Keystone (archivio)
Il presidente dell'UDC stizzito
ZURIGO
26.03.19 - 15:010

Elezioni, Rösti punta il dito contro la SRF: «Parla troppo di clima»

Il presidente dell'UDC accusa la radiotelevisione svizzero tedesca di essere una delle cause della sconfitta elettorale di domenica scorsa alle Cantonali zurighesi

ZURIGO - Dopo la sconfitta elettorale dell'UDC nel canton Zurigo il presidente nazionale Albert Rösti punta il dito contro SRF: la radiotelevisione svizzero tedesca è accusata di aver avuto un impatto decisivo sul voto, dando un'importanza completamente esagerata al dibattito sul clima.

«Nelle ultime due settimane prima del voto vi sono state trasmissioni quasi quotidiane sul tema», afferma Rösti in un'intervista pubblicata oggi dal Tages-Anzeiger. «È bello che molti liceali si impegnino ora politicamente: ma la nostra televisione di stato ha fatto dello sciopero climatico una battaglia propagandistica che non si era mai vista».

Per Rösti questo è «solo un fattore» che spiega la sconfitta a Zurigo (arretramento percentuale nel Gran consiglio del 5,6%: mai il partito era sceso così tanto, ed è anche il passo indietro più marcato fra tutte le elezioni cantonali dal 2015). Ma a suo avviso è ad esempio «drammatico» il fatto che la verde liberale Tiana Moser, consigliere nazionale zurighese e capogruppo alle Camere federali, sia stata intervistata «in modo del tutto non critico da SRF per 40 minuti sul suo tema».

Secondo Rösti la campagna «completamente fuori luogo e sproporzionata» sul clima portata avanti da SRF ha fortemente danneggiato l'UDC e le altre formazioni borghesi. «Sembra che ora per riportare la SRG SSR sul terreno dei fatti serva un'iniziativa per il dimezzamento del canone radiotelevisivo», aggiunge il consigliere nazionale bernese, che si dice pronto a sostenere una modifica costituzionale in tal senso. «In questo modo si sgraverebbe anche il ceto medio».

Oltre alla questione climatica, stando al presidente UDC la sconfitta di Zurigo si spiega con il fatto che la gente sta relativamente bene (e che quindi un taglio delle imposte e della burocrazia appaiono relativamente poco importanti) e con la mancata applicazione dell'iniziativa sull'immigrazione di massa, che ha provocato parecchia frustrazione.

Galoppini all'arrembaggio - In vista delle elezioni federali di ottobre si tratterà quindi di mobilitare meglio l'elettorato. Rösti pensa a un approccio che chiama «dell'ambasciatore», ma che ricorda quello dei galoppini in Ticino: in ciascuna sezione UDC un militante che avrà molto tempo e che conosce le persone nel villaggio in cui abita, per esempio un pensionato, si impegnerà - andando casa per casa - a mobilitare cittadini che altrimenti rimarrebbero inattivi. «Riteniamo che ciascun ambasciatore possa convincere 50 persone supplementari a votare il nostro partito: con 1000 sezioni questo significa 50'000 elettori in più».

Nonostante le dichiarazioni del presidente cantonale zurighese Konrad Langhart - che domenica commentando la sconfitta aveva detto che bisogna prendere più sul serio le preoccupazioni climatiche dei cittadini - l'UDC non deve cambiare rotta, secondo Rösti. «Sarebbe politicamente del tutto sbagliato se adesso, a sette mesi dalle elezioni federali, salissimo sul treno del clima».

Il partito intende invece concentrarsi sui dossier "che nel lungo periodo interessano maggiormente la popolazione": vale a dire asilo, immigrazione, Ue (ora tutti sono contro l'accordo quadro, «ma scommetto che nella prossima legislatura improvvisamente passerà in parlamento», dice Rösti), nonché tasse e imposte più basse. L'UDC lavora inoltre a una iniziativa popolare per trasferire un miliardo di franchi dall'aiuto allo sviluppo all'AVS.
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Galium 1 anno fa su tio
Lui e il suo partito dovrebbero iniziare a fare proposte serie sul clima, invece di limitarsi a criticare i media e a prendersela con i migranti.
Equalizer 1 anno fa su tio
@Galium Rösti avrà i sui difetti ma ha ragione questa è indottrinazione di massa, fatta anche con i soldi di chi non approva, direi che già ne abbiamo abbastanza nelle scuole di indottrinazione sinistroide, vediamo di non esagerare. Mi sa che il giorno di ordinaria follia è sempre più vicino. Sono curioso di vedere chi è il primo che scoppierà.
Galium 1 anno fa su tio
@Equalizer Ringraziamo il cielo di avere una televisione libera che dà a tutti la possibilità di esprimere le proprie idee. Del testo l'esito della votazione è stato chiaro. Gente come Rösti pensi a fare delle proposte sui veri problemi del paese invece che prendersela con i media. Trattare i problemi dell'ambiente è forse indottrinazione?
marco17 1 anno fa su tio
E lui parla troppo a vanvera. Nel 2015 quanto i media parlavano "troppo" di rifugiati e l'UDC ha vinto, allora andava bene. Per fortuna di chi non sostiene l'UDC hanno affidato la presidenza a un "diversamente capace".
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
5 ore
Covid-19 in Svizzera, un decesso e altri 20 casi
Per il terzo giorno consecutivo, si segnala che il numero di contagi è tornato sopra le dieci unità
BASILEA
5 ore
Art Basel salta, per quest'anno
La più importante fiera d'arte al mondo era stata dapprima rimandata a settembre. Invece non si terrà
ARGOVIA
5 ore
Arrestato un "bombarolo" dilettante
In manette un 42enne che ha fabbricato e fatto esplodere un ordigno nella campagna argoviese
SVIZZERA
8 ore
«Ogni anno perdiamo migliaia di soldati»
Non c'è una guerra in corso. Ma un'emorragia di reclute, che preoccupa non poco Berna
LUCERNA
9 ore
Maestro mezzo nudo e con la lingua di fuori invia selfie agli studenti
Polemica in una scuola media per scatti ritenuti inappropriati. Insegnante allontanato.
SVIZZERA
21 ore
Crediti e ipoteche a PostFinance: la decisione non piace a tutti
Il mondo bancario è diviso, mentre l'Unione svizzera arti e mestieri e i sindacati sono decisamente contrari.
SVIZZERA
21 ore
A novembre la SSR lancerà una piattaforma streaming
Si chiamerà Play Suisse e ospiterà produzioni svizzere doppiate o sottotitolate in tutte le lingue nazionali
SVIZZERA
22 ore
La Svizzera si tinge di blu
Con gli ulteriori allentamenti previsti per mezzanotte, il Paese entra in una nuova fase della lotta contro il Covid-19.
BERNA
1 gior
Canapa CBD: 33 milioni restituiti ai produttori
Il denaro era stato versato in tasse sul tabacco, riscosse però non legalmente
ZURIGO
1 gior
Flixbus: caos sui viaggi tra città svizzere
La società si difende dalle accuse di cabotaggio affermando che si è trattato di un "errore tecnico".
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile