Keystone
SVIZZERA
03.09.19 - 12:220

Edifici, diffusi i valori limite delle emissioni di CO2 dal 2023

In una seduta precedente, la commissione aveva già deciso aumenti del prezzo della benzina e dei biglietti aerei

BERNA - Dal 2023, in caso di sostituzione dell'impianto di riscaldamento, i vecchi edifici potranno emettere al massimo 20 chilogrammi di CO2 all’anno per metro quadrato di superficie di riferimento energetica. È quanto prevede la revisione della Legge sul CO2 per il periodo dal 2021 al 2030, adottata dalla Commissione dell’ambiente degli Stati con 11 voti favorevoli e una astensione. Il dossier sarà trattato nel plenum il 23 settembre.

In una seduta precedente, la commissione aveva già deciso aumenti del prezzo della benzina e dei biglietti aerei. Ora questo giro di vite sui riscaldamenti, adottato con un solo voto di scarto (7 a 6), allo scopo di raggiungere entro il 2050 l’obiettivo delle emissioni a zero netto, si legge in una nota odierna dei servizi parlamentari.

Per quanto riguarda gli edifici, il valore limite fissato dalla commissione verrebbe inasprito ogni cinque anni. Agendo in questo modo, i Cantoni saranno in condizione di raggiungere l’obiettivo di riduzione delle emissioni degli edifici di almeno l’80% entro il 2050. Il Consiglio federale, nel suo progetto, propone invece un disciplinamento sussidiario.

Per la commissione, il suo modello è preferibile poiché con una scadenza fissa - ossia il 2023 - si garantisce sicurezza nella pianificazione. D'altro, fa notare la commissione, tutte le tecnologie rilevanti sono già oggi disponibili per contenere l’emissione di gas generate dagli edifici.

No valori limite fissi - Due minoranze respingono la proposta di prevedere l’obbligo, in caso di sostituzione dell’impianto di riscaldamento, di rispettare un valore massimo di emissioni. La scadenza del 2023 è troppo vicina, ciò che potrebbe porre problemi nell’attuazione a livello cantonale. Come il governo, andrebbero fissati valori limite a titolo sussidiario: sarebbe introdotto dal 2028 un valore limite di 12 o 20 chilogrammi di CO2 all’anno soltanto qualora le emissioni degli edifici non fossero calate a sufficienza; tale provvedimento sarebbe articolato in tappe di cinque chilogrammi ogni cinque anni.

La Commissione propone poi di aumentare la quota della Confederazione circa i contributi globali versati ai Cantoni per finanziare le misure nel settore degli edifici. Per quanto concerne il contributo complementare, la Confederazione dovrebbe versare fino al triplo del credito autorizzato dal Cantone.

Con 6 voti a 5 e 2 astensioni, la Commissione appoggia anche l’inserimento dell’aspetto relativo al clima nell’esame dell’impatto sull’ambiente (EIA). A suo parere nei nuovi impianti previsti che sottostanno all’EIA occorre limitare le emissioni di gas a effetto serra.

Per la maggioranza questo nuovo esame è necessario per raggiungere gli obiettivi stabiliti nell’Accordo di Parigi sul clima. Una minoranza non crede opportuno inserire una simile normativa nella legge, poiché a suo parere l’esame dell’impatto sul clima frenerebbe gli investimenti.

Nazionale contrario - A metà dicembre il Nazionale aveva bocciato il progetto di revisione della legge sul CO2, dopo dieci ore di dibattito. Senza riforma, la Svizzera non riuscirà tuttavia a ridurre le sue emissioni di gas a effetto serra del 50% entro il 2030 (rispetto al 2006), come prevede il governo.

Per questo, già nella sua seduta precedente, la commissione dell'ambiente della camera dei cantoni ha deciso di correre ai ripari, spingendosi più in là di quanto propone il Consiglio federale nel suo progetto.

Gli importatori di carburanti devono già compensare parte delle loro emissioni del CO2. Con la riforma si potrà arrivare fino al 90%. La commissione chiede di aumentare la quota da compensare in Svizzera, portandola dal 15 al 20%. Vuole però limitare la tassa per gli automobilisti, fissando un tetto di 10 centesimi al litro e di 12 a partire del 2025. In situazioni straordinarie, il Consiglio federale potrebbe inoltre abbassare questo limite.

La riforma dovrebbe portare inoltre anche a una tassa sui biglietti aerei, compresa fra i 30 e i 120 franchi, tranne per i viaggiatori in transito.

Fra le proposte figura anche l'istituzione di un fondo per il clima, alimentato da diverse fonti, in particolare i ricavi dalla vendita all'asta dei diritti di emissione e dalle sanzioni relative soprattutto ai veicoli. Vi sarebbero convogliate anche un terzo delle entrate della tassa sul CO2 e poco meno della metà di quelle sui biglietti aerei. Il fondo dovrebbe permettere di finanziare misure di riduzioni a lungo termine delle emissioni di CO2 degli immobili.

Contrariamente all'esecutivo, la commissione vuole introdurre direttive anche per quanto riguarda i veicoli pesanti, conformandosi in questo modo a una futura regolamentazione europea.

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
40 min
Senza lavoro a causa della sua statura
È la storia di una 26enne discriminata dall'Ospedale della Svizzera orientale, dal quale ha ricevuto una mail offensiva
FOTO
EMIRATI ARABI UNITI / SVIZZERA
5 ore
Ecco come appare il lussuoso appartamento di Federer a Dubai
L'asso di tennis ha preferito trascorrere l'inverno nell'esclusivo attico con la sua famiglia
SVIZZERA
7 ore
Swiss: entro l'autunno sarà servito l'85% delle destinazioni
La compagnia aerea continua ad ampliare la sua offerta: a fine giugno voleranno 37 aerei su 91
SVIZZERA
7 ore
I viaggi all'estero sono a proprio rischio
La Confederazione sottolinea che non saranno più organizzati voli di rimpatrio
SVIZZERA
8 ore
No al taglio dell'IVA per sostenere ristorazione e turismo
Il Consiglio degli Stati è stata respinta una mozione in tal senso di Marco Chiesa
SVIZZERA
8 ore
La distanza sociale? È raccomandata, ma non c'è più la multa
Nell'ambito dell'attuale situazione epidemiologica, per il Consiglio federale le sanzioni non sarebbero più giustificate
VAUD
9 ore
Uccise il figlio di 11 mesi, 6 anni ed espulsione
La morte è stata provocata scuotendo il piccolo con violenza
FOTO
SVIZZERA / MALDIVE
9 ore
Da 4 mesi alle Maldive a causa del Coronavirus
Lo svizzero Tom Allemann e la sua ragazza cinese stanno vivendo un'esperienza alla Robinson Crusoe
Berna
10 ore
Noi succubi dell'OMS? Scatta l'interpellanza ticinese a Berna
L'accusa di Lorenzo Quadri: "Svizzera ancora una volta acritica e succube nei confronti di organismi sovranazionali"
SVIZZERA
11 ore
Violenza domestica, con la quarantena non sono aumentati i casi
In alcuni cantoni dalla metà di maggio è però cresciuto il numero delle consulenze
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile