Keystone
La consigliera federale a Romanshorn
SVIZZERA
29.03.19 - 13:340

«L'iniziativa sulla limitazione sarebbe una Brexit Svizzera»

Karin Keller-Sutter ha tracciato oggi un primo bilancio dopo tre mesi trascorsi in Governo, insistendo sul rinnovamento dell'alleanza delle forze favorevoli alla via bilaterale

ROMANSHORN - La consigliera federale Karin Keller-Sutter ha tracciato oggi a Romanshorn (TG) un primo bilancio dopo tre mesi trascorsi in Governo. Tra i temi che pone al centro del suo lavoro «la sicurezza e i posti di lavoro». A questo proposito la ministra del PLR ritiene che l'accettazione dell'"Iniziativa sulla limitazione" dell'UDC sarebbe una "Brexit Svizzera".

Per impedire questo scenario, secondo Keller-Sutter, occorre rinnovare l'alleanza delle forze favorevoli alla via bilaterale, il che è possibile soltanto con un accordo tra le parti sociali. «In gioco ci sono 860'000 impieghi in Svizzera», ha dichiarato.

Per l'occasione Keller-Sutter ha invitato i media sul battello a motore Säntis attraccato al porto di Romanshorn, sul lago di Costanza. Il luogo è stato scelto non a caso, perché dista due ore da Berna e la ministra ha voluto sottolineare come la diversità delle regioni, dei cantoni e delle lingue sia un punto di forza della Svizzera. A volte, nella città federale ci si dimentica di ciò, ha aggiunto.

Minaccia jihadista - La sicurezza della Svizzera è piuttosto elevata, come dimostrano i recenti dati sulla statistica criminale di polizia, ha rilevato la consigliera federale. Tuttavia, secondo Keller-Sutter, di fronte alla costante minaccia dello jihadismo si pongono continuamente nuove questioni in materia di sicurezza, in particolare per quanto riguarda la prevenzione, la sorveglianza e il perseguimento penale.

Per questo motivo, d'intesa con i Cantoni, la ministra di giustizia e polizia sta facendo valutare ulteriori misure, ad esempio la possibilità di adottare provvedimenti restrittivi della libertà per i terroristi che hanno scontato la loro pena e continuano a costituire una minaccia.

Keller-Sutter ha inoltre rilevato che occorre sfruttare tutte le possibilità di revocare la cittadinanza alle persone con la doppia nazionalità. Insieme, ai Cantoni, le autorità federali intendono anche provvedere a migliorare l'esecuzione degli allontanamenti. «Ma è chiaro che, nel farlo, la Svizzera rispetterà il diritto vigente, sia quello nazionale che quello internazionale», ha ribadito la sangallese.

Commenti
 
Mat78 8 mesi fa su tio
Cara Keller-Sutter, l'accordo quadro è la morte della sovranità del popolo svizzero. Abbiate almeno il coraggio di dirlo. Vogliamo continuare ad avere un alto livello di benessere o rischiare qualcosa per restare liberi in casa nostra? Da svizzero non ci penso neanche un momento su quale sia la risposta giusta... Ma del resto nel periodo storico in cui viviamo, dove a volte meno del 50% degli aventi diritto vanno a votare, l'importante è avere la pancia piena, le vacanze, l'ultimo modello di telefonino, ecc. e fa poi nulla se non siamo più padroni di farci le leggi in casa nostra (leggi che devono disciplinare le regole di casa nostra, non di casa degli altri). Quindi se poi perderemo libertà e sovranità ce lo saremo meritato. Peccato che quando ce ne renderemo conto, sarà troppo tardi per tornare indietro, ed i nostri nonni si rivolteranno nella tomba, vergognandosi di quello che siamo diventati noi svizzeri...degli europei sottomessi qualunque...
Galium 8 mesi fa su tio
@Mat78 La Signora Keller-Sutter ha ragione. È assurda la contrapposizione tra benessere e indipendenza. Nessuno fra i paesi europei ha perso la propria libertà, e tanto meno la Svizzera per effetto dei bilaterali. Non ci si può ancorare a una posizione nazionalista superata dalla storia, tipica di paesi autoritari e causa in passato di guerre disastrose. Non so se i nostri nonni si rivolteranno nella tomba, ma sicuramente ci malediranno i nostri discendenti se lasceremo loro un paese chiuso e arroccato su se stesso. Questo indipendentemente dal grado di benessere.
Thor61 8 mesi fa su tio
Sentivamo giusto la mancanza di qualche balla, quella degli "Allontanamenti" poi è veramente grossa visto che l'accettazione dell'accordo con l'UE IMPEDIREBBE proprio tali rimpatri! Tra le altre cose che peggioreranno per noi.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
La ripresa congiunturale? Solo nel 2021
Gli esperti della SECO pronosticano che il PIL continuerà a crescere anche l'anno prossimo (+1,7%) e quello seguente (+1,2%)
SVIZZERA
1 ora
Clorotalonil, scatta il divieto in tutto il Paese
L'UFAG ha revocato l'autorizzazione ai prodotti fitosanitari contenenti il fungicida. L'utilizzo sarà vietato dal prossimo 1° gennaio
BERNA
2 ore
Preventivo, dissimulazione del viso e disoccupati anziani
Riprendono con questi temi i lavori al Consiglio nazionale dopo il rinnovo del Consiglio federale di ieri
SVIZZERA
4 ore
«I genitori devono capire che la violenza non funziona»
Per molti lo schiaffo è ancora considerato come un gesto innocuo. Gli esperti mettono in guardia. Le storie dei lettori
ARGOVIA
13 ore
Freddy Nock condannato a due anni e mezzo di prigione
Il funambolo 55enne è stato riconosciuto colpevole di tentato omicidio intenzionale nei confronti di sua moglie
TURGOVIA
15 ore
Ciclista 15enne investito e ucciso da un'auto
Alla guida dell'automobile c'era una donna di 27 anni
SVIZZERA
16 ore
Accordo quadro, Pfister attacca Cassis: «Mostri più polso»
Il presidente del PPD ne ha pure per il segretario di Stato Roberto Balzaretti: «Ha fatto pubblicità per l'accordo e lo ha presentato come se fosse la miglior possibilità. Va sostituito»
SVIZZERA
19 ore
I Verdi «erano e rimangono pronti»
La candidata Regula Rytz ha reagito con toni battaglieri alla sconfitta di questa mattina, tracciando la via per il prossimo quadriennio: «Servirà un segnale ancora più forte»
FOTO
LUCERNA
22 ore
Beccate tre "auto-igloo"
La visibilità dai vetri dei veicoli era chiaramente insufficiente per circolare: «Prendetevi il vostro tempo. La sicurezza è fondamentale»
STATI UNITI
23 ore
UBS accusata di truffa: a giudizio negli USA
Il Dipartimento di giustizia accusa la maggiore banca svizzera di aver causato agli investitori perdite "catastrofiche" con crediti ipotecari residenziali
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile