Keystone (archivio)
Le sedute termineranno a mezzogiorno per lasciare spazio alle tradizionali escursioni dei gruppi parlamentari.
SVIZZERA
12.06.19 - 07:460

Accordo quadro e miliardo di coesione, mattina intensa per i "senatori"

La Camera dei cantoni discuterà anche dell'intervento della Commissione dell'economia e dei tributi che chiede al Governo di condurre negoziati complementari con Bruxelles

BERNA - Giornata breve ma intensa oggi al Consiglio degli Stati, la cui seduta terminerà già a mezzogiorno per lasciare spazio alle tradizionali escursioni dei gruppi parlamentari. I "senatori" si occuperanno del secondo miliardo di coesione e dell'Accordo istituzionale quadro concluso con l'UE.

Per quanto riguarda la concessione di un secondo contributo di coesione all'Ue - pari a 1,3 miliardi di franchi diluiti su dieci anni - i due rami del Parlamento hanno già approvato il principio del versamento. La Camera del popolo ha però raddoppiato, rispetto agli Stati, i mezzi destinati a quei Paesi, come la Grecia o l'Italia, alle prese con una forte pressione migratoria.

Stando ai piani del Consiglio federale, la maggior parte dell'importo va versata a Paesi dell'Europa dell'Est quali Polonia e Romania, seguite da Slovacchia, Repubblica Ceca, Ungheria e Bulgaria. 190 milioni verrebbero attribuiti (380 per il Nazionale) all'integrazione dei migranti nella società e nel mondo del lavoro, e anche per rispondere a situazioni di urgenza, come ad esempio un forte afflusso di profughi. La commissione preparatoria propone al plenum di mantenere questa divergenza.

Per quel che concerne l'accordo quadro, la Camera dei cantoni discuterà di alcuni interventi parlamentari in materia, tra cui quello della sua Commissione dell'economia e dei tributi del Consiglio degli Stati (CET-S) che chiede al governo di condurre negoziati complementari con Bruxelles.

Il testo della mozione cita esplicitamente tre ambiti: protezione dei salari, direttiva sui diritti dei cittadini dell'Ue e aiuti statali. Da notare che venerdì scorso lo stesso Consiglio federale ha inviato una lettera al presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, per chiedere chiarimenti proprio su questi tre punti e, proprio ieri, Juncker si è detto pronto alla discussione.

Il Nazionale (08.00-12.00) si occuperà da parte sua, a livello di divergenze, della revisione della legge sugli appalti pubblici. Previsto pure un dibattito sulle raccomandazioni del Forum globale sulla trasparenza e sullo scambio di informazioni a fini fiscali. Punto centrale della riforma: l'abolizione felle azioni al portatore che andrebbero sostitute da titoli nominativi.

Commenti
 
demon631 1 mese fa su tio
Che il governo cominci a risanare AVS ed AI, altro che dare soldi a Grecia e Italia più paesi dell'Est, a noi l'Europa non da niente.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SOLETTA
16 min

Con lampeggiante e tesserino falso giocava a fare il poliziotto

Il 30enne si divertiva a fermare gli altri utenti della strada a Egerkingen

ZURIGO
36 min

Una volpe morde una paziente ricoverata in ospedale

La settimana scorsa l’animale è entrato all’Unispital di Zurigo, e ha attaccato una paziente

BERNA
1 ora

Ucciso dalla polizia: «Improvvisamente ha afferrato un'arma»

Un comunicato odierno delle forze dell'ordine chiarisce la dinamica dei fatti che mercoledì scorso hanno coinvolto un 36enne fuggito da un istituto psichiatrico

SVIZZERA
2 ore

Canicola, ecco come le FFS raffreddano i treni (e i binari)

Le FFS abbassano la temperatura nei vagoni da due a sette gradi rispetto alla temperatura esterna. E per le rotaie si pensa di dipingerle con una vernice bianca

SVIZZERA
4 ore

Semestre difficile per Meyer Burger, la Borsa reagisce molto male

Il gruppo con sede a Thun specializzato nelle tecnologie per l'industria fotovoltaica ha lanciato un avvertimento sugli utili

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile