Archivio Keystone
SVIZZERA
20.05.19 - 11:420

Gli elettori UDC hanno votato controcorrente

I simpatizzanti del partito sono gli unici ad aver respinto i due oggetti federali approvati dalla maggioranza dei votanti. Ecco i risultati del sondaggio Tamedia

BERNA - Quello di ieri è stato un voto quasi unanime: oltre il 60% dei cittadini svizzeri ha approvato sia il Progetto fiscalità e AVS sia la revisione della legge sulle armi (su quest’ultimo tema soltanto il Ticino si è detto contrario, con il “no” al 54,4%). Un risultato che il Consiglio federale ha accolto con soddisfazione.

Pur confermando l’unanimità, l’ultimo sondaggio Tamedia mostra comunque che non sono mancate delle divergenze. Soprattutto dal punto di vista del partito: gli elettori UDC sono infatti i soli ad aver respinto sia la legge sulle armi (con il 77% di “no”) sia il Progetto fiscalità e AVS (contrari al 53%). I due temi sono invece stati approvati in larga misura dai simpatizzanti di tutti gli altri partiti.

Questione di età - Dal rilevamento emerge anche un altro punto interessante: contrariamente a quanto si possa pensare, i contrari alla revisione della legge sulle armi era più marcata tra i giovani che tra le persone più anziane.

D’altra parte, l’età non ha avuto alcun ruolo rilevante nell’ambito del Progetto fiscalità e AVS. In generale quest’ultimo ha infatti convinto i cittadini di tutte le fasce d’età.

Il livello d’istruzione - La decisione di voto per la legge sulle armi è inoltre stata influenzata anche dal livello di formazione dei cittadini: più era alto, più aumentava il consenso. La revisione è stata accettata dall’84% dei votanti con un’istruzione universitaria, ma solo dal 53% di quelli con istruzione obbligatoria.

Il sondaggio

Sono 14’670 le persone provenienti da tutta la Svizzera che dal 17 al 19 maggio 2019 hanno preso parte al sondaggio Tamedia sulle votazioni del weekend. Un sondaggio condotto in collaborazione con la LeeWas GmbH dei politologi Lucas Leemann e Fabio Wasserfallen. I dati sono stati ponderati sulla base di variabili demografiche, geografiche e politiche. Il margine d’errore è di 2,1 punti percentuali. Più informazioni su tamedia.ch/sondage

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Tato50 1 anno fa su tio
Vedo e interpreto però che in Ticino il 54,4 % è UDC , stando al titolo dell'articolo ;-))
roma 1 anno fa su tio
...titolo un po allegrotto...io non sono né udc né leghista eppure ho votato NO e...NO...per fortuna non mi manca molto alla pensione, ma se penso ai miei figli e a quelli che hanno meno di 50 anni....brividi....
Danny50 1 anno fa su tio
Ho studiato ma non sono un accademico, parlo 4 lingue, ho lavorato presso multinazionali per 40 anni, ho diretto istituzioni estere in Svizzera, sono un sciurett imprenditore in pensione che lavora, ma non mi smutanderei mai per svendere i miei valori sull’altare dell’internazionalismo. Preferisco lo “small is beautiful “.
Equalizer 1 anno fa su tio
Fra poco uscirà un aggiornamento del corredo ufficiale Svizzero: Camicia con fiori, Zoccole e Kilt!
Danny50 1 anno fa su tio
Al solito chi non ha fatto l’università è un becero che non capisce niente. Peccato che sia proprio il contrario.
limortaccituoi 1 anno fa su tio
@Danny50 Si effettivamente è piuttosto logico che chi studia, si informa, parla più lingue e ha esperienze internazionali sia un becero. Se ho bisogno di cambiare un lavandino e chiamo l'idraulico non mi permetto di insegnarli il mestiere. Forse individui che studiano economia, diritto, scienze politiche, eccetera, magari può capirci qualcosa di più di certi argomenti. Ma magari sbaglio io....
angelazzzz 1 anno fa su tio
che sorpresa
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
«Ogni anno perdiamo migliaia di soldati»
Non c'è una guerra in corso. Ma un'emorragia di reclute, che preoccupa non poco Berna
LUCERNA
2 ore
Maestro mezzo nudo e con la lingua di fuori invia selfie agli studenti
Polemica in una scuola media per scatti ritenuti inappropriati. Insegnante allontanato.
SVIZZERA
14 ore
Crediti e ipoteche a PostFinance: la decisione non piace a tutti
Il mondo bancario è diviso, mentre l'Unione svizzera arti e mestieri e i sindacati sono decisamente contrari.
SVIZZERA
15 ore
A novembre la SSR lancerà una piattaforma streaming
Si chiamerà Play Suisse e ospiterà produzioni svizzere doppiate o sottotitolate in tutte le lingue nazionali
SVIZZERA
15 ore
La Svizzera si tinge di blu
Con gli ulteriori allentamenti previsti per mezzanotte, il Paese entra in una nuova fase della lotta contro il Covid-19.
BERNA
18 ore
Canapa CBD: 33 milioni restituiti ai produttori
Il denaro era stato versato in tasse sul tabacco, riscosse però non legalmente
ZURIGO
19 ore
Flixbus: caos sui viaggi tra città svizzere
La società si difende dalle accuse di cabotaggio affermando che si è trattato di un "errore tecnico".
SVIZZERA
20 ore
PostFinance verso una privatizzazione parziale
Avviata la procedura di consultazione sulla revisione della legge che vieta la concessione di crediti e ipoteche.
SVIZZERA
21 ore
Le frontiere riaprono il 15 giugno
Tutte le restrizioni in entrata vigenti nel nostro Paese saranno revocate.
SVIZZERA
22 ore
Il Ticino vuole strade sicure, la Confederazione risponde
L'iniziativa cantonale "Strade più sicure subito!" chiede di vietare il transito a chi non ha i dispositivi di sicurezza
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile