Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
08.04.19 - 19:280
Aggiornamento : 20:07

Norma contro le discriminazioni sessuali: referendum riuscito

Il popolo avrà così la possibilità di respingere alle urne «questa restrizione sproporzionata della libertà di espressione e di coscienza», scrive il comitato "No a questa legge di censura!"

BERNA - Gli svizzeri saranno chiamati con ogni probabilità a votare sull'estensione della norma penale antirazzismo affinché sia vietata anche la discriminazione basata sull'orientamento sessuale. Il comitato che ha lanciato il referendum ha annunciato oggi di aver consegnato alla Cancelleria federale 70'349 firme certificate.

Il popolo avrà così la possibilità di respingere alle urne «questa restrizione sproporzionata della libertà di espressione e di coscienza», scrive in una nota il comitato "No a questa legge di censura!".

Lo scorso dicembre le Camere federali - dando seguito a un'iniziativa parlamentare del consigliere nazionale Mathias Reynard (PS/VS) - avevano deciso di sanzionare penalmente anche le discriminazioni basate sull'orientamento sessuale, modificando l'articolo 261bis del codice penale. Questo consente attualmente di punire esclusivamente la discriminazione di una persona per la sua razza, etnia o religione, ma non per il fatto di essere vittima di esternazioni omofobe.

Il comitato referendario è composto principalmente da politici dell'Unione democratica federale (UDF), piccolo partito conservatore cristiano che basa il suo programma sulla Bibbia, e dell'UDC. Con l'estensione della norma penale, parroci e pastori «avrebbero ad esempio difficoltà a citare le verità bibliche», aveva affermato recentemente il suo presidente, nonché presidente dell'UDF, Hans Moser, interpellato da Keystone-ATS

All'inizio la raccolta delle 50'000 firme necessarie è stata difficile, aveva ammesso Moser: all'UDF è stato da più parti rimproverato di essere contro gay e lesbiche. Tuttavia, il comitato sostiene di aver trovato in seguito il sostegno di «ampi strati della popolazione» che «condividono i suoi timori».

Nella sua nota scrive ancora: «Va da sé (...) che le persone omosessuali sono membri a pieno titolo della società. L'odio e la discriminazione (trattamenti iniqui ingiustificati) non devono essere tollerati e sono per fortuna mal visti e proscritti in Svizzera». Tuttavia - aggiunge - la «vaga» nozione di «orientamento sessuale» va «oltre l'obiettivo perseguito» e «una legge di censura così assurda» è per giunta «controproducente»: «i divieti di pensiero e di espressione non hanno mai avuto effetto positivo durevole in una società libera».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SAN GALLO
21 min
Fulmine su un campo da calcio, juniores perde i sensi
Il ragazzo è stato portato in ospedale con la Rega, ma anche gli altri 13 giovani presenti hanno necessitato di cure.
SVIZZERA
1 ora
Giornata ricca di temi alle Camere federali
Legge sul CO2, Covid-19, nomine, stupefacenti, sicurezza delle informazioni e dazi doganali
FOTO
BERNA
2 ore
Infine, gli attivisti per il clima sono stati sgomberati
La polizia ha invitato i manifestanti a lasciare Piazza federale e attorno alle 4 è passata all'azione
TURGOVIA
9 ore
In oltre 500 a festeggiare sulla barca e senza mascherina
È accaduto sul lago di Costanza. La festa era autorizzata, ma non sono state rispettate le norme anti covid.
BERNA
13 ore
Covid: il 20% dei positivi non presenta sintomi
È la conclusione a cui è giunto uno studio effettuato all'Università di Berna.
BERNA
15 ore
Gas lacrimogeni e getti d'acqua, la polizia interviene a Berna
Una manifestazione in Piazza federale, e un'altra che vi si è aggiunta: la polizia ha avuto un pomeriggio di fuoco
BELLINZONA
15 ore
Processo FIFA: l'accusa chiede 36 mesi per Valcke
Con la possibilità di sospenderne una parte con la condizionale, con lui alla sbarra Nasser Al-Khelaifi e Joel Pahud
SVIZZERA
18 ore
Easyjet Svizzera, buona estate nonostante il virus
Il direttore generale Jean-Marc Thévenaz si aspetta che le tariffe aeree possano scendere
SVIZZERA / EUROPA
19 ore
Mega-fusioni bancarie in vista? «Ci stiamo preparando»
Secondo Sergio Ermotti sono ormai «inevitabili».
SVIZZERA
19 ore
I premi salgono ancora, purtroppo
Cassa malati, in Ticino aumento sopra la media svizzera. Nel 2021 in arrivo altri rincari
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile