Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
08.04.19 - 19:280
Aggiornamento : 20:07

Norma contro le discriminazioni sessuali: referendum riuscito

Il popolo avrà così la possibilità di respingere alle urne «questa restrizione sproporzionata della libertà di espressione e di coscienza», scrive il comitato "No a questa legge di censura!"

BERNA - Gli svizzeri saranno chiamati con ogni probabilità a votare sull'estensione della norma penale antirazzismo affinché sia vietata anche la discriminazione basata sull'orientamento sessuale. Il comitato che ha lanciato il referendum ha annunciato oggi di aver consegnato alla Cancelleria federale 70'349 firme certificate.

Il popolo avrà così la possibilità di respingere alle urne «questa restrizione sproporzionata della libertà di espressione e di coscienza», scrive in una nota il comitato "No a questa legge di censura!".

Lo scorso dicembre le Camere federali - dando seguito a un'iniziativa parlamentare del consigliere nazionale Mathias Reynard (PS/VS) - avevano deciso di sanzionare penalmente anche le discriminazioni basate sull'orientamento sessuale, modificando l'articolo 261bis del codice penale. Questo consente attualmente di punire esclusivamente la discriminazione di una persona per la sua razza, etnia o religione, ma non per il fatto di essere vittima di esternazioni omofobe.

Il comitato referendario è composto principalmente da politici dell'Unione democratica federale (UDF), piccolo partito conservatore cristiano che basa il suo programma sulla Bibbia, e dell'UDC. Con l'estensione della norma penale, parroci e pastori «avrebbero ad esempio difficoltà a citare le verità bibliche», aveva affermato recentemente il suo presidente, nonché presidente dell'UDF, Hans Moser, interpellato da Keystone-ATS

All'inizio la raccolta delle 50'000 firme necessarie è stata difficile, aveva ammesso Moser: all'UDF è stato da più parti rimproverato di essere contro gay e lesbiche. Tuttavia, il comitato sostiene di aver trovato in seguito il sostegno di «ampi strati della popolazione» che «condividono i suoi timori».

Nella sua nota scrive ancora: «Va da sé (...) che le persone omosessuali sono membri a pieno titolo della società. L'odio e la discriminazione (trattamenti iniqui ingiustificati) non devono essere tollerati e sono per fortuna mal visti e proscritti in Svizzera». Tuttavia - aggiunge - la «vaga» nozione di «orientamento sessuale» va «oltre l'obiettivo perseguito» e «una legge di censura così assurda» è per giunta «controproducente»: «i divieti di pensiero e di espressione non hanno mai avuto effetto positivo durevole in una società libera».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VAUD
48 min
Falso allarme bomba all’ospedale, fermato un adolescente
Il giovane è stato identificato e ascoltato ieri dalla polizia. Tutto sarebbe nato da un malinteso
ZURIGO
1 ora
«In ogni angolo della Svizzera ci sono dei sopravvissuti alla Shoah»
Si celebra oggi il 75° anniversario della liberazione di Auschwitz. La responsabile della fondazione elvetica Gamaraal: «Siamo in una fase critica»
ZURIGO
14 ore
Coronavirus, due casi sospetti a Zurigo
Due persone che recentemente hanno soggiornato in Cina si trovano al momento in quarantena al Triemli-Spital
BERNA
14 ore
Fermati due scassinatori di distributori automatici
Si tratta di un 27enne e di un 28enne, fermati da una pattuglia di polizia a Unterseen
DAVOS
15 ore
La delegazione del Congo non ha pagato l'hotel
Al WEF l'entourage del presidente Félix Tshisekedi ha soggiornato ad Arosa. Ma è ripartito senza saldare il conto
SVIZZERA
20 ore
La pornografia dura aumenta il rischio di violenza sulle donne
Diversi esperti concordano: il consumo regolare di pornografia può generare un effetto di assuefazione che abbassa l'asticella del tollerabile
SVIZZERA
20 ore
Coronavirus, Berna decide di alzare il livello di guardia
La Confederazione ha rafforzato l'obbligo di notifica: i casi sospetti saranno da segnalare entro due ore
ZURIGO
22 ore
Ricevono la disdetta e ritrovano i loro appartamenti su Airbnb
Un inquilino racconta l'incredibile vicenda e promette battaglia per restare nella sua casa
FOTO
SVIZZERA
23 ore
Altro duo per la presidenza del PS
I consiglieri nazionali Mathias Reynard e Priska Seiler Graf hanno deciso di correre insieme per la co-presidenza
GINEVRA
1 gior
Quei flirt (pericolosi) tra secondini e detenuti
L'ultimo caso è avvenuto nella prigione-ospedale Curabilis nel Canton Ginevra. Il più eclatante fu quello di Hassan Kiko e Angela Magdici
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile