Ti Press (archivio)
GRIGIONI
13.05.19 - 15:130

Il plurilinguismo in Gran Consiglio costa troppo

Il Governo retico ritiene che la traduzione simultanea dei dibattiti parlamentari è troppo complessa e onerosa

COIRA - La traduzione simultanea dei dibattiti parlamentari è troppo complessa e onerosa. È la risposta del Governo grigionese a un'interpellanza presentata nella sessione del Gran Consiglio di febbraio sulla scorta dell'esperienza di altri Cantoni plurilingui come Friburgo, Berna e Vallese.

Al fine di garantire il plurilinguismo nell'unico cantone trilingue della Svizzera i dibattiti parlamentari dovrebbero essere tradotti simultaneamente in italiano e romancio, si leggeva nell'interpellanza sottoscritta da 45 granconsiglieri il cui primo firmatario è Tobias Rettich (PS).

I membri del Gran Consiglio di lingua madre romancia o italiana hanno la possibilità di tenere i propri interventi in romancio o in italiano, si argomenta nel testo, ma trattandosi di contenuti complessi è difficile per i colleghi che parlano solo tedesco seguire e comprendere i discorsi. Nella situazione inversa, anche per gli italofoni la comprensione risulta tutt'altro che semplice.

Governo: oneri e difficoltà troppo alti - Secca la risposta del Governo retico: «l'attuazione pragmatica di una traduzione simultanea non è individuabile. La soluzione risulterebbe piuttosto complicata e provocherebbe ingenti spese».

Dovendo provvedere a sei direzioni di traduzione (T-I, T-R; I-T, I-R; R-T, R-I), garantire un servizio del genere in tre lingue è più complesso e oneroso rispetto allo stesso servizio con due lingue, come accade nei Cantoni di Berna, del Vallese o di Friburgo, spiega l'esecutivo.

In particolare, problematica risulterebbe la disponibilità di interpreti qualificati, in particolare dall'italiano al romancio e viceversa. Allo stesso tempo, soluzioni parziali (solo dal tedesco all'italiano e dall'italiano al tedesco) si porrebbero in contrasto con l'obbligo costituzionale della parità di trattamento.

Quanto ai costi: quali spese una tantum risulterebbero costi per la realizzazione di sei cabine per interpreti, per l'acquisto e l'installazione di un impianto per conferenze e di un impianto per la traduzione simultanea. Si viaggia nell'ordine di diverse centinaia di migliaia di franchi.

Inoltre, sulla base dell'esperienza dei Cantoni di Berna, Vallese e Friburgo, il governo retico offre una stima delle spese ricorrenti per l'impiego degli interpreti, pari a 1500 franchi al giorno per ciascuno, ovvero per 12 considerando le sei direzioni di traduzione e che dopo un'ora di lavoro l'interprete deve sempre essere sostituito. Per un giorno di seduta intero sarebbero quindi necessari 18'000 franchi, ossia 288'000 franchi di spese annue prendendo come riferimento una media di 16 giorni di sessione.

In ogni caso, conclude il Governo retico, «in fin dei conti spetta al Gran Consiglio stabilire come vada disciplinato l'utilizzo delle lingue nell'attività parlamentare».

Commenti
 
LAMIA 4 mesi fa su tio
Il Grigioni è ormai diventato un cantone di egoisti.
albertolupo 4 mesi fa su tio
300'000 fr all'anno non mi sembrano un'enormità. Sarebbero spesi meglio per dei corsi di italiano, romancio e tedesco per i Granconsiglieri ignoranti + un bonus da distribuire nelle regioni di appartenenza invece per i Granconsiglieri che conoscono 1 o 2 delle altre lingue.
tartux 4 mesi fa su tio
Dove hanno imparato la matematica le iterazioni non sono sei!! Se uno traduce I-T ti traduce anche T-I, bastano tre traduttori, uno che sa tradurre dal tedesco all'italiano e viceversa stesso per dal tedesco al romancio e dal romancio all'italiano
marco17 4 mesi fa su tio
@tartux Ti sbagli: si tratta di traduzione simultanea, in diretta, e non c'è praticamente nessuno che riesce a tradurre nei due sensi in modo accettabile.
albertolupo 4 mesi fa su tio
@tartux Non è vero. I traduttori professionisti, specie per la traduzione simultanea, lavorano in una sola direzione.
marco17 4 mesi fa su tio
A che cosa servirebbe la traduzione integrale dei dibattiti in Gran Consiglio? Ne hanno fatto a meno per oltre 200 anni e il Cantone ha continuato a funzionare lo stesso. Fasctidi grass!
GI 4 mesi fa su tio
la soluzione: tutti parlino in inglese....
Pepperos 4 mesi fa su tio
@GI Come minoranza siamo obbligati, a conoscere una seconda lingua nazionale.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
TURGOVIA
28 min

Si scontra con il furgone e muore

La vittima è un 87enne. Avrebbe svoltato su una strada laterale senza dare la precedenza

SVIZZERA
3 ore

Giallo sulle cellule staminali sparite a Ginevra

Migliaia di campioni di tessuto e di sangue del cordone ombelicale sembrano essere scomparsi. Sul caso indaga l'Ufficio federale della sanità pubblica

FRIBURGO
4 ore

Si addormenta al volante provocando una carambola e due feriti

Una donna di 71 anni si è scontrata contro un veicolo dell'assistenza stradale che si trovava sulla corsia d'emergenza per prestare soccorso ad un'auto in panne.

SVIZZERA
5 ore

Viaggiare all'estero senza pensieri? Ecco l'app del DFAE

L'applicazione gratuita "Travel Admin" è stata presentata questa mattina da Ignazio Cassis. «Assistere i nostri concittadini all'estero è una missione molto importante per noi»

GRIGIONI
7 ore

Tre escursioniste attaccate da una mucca (di nuovo)

Le tre donne, che assieme al loro cane stavano passeggiando sul passo dello Julier, sono state ricoverate in ospedale. Una 82enne con ferite medio-gravi

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile