settore dell'asilo.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Maxy70 10 mesi fa su tio
Purchè vi sia un preciso riscontro di come i soldi vengono utilizzati e quale beneficio ne trae la Svizzera. Non che finiscano in qualche euro-calderone o in "sipendi" (tangenti) per gli euro-burocrati!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VALLESE
1 ora
A 104 km/h sull'50: automobilista nei guai
Al conducente di 32 anni è stata ritirata immediatamente la patente e sequestrato il veicolo.
ZURIGO
1 ora
Tui Suisse taglia 70 posti di lavoro e chiude otto succursali
Le filiali saranno smantellate entro la fine di settembre
SONDAGGIO
SVIZZERA
2 ore
L'erba del vicino... suscita curiosità
La stragrande maggioranza degli elvetici conosce i nomi, ma il 75% vorrebbe avere maggiori informazioni.
SVIZZERA
2 ore
Le aziende "snobbano" il lavoro ridotto
In Svizzera richieste inferiori alle attese, meno della metà. La Seco è sorpresa
FRIBURGO
3 ore
Nespresso investe 160 milioni a Romont
Lo scopo è di «supportare lo sviluppo internazionale nei prossimi anni»
SVIZZERA
4 ore
A giugno la disoccupazione è calata
Oltre un milione di persone erano a lavoro ridotto nel mese di aprile
SVIZZERA
5 ore
Le mascherine costano sette volte di più
Rispetto all'influenza "suina" del 2009, i prezzi sono saliti alle stelle nella grande distribuzione svizzera
SVIZZERA
13 ore
Se vado in discoteca, rischio il licenziamento?
Il proprietario di un locale zurighese parla di un calo di frequenze a causa di pressioni da parte dei datori di lavoro
VAUD
18 ore
Quindicenne in fuga al volante di un'auto
La polizia vodese lo ha fermato sull'A1. In precedenza il ragazzo aveva commesso tutta una serie di infrazioni
SONDAGGIO
SVIZZERA
19 ore
Vacanze in un paese a rischio? «Si potrebbe perdere lo stipendio»
Al rientro si sta in quarantena per dieci giorni e non è possibile richiedere l'indennità perdita di guadagno
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile