Keystone
SVIZZERA
02.07.19 - 11:300

Tolleranza zero negli stadi, ecco la ricetta di Viola Amherd

Tre le priorità per la consigliera federale: divieto immediato di accesso agli stadi, più collaborazione fra club e autorità, e sicurezza certificata

BERNA - La consigliera federale Amherd non tollera alcuna violenza in occasione di partite di calcio e altre manifestazioni sportive. Dopo i fatti avvenuti a Sion e a Lucerna, il ministro dello sport ha invitato a uno scambio di opinioni i presidenti dell’Associazione Svizzera di Football (ASF) e della Swiss Football League (SFL). In occasione di questo incontro ha proposto di definire tre priorità: emanare in modo coerente divieti di accedere agli stadi, migliorare la collaborazione tra i club e le autorità e verificare i certificati nell’ambito della sicurezza. I funzionari del calcio si sono dichiarati d’accordo con tali priorità.

All'incontro che si è tenuto a Berna hanno partecipato il presidente dell'Associazione Svizzera di Football (ASF) Dominique Blanc e il segretario generale Robert Breiter nonché il presidente della Swiss Football League (SFL) Heinrich Schifferle e il CEO Claudius Schäfer. I rappresentanti del calcio hanno informato il ministro dello sport Amherd in merito agli sforzi intrapresi per promuovere partite di calcio pacifiche.

Dal canto suo, la consigliera federale ha proposto all'ASF e alla SFL di definire in futuro le seguenti tre priorità:

Emanazione coerente di divieti di accedere agli stadi: quando viene appurato che un sostenitore non rispetta il regolamento degli stadi, dopo l'identificazione occorre emanare immediatamente un divieto di accedere agli stadi. Il diritto di polizia è esercitato dai club e non occorre quindi una sentenza di un tribunale per emanare un tale divieto.

Miglioramento della collaborazione tra i club e la polizia/le autorità per identificare i tifosi violenti: ciò comprende il miglioramento della videosorveglianza negli stadi. Inoltre, nel caso di tifosi violenti i club devono sporgere querela in modo coerente.

Certificazione nell'ambito della sicurezza: sulla base delle esperienze della Bundesliga tedesca, occorre verificare l'eventualità che i club possano richiedere una licenza solo dopo aver certificato i propri processi di sicurezza.

Inoltre si è arrivati alla conclusione che anche altri attori sono chiamati ad agire: i Cantoni e le autorità giudiziarie competenti devono fornire il proprio apporto affinché le persone violente siano tenute lontane dalle manifestazioni sportive. In particolare già oggi esiste la possibilità che le autorità dispongano l'obbligo di presentarsi in polizia. In questi casi le persone colpite da un divieto di accedere agli stadi devono presentarsi in polizia prima di una partita.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile