Keystone (archivio)
Svolta verde in casa liberal-radicale.
SVIZZERA
28.04.19 - 12:490

Sondaggio PLR: «Dobbiamo impegnarci di più per il clima»

Un indagine rivela che il 78% dei partecipanti è favorevole ad una svolta verde per il partito. Promossa con una maggioranza netta pure l'idea di introdurre un'imposta sui biglietti aerei

BERNA -  Il PLR dovrebbe in generale impegnarsi maggiormente per la protezione del clima e dell'ambiente. In un sondaggio tra i membri, il 78% dei partecipanti si è espresso in questo senso. Addirittura l'introduzione di un'imposta sui biglietti aerei ha ottenuto una netta maggioranza di consensi.

Per contro, il 19% ha affermato che il partito debba fare tanto quanto fa attualmente, secondo l'inchiesta pubblicata oggi dal "SonntagsBlick", le cui cifre sono state confermate alla Keystone-ATS dal portavoce del partito Martin Stucki. Solo il 3% si è detto favorevole ad un piuttosto minore o molto minore impegno. I risultati dettagliati non saranno pubblicati, ha indicato Stucki.

Il 77% di chi ha risposto al sondaggio ritiene che l'Accordo di Parigi sul clima, che impone il dimezzamento delle emissioni di CO2 entro il 2030, deve essere attuato come deciso. Oltre tre intervistati su cinque è favorevole alla graduale eliminazione dei combustibili fossili entro il 2050. Quasi altrettanti membri di partito approvano sovvenzioni per le energie rinnovabili.

Circa tre quarti sarebbero addirittura d'accordo con l'introduzione di una tassa sui biglietti aerei. Una maggioranza del 58% si è inoltre dichiarata d'accordo con una nuova imposta sulle emissioni di CO2 dei carburanti. Tre partecipanti su cinque si sono inoltre espressi a favore di una compensazione da parte della Svizzera delle sue emissioni di gas a effetto serra attraverso misure ecologiche nazionali.

Con i risultati del sondaggio, la base del partito sostiene la sua presidente Petra Gössi, che in un'intervista rilasciata a metà febbraio si era pronunciata a favore di un adeguamento della politica della formazione. In tale occasione aveva annunciato un cambiamento di rotta del PLR riguardo alla legge sul CO2, a favore di un compromesso e offrendo anche il sostegno per la tassa sui biglietti aerei e la riduzione delle emissioni interne al Paese.

Gössi aveva poi annunciato che i 120'000 membri del partito sarebbero stati interrogati sulla loro posizione riguardo alla protezione del clima e dell'ambiente. Il termine per la partecipazione online al sondaggio era fissato alla scorsa domenica. In tutto 14'198 persone hanno risposto all'inchiesta svolta dall'Istituto demoscopico e di ricerca gfs di Berna.

Per il momento il partito non si esprime riguardo ai risultati dell'indagine. Un gruppo di accompagnamento interno presenterà un documento di presa di posizione in occasione della riunione dei delegati prevista il 22 giugno.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Nmemo 1 anno fa su tio
Ora siamo all’ ”abbuffata del tema clima” da parte di ogni genere di partito e di singolo politico sia in casa sia all’estero. Fa comodo ammiccarsi consensi elettorali in vista di tutte le prossime elezioni e votazioni. Ma questa gente, occupata in tanti affari non propriamente di tutela dell’ambiente, dov’era fino a ieri?
Galium 1 anno fa su tio
Trovo molto significativo che il PLR cambi rotta. Si tratta di un partito che per difendere certi interessi ha sempre messo in second'ordine questo genere di problemi. Non abbiamo che da rallegrarcene.
seo56 1 anno fa su tio
Che palle con sto clima... i problemi seri e veri sono altri...
bledsoe 1 anno fa su tio
@seo56 Non è un ventenne vero? Che palle i suoi problemi semai!
seo56 1 anno fa su tio
@bledsoe Buonasera “cara Greta”
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SOLETTA
1 ora
Tamponamento in autostrada, muore un 82enne
Gravemente ferita la donna seduta sul sedile del passeggero
ZUGO
2 ore
83 licenziati su 85 dipendenti
Crypto International potrebbe essere accusata di licenziamento collettivo.
SVIZZERA
2 ore
«Viaggiatori indisciplinati, ecco perché l'obbligo»
Berset: «Possiamo combattere il virus con successo solo se lo facciamo insieme. Se non siamo uniti, vincerà»
ZURIGO
13 ore
Ancora nessuna traccia dell'uomo fuggito dalla clinica psichiatrica
Non sussiste «nessun alto pericolo immediato», ma se non prende i farmaci le sue condizioni possono peggiorare
SVIZZERA
15 ore
Tutto quello che devi sapere prima di metterti in viaggio
Annullare un viaggio. Finire in quarantena. Rimborsi. Paura di ammalarsi. È meglio sapere tutto prima di partire
APPENZELLO INTERNO
16 ore
Lascia la pentola sul fornello, poi esce di casa
È successo in Appenzello Interno a un 80enne, a sventare l'incendio il provvido intervento dei vicini di casa
SVIZZERA
17 ore
Bonus Covid: «scioccante e umiliante» per i cassieri
Per i loro sforzi durante la pandemia, il personale di Aligro ha ricevuto buoni ristorante, a condizioni rigorose.
SVIZZERA
18 ore
Presenza di listerie nel formaggio alle erbe di Gstaad
L'allarme arriva dalla cooperativa casearia che lo produce, il consumo può rappresentare un rischio per la salute
SVIZZERA
19 ore
È boom di biciclette
Le persone le usano non solo per divertimento, ma anche per gli spostamenti di lavoro
GIURA / VAUD
19 ore
La mascherina diventa obbligatoria anche nei negozi
Giro di vite in due cantoni romandi per frenare i contagi. Nel resto della Svizzera locali notturni "osservati speciali"
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile