Keystone (archivio)
ZURIGO
25.04.19 - 16:460

Nazionalità dei delinquenti, il Governo sta (in parte) con l'Udc

L'esecutivo cantonale ha deciso di presentare un controprogetto all'iniziativa popolare chiede sia menzionata nei comunicati di polizia la nazionalità dei delinquenti

ZURIGO - Il governo cantonale zurighese condivide l'opinione dell'UDC, che in una iniziativa popolare chiede sia menzionata nei comunicati di polizia la nazionalità dei delinquenti. Non è però d'accordo su un altro punto del testo, in cui si chiede sia menzionato anche il «retroterra migratorio» dei titolari di un passaporto svizzero, ragione per cui ha deciso di opporgli un controprogetto.

Il 7 novembre 2017, il municipale di Zurigo Richard Wolff, esponente della formazione di sinistra Lista alternativa e allora responsabile del dicastero sicurezza cittadino, aveva annunciato che la polizia comunale non avrebbe più comunicato di propria iniziativa la nazionalità delle persone sospettate di reati. Lo scopo era di evitare «inutili pregiudizi». I rappresentanti della stampa possono ancora chiedere chiarimenti in materia, se lo ritengono necessario.

L'Unione democratica di centro ha subito parlato di "politica della censura" e ha lanciato nel gennaio 2018 un'iniziativa popolare cantonale con cui chiede che la polizia informi il pubblico sui crimini «in modo trasparente», specificando anche la nazionalità. Inoltre esige che su richiesta di giornalisti sia pure menzionato l'eventuale «retroterra migratorio» - l'origine straniera - degli svizzeri. L'iniziativa è stata consegnata in maggio corredata di circa 9'500 firme (ne bastavano 6'000).

In una presa di posizione resa nota oggi, il governo cantonale si dice fondamentalmente d'accordo riguardo alla menzione della nazionalità. Propone tuttavia al Gran Consiglio un controprogetto che non contempla la menzione dell'eventuale origine straniera degli svizzeri citati nei comunicati di polizia.

L'UDC si dice soddisfatta del fatto che nel controprogetto il Consiglio di Stato includa una parte importante dell'iniziativa. Il governo ammette che la popolazione ha il diritto di conoscere l'origine di un delinquente, ha detto a Keystone-ATS il consigliere nazionale zurighese Mauro Tuena. Il partito - ha aggiunto - vuole ora aspettare la discussione nella commissione competente del Gran Consiglio prima di decidere se ritirare o no l'iniziativa.

La polizia cantonale - contrariamente a quella del capoluogo - continua a indicare la nazionalità delle persone menzionate nei suoi comunicati. Una prassi che corrisponde anche alle attuali raccomandazione della conferenza dei comandanti delle polizie cantonali.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 ore
Abuso di crediti Covid: oltre un miliardo sotto la lente
Il Controllo federale delle finanze ha trasmesso alla SECO 4'646 garanzie per ulteriori approfondimenti
ZURIGO
6 ore
Super ricchi: immutata la classifica dei top 3 svizzeri
In testa sempre la famiglia erede del gruppo Roche.
SVIZZERA
6 ore
Il vaccino? «Dapprima alle coppie “internazionali”»
La proposta: le persone non sposate con una relazione a distanza dovrebbero avere un accesso prioritario al vaccino
SVIZZERA
7 ore
La Svizzera è sempre più l'Eldorado ferroviario d'Europa
In media, ogni anno, prendiamo 74 volte il treno percorrendo 2'505 chilometri.
SVIZZERA
9 ore
«In Svizzera si potrà andare a sciare»
Lo assicura il consigliere federale Alain Berset durante un odierno incontro coi media
FOTO
ZURIGO
9 ore
Zurigo ricorda il suo Köbi con una targa
Nel primo anniversario della sua morte, la Città ha posto la placca commemorativa sulla casa in cui è cresciuto.
SVIZZERA
10 ore
Un'app impedisce ai minori di acquistare alcol
Si chiama Jack ID-Scan e permette di determinare velocemente l'età dell'acquirente
SVIZZERA
10 ore
Che batosta per la Posta
Il Covid ha affossato i ricavi nei primi tre trimestri. Ma si vede una luce in fondo al tunnel
BERNA
10 ore
Polemiche su come la Procura federale ha gestito il dossier della 28enne
Fra chi pensa che ci siano stati errori e leggerezza e chi è convinto che abbia agito correttamente, la politica divisa
SVIZZERA
13 ore
Covid, in Svizzera altri 4'509 casi e 79 decessi
Nelle ultime ventiquattro ore sono stati effettuati 28'740 test, con un tasso di positività del 15,7%
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile