Ti Press (archivio)
SVIZZERA
17.05.19 - 11:040

LAMal: «Occorre mettere un freno alla trasmissione dei dati»

La Commissione della sicurezza sociale e della sanità degli Stati è convinta che non bisogna permettere alle assicurazioni malattia di raccogliere troppi dati individuali sugli assicurati

BERNA - Nell'ambito della sorveglianza delle assicurazioni malattie non bisogna permettere di raccogliere troppi dati individuali sugli assicurati. Ne è convinta la Commissione della sicurezza sociale e della sanità degli Stati che all'unanimità vuole sottoporre al plenum il suo progetto volto a limitare la trasmissione di informazioni degli assicurati.

La Camera dei cantoni esaminerà quest'autunno il progetto derivante dall'iniziativa parlamentare del "senatore" Joachim Eder (PLR/ZG), che intende garantire la protezione della personalità.

Dal 2014, l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) rileva presso gli assicuratori i dati anonimizzati degli assicurati e li impiega per sorvegliare l'evoluzione generale dei costi dell'assicurazione obbligatoria. Ora, l'UFSP potrà pure raccogliere dati individuali in base al tipo di prestazione medica e al fornitore di prestazioni.

Una maggioranza risicata (6 voti a 5 e 1 astenuto) della commissione intende tuttavia porre un freno a forme di rilevamento delle informazioni di più ampia portata, indica una nota odierna dei servizi del Parlamento. La minoranza vuole invece autorizzare queste forme di rilevamento dei dati al fine di verificare i motivi degli aumenti dei costi.

Spetta ora al Consiglio federale esprimere il proprio parere sul progetto, che sarà pronto ad essere trattato nella sessione autunnale delle Camere.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Accordo quadro, Parmelin è a Bruxelles
Il Presidente della Confederazione inconterà Ursula von der Leyen per tentare di sbloccare i negoziati.
SVIZZERA
1 ora
Trasferire chi non si vaccina: l'idea che non piace ai sindacati
Non vuoi il vaccino? Vieni riassegnato ad altre mansioni. L'USS non ci sta: sarebbe come un obbligo indiretto
SVIZZERA
10 ore
«Questo è un obbligo di vaccinazione nascosto»
Quando almeno il 40-50% della popolazione sarà immunizzato, potrebbero scattare dei privilegi
FOTOGALLERY E SONDAGGIO
ZURIGO
12 ore
Gli svizzeri vogliono lavorare per queste aziende
Dopo la pandemia, una posto sicuro è diventato più importante dell'equilibrio tra vita privata e lavorativa.
SVIZZERA
14 ore
Passaporto vaccinale: «Nessuno potrà proibirvi di prendere l'autobus»
Delegato al Consiglio d'Europa, il parlamentare neocastellano Damien Cottier fornisce una visione d'insieme sul tema.
SVIZZERA
15 ore
L'Openair Frauenfeld non ci sarà, rimandato al 2022
Gli organizzatori: «Abbiamo sperato, lottato, pianificato e aspettato il più al lungo possibile».
SVIZZERA
17 ore
Tra gli effetti collaterali c'è l'herpes zoster
Ne sono stati notificati 61 casi sui 1'485 segnalati a Swissmedic (età media di 72 anni)
SVIZZERA
17 ore
«Non falsificabile e riconosciuto a livello internazionale»
Secondo l'UFSP il nuovo certificato Covid-19 che verrà sviluppato entro l'estate dovrà avere questi due crismi.
NEUCHÂTEL
17 ore
Una 34enne uccisa a coltellate, arrestato il marito
Il fatto di sangue è successo questa mattina a Peseux. La donna è deceduta in ospedale
LUCERNA
17 ore
Il 19enne morto faceva parte delle categorie a rischio
A riferirlo è il Dipartimento sanità e socialità cantonale che conferma il decesso verificatosi in marzo.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile