Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
01.04.19 - 07:520
Aggiornamento : 09:23

Guy Parmelin contro l'eccesso normativo

Dicendo di non voler essere un ministro interventista ha annunciato per il 1° gennaio 2020 «una prima serie di semplificazioni»

BERNA - Tre mesi dopo aver assunto le redini del Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca (DEFR), il consigliere federale Guy Parmelin stila un primo bilancio. Dicendo di non voler essere un ministro interventista ha annunciato per il 1° gennaio 2020 «una prima serie di semplificazioni» per affrontare il problema dell'eccesso normativo.

«Tutti si lamentano del sovraccarico delle regolamentazioni», ha dichiarato in un'intervista ai giornali 24 heures e Tribune de Genève. Parmelin riconosce tuttavia che risolvere il problema è «un processo piuttosto complicato»: «Dal momento in cui si effettuano pagamenti diretti per delle prestazioni, è normale che ci siano dei controlli».

Per quanto riguarda la formazione e la ricerca, il consigliere federale UDC dice di voler «ottimizzare i finanziamenti»: ogni franco investito deve esserlo «nel modo più efficiente». Parmelin chiede anche più trasparenza: «Bisogna mostrare meglio ciò che si fa con questi soldi».

In merito alla mobilitazione dei giovani per il clima, il consigliere federale ritiene che sia «legittimo» esprimere la propria preoccupazione e interesse per la politica. Ma ricorda che votare è anche «un modo semplice per far passare le proprie idee». A tal proposito ha deplorato la scarsa partecipazione alle recenti elezioni cantonali di Zurigo, dove solo il 32% degli aventi diritto si è recato alle urne.
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile