Keystone
SVIZZERA
20.08.19 - 10:280

Sei in assistenza? Il tuo nome sarà pubblico

Il Parlamento discuterà la proposta il prossimo autunno. Il deputato PS Cédric Wermuth si dice contrario: lo Stato, secondo lui, deve proteggere le persone meno abbienti

BERNA - È giusto essere in grado di sapere senza grandi sforzi se qualcuno riceve assistenza sociale o meno? Il Parlamento dovrà presto affrontare la questione. La commissione competente del Consiglio nazionale ha infatti eliminato le misure di assistenza sociale dall'elenco dei dati particolarmente sensibili. Il deputato PS Cédric Wermuth non ci sta: «Questo passo porta all’uso improprio di tali informazioni», commenta.

L'idea politica alla base della soppressione delle misure dall’elenco è chiara: «I beneficiari di assistenza sociale dovrebbero essere controllati. Alcuni vogliono persino facilitare l’ottenimento di tali informazioni da parte di privati, per esempio dai proprietari di immobili».

La consigliera nazionale UDC Barbara Steinemann, dal canto suo, sostiene che «i dati dei beneficiari dovrebbero essere utilizzati principalmente a fini di analisi. Il punto è scoprire perché circa il 90% degli eritrei richiede l’assistenza». Steinemann non ritiene che tali dati necessitino di una specifica protezione: «I beneficiari di assistenza sociale non sono di per sé l'anello debole della società. Sicuramente c'è chi è malato e sta aspettando una rendita, ma c'è anche chi sta semplicemente cercando invano di trovare lavoro». 

Dal punto di vista giuridico, per l’avvocato Martin Steiger non è chiaro per quale motivo i beneficiari di assistenza sociale dovrebbero essere riconoscibili come tali. Il legale ritiene che gli abusi non dovrebbero essere risolti a loro spese.

Ecco quanti sono i beneficiari dell’assistenza sociale

Nel 2007 i beneficiari dell’assistenza sociale erano 233’500. Dieci anni dopo il numero è salito a 278’300. In oltre la metà dei casi - più precisamente si parla di 145’200 persone - si tratta di cittadini svizzeri. In rapporto alla popolazione totale, nel 2017 la quota di chi beneficia dell’assistenza è del 3,3%. Più alta nell’ambito dell’asilo, dove si arriva a oltre il 90%. Sempre nel 2017, negli aiuti sociali sono finiti 2,6 miliardi di franchi. Nel 2007 erano quasi 1,9 miliardi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SAN GALLO
2 ore
Edificio in fiamme a Wattwil
L'operazione di spegnimento ha richiesto la presenza di un centinaio di pompieri
SVIZZERA
14 ore
Credit Suisse: a rischio centinaia di posti di lavoro
Lo afferma la SonntagsZeitung, secondo la quale ci sarebbero dei piani di riduzione dei costi
SVIZZERA ROMANDA
18 ore
Boom di false petizioni, la polizia mette in guardia
Finti non udenti, ma non solo. Cambiano i "beneficiari", ma la sostanza resta la stessa.
SVIZZERA
19 ore
Passi avanti... in Borsa
La società zurighese punta per l'anno prossimo a una quotazione dal valore di circa 2 miliardi di franchi.
GRIGIONI
20 ore
Esce di strada e viene sbalzato dall'abitacolo: morto un anziano
Il corpo è stato ritrovato ieri pomeriggio dal figlio nei pressi di un maggengo sopra Seewis.
BERNA
20 ore
I positivi tornano sotto i 100
Resta fortunatamente invariato il numero dei decessi.
SVIZZERA
22 ore
I pesticidi finiscono anche nell'Evian
Diversi ricercatori hanno trovato residui di clorotalonil nella famosa acqua minerale.
FOTO
SVIZZERA / BULGARIA
22 ore
La cella invece del mare greco
Un giovane vacanziero è stato bloccato all'aeroporto di Sofia perché il suo passaporto era scaduto da due settimane.
BERNA
23 ore
Scandalo pedinamenti: la polizia zurighese ha commesso negligenze
Gli investigatori coinvolti nella vicenda non sarebbero stati sentiti in maniera adeguata, secondo il TF.
SVIZZERA
1 gior
Criminalità sul web: Google sempre più chiamata in causa
La Fedpol e i Cantoni hanno inoltrato ben 1'097 richieste d'informazioni per ottenere dati di utenti svizzeri nel 2019.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile