Tipress (archivio)
Lo stesso giorno i cittadini saranno chiamati ad esprimersi anche sulla trasposizione nel diritto svizzero di una modifica della direttiva UE sulle armi
SVIZZERA
14.04.19 - 10:070
Aggiornamento : 12:32

Buona la seconda? Riforma fiscale e AVS tornano alle urne

La misura è ora accompagnata da un ulteriore contributo: per ogni franco risparmiato dalle imprese grazie, un franco dovrà essere versato nel primo pilastro

BERNA - La seconda volta potrebbe essere quella buona: il prossimo 19 maggio il popolo elvetico è chiamato nuovamente alle urne per votare una versione riveduta e corretta della riforma dell'imposizione delle imprese, fiancheggiata questa volta da un finanziamento dell'AVS.

La Confederazione, sotto pressione internazionale, deve rinunciare al regime fiscale speciale concesso a 24'000 imprese. Per non fare a meno della gallina dalle uova d'oro, tuttavia, sono previsti ulteriori misure - ad esempio un sistema "patent box" - che andranno a beneficio di tutte le aziende. Alla fine, le multinazionali pagheranno un po' più di imposte e le PMI un po' meno.

La principale misura fiscale - la riduzione dell'aliquota cantonale dell'imposta sull'utile delle imprese - non compare formalmente nel progetto. Tuttavia, la Confederazione verserà ai Cantoni circa un miliardo di franchi a titolo di compensazione, aumentando dal 17 al 21,2% la quota cantonale per l'imposta federale diretta.

Sostegno del PS - La sinistra si era scagliata contro la prima bozza della riforma, contribuendo alla sua bocciatura alle urne nel febbraio 2017 con il 59,1% di no. Alcuni degli argomenti utilizzati poco più di due anni fa sono stati ripresi da chi rimane contrario al progetto, in particolare i Verdi.

Gli ecologisti ritengono che sia un regalo ai più ricchi. Inoltre, sostengono, la maggiore concorrenza fiscale tra i Cantoni porterà a una riduzione dei servizi pubblici, ad esempio nelle cure o per gli asili nido.

Il PS si sta invece astenendo da una campagna per il no: la maggioranza dei socialisti appare soddisfatta delle concessioni ottenute nel corso della revisione del progetto da parte del Parlamento. Saranno tuttavia posti alcuni limiti al principio dell'apporto di capitale. Introdotto nel 2011 e criticato dalla sinistra, esso permette di distribuire miliardi di franchi esenti da imposte agli azionisti.

Due miliardi all'AVS - La riforma ora è però accompagnata da un contributo di quasi due miliardi di franchi da destinare all'AVS. Il Parlamento, piuttosto che concentrarsi sull'aumento degli assegni familiari minimi come proposto dal Consiglio federale, ha preferito una dimensione sociale più ampia. Per ogni franco risparmiato dalle imprese grazie alla riforma fiscale, un franco dovrà essere versato nel primo pilastro.

Questa misura potrebbe rappresentare una prima boccata d'ossigeno per l'AVS, dopo i tentativi di risanamento falliti negli ultimi anni. Gli oppositori di sinistra sostengono però che non si tratti di una vera compensazione sociale, poiché i pensionati non guadagnano nulla.

Scelta libera per UDC - Le critiche più aspre provengono però dalla destra: UDC e Verdi liberali denunciano il parallelismo di due progetti (AVS e fiscalità) che non hanno nulla a che fare l'uno con l'altro.

Inoltre, le misure previste impedirebbero una vera riforma del primo pilastro e andrebbero a scapito della classe media. Dei due miliardi di franchi stanziati per l'AVS, 1,3 miliardi proviene da un aumento dei contributi di datori di lavoro e dipendenti.

L'UDC si è opposto con forza alle Camere federali, in particolare con il capogruppo al Nazionale Thomas Aeschi e la figlia di Christoph Blocher, Magdalena Martullo. Tuttavia, anche tra le file dei democentristi c'è chi si smarca e approva la riforma: ad esempio il presidente dell'Unione svizzera delle arti e mestieri (USAM) Jean-François Rime. Il partito ha lasciato libera scelta per il progetto in cui è particolarmente coinvolto il ministro delle finanze Ueli Maurer, che difende un "compromesso tipicamente elvetico". Tra i favorevoli anche PLR e PPD.

Commenti
 
MIM 1 mese fa su tio
Finché non separano i due temi, il mio sarà sempre un NO.
LAMIA 1 mese fa su tio
NoooooOOOOO
Marina Donati 1 mese fa su fb
Nooooo
Brigitte Gill 1 mese fa su fb
Nooooooo
Bia Rebu 1 mese fa su fb
E la riforma la PAGANO ancora le donne!!!! Berset del piffero ...
Ivana Kohlbrenner 1 mese fa su fb
Non votiamo nessuno se due temi assieme preparatevi tutti tutti a casa
Alex Cava 1 mese fa su fb
Così purtroppo è un modo per lasciarsi fregare, passivamente. Invece è necessario dare un chiaro segnale a queste pratiche: votare e votare "NO". http://www.mps-ti.ch/2019/03/lanciata-la-campagna-contro-la-rffa/
Ivana Kohlbrenner 1 mese fa su fb
Alex Cava no devono smetterla con un sistema che non è corretto ..quando di tutti dico boicottare ....tutti non vanno e quindi rimettono in votazione i due temi separatamente mesi puo fare sì deve fare
Alex Cava 1 mese fa su fb
Magari funzionasse... In realtà i poteri economici sono più contenti se non andiamo a votare: più noi siamo disinteressati, più loro hanno campo libero. Votare NO è invece più di un segnale: è bloccare quella truffa...
patrick28 1 mese fa su tio
Votare si ! Per il nostro futuro
Alessandro Crippa 1 mese fa su fb
Da bocciare senza se e senza ma
Alex Cava 1 mese fa su fb
Abbiamo bocciato la RIII: ci riprovano più o meno con la stessa fregatura.
Galium 1 mese fa su tio
Non è una gran legge, ma a questo punto qualcosa bisogna pur fare per risolvere, almeno in parte, i problemi AVS. Quindi è giusto votare SI. Del resto non mi pare che chi è contro proponga serie alternative.
Pepperos 1 mese fa su tio
Gira rigira....., Il calcio in....c...... stato servito. Merci et bonne fin.
Trasp 1 mese fa su tio
Quando passeremo a votazioni con più proposte per una stessa legge? Ho l'impressione che diverse proposte vengono bocciate perchè non si è d'accordo in parte sulla nuova proposta o è troppo estrema, e allo stesso tempo non si è neanche contenti della legge attuale.
seo56 1 mese fa su tio
Anche NO
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora

Il crowdfunding viaggia spedito: superato il mezzo miliardo di franchi

Nel 2018 i finanziamenti collettivi raccolti in rete hanno raggiunto i 516,6 milioni di franchi

VIDEO
GINEVRA
2 ore

Una famiglia di nibbi protagonista di un curioso "reality show"

Una telecamera, installata dal Dipartimento del territorio, osserva la vita dei rapaci 24 ore al giorno da oltre un mese

SVIZZERA
5 ore

È stato un inverno positivo per il turismo (e in vista c'è una buona estate)

La neve in alta montagna ha aiutato a controbattere la cattia congiuntura. Le più fortunate la Svizzera centrale, i Grigioni e Berna

SVIZZERA
6 ore

Su Galaxus da adesso si possono comprare anche le automobili

Il portale di shopping online svizzero offre un ventaglio di sei veicoli preconfigurati, dalla Seat Ibiza fino alla Bmw 320d, in due giorni a casa tua

SVIZZERA
6 ore

Un’altra estate stracalda è una minaccia per la natura

Secondo un servizio meteorologico statunitense, anche quest’anno la Svizzera rischia un’ondata di calore. Ma già temperature nella norma avrebbero un impatto negativo

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report