Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
19.03.19 - 08:350
Aggiornamento : 09:17

Prestazioni complementari, trovato un compromesso

Le persone che dispongono di un patrimonio di almeno 100'000 franchi (200'000 per le coppie) non dovrebbero più riceverle

BERNA - Le persone con una sostanza di 100'000 franchi non potranno più beneficiare di prestazioni complementari (PC) all'AVS e all'AI. Dopo il Consiglio degli Stati, anche il Nazionale ha accolto oggi con 114 voti a favore e 44 astenuti (dai ranghi rosso-verdi) tutte le proposte della Conferenza di conciliazione. Il progetto è così pronto per le votazioni finali.

Ieri i "senatori" avevano ceduto su uno dei punti più controversi della riforma delle PC, ovvero l'introduzione di un limite per aver diritto alle prestazioni complementari. Le persone che dispongono di un patrimonio di almeno 100'000 franchi non dovrebbero infatti più riceverle. L'importo passerà a 200'000 franchi per le coppie.

Franchigie - Tra gli altri punti più dibattuti figuravano le franchigie sulla sostanza: la Conferenza di conciliazione ha accolto il parere degli Stati e ha deciso di ridurre la franchigia a 30'000 per le persone sole e a 50'000 per le coppie. In un primo tempo, il Nazionale avrebbe voluto una soglia ancor più bassa, rispettivamente 25'000 e 40'000 franchi.

La soluzione dei "senatori" si è imposta in un altro punto: dopo il decesso del beneficiario di PC, le prestazioni ottenute dovrebbero essere restituite allo Stato per la parte della successione che supera un importo di 40'000 franchi. Come voleva il Nazionale, le prestazioni complementari potrebbero invece essere versate direttamente alle case di cura e agli ospedali per le tasse giornaliere.

I due rami del Parlamento si erano già accordati su un altro punto controverso della revisione: avevano rinunciato alla diminuzione dei contributi per i bambini con più di 11 anni. Il taglio era stato proposto dal Nazionale, ma bocciato per ben due volte dagli Stati.

453 milioni di franchi - Stando al modello proposto dalla Conferenza di conciliazione, la riforma consentirà di risparmiare 453 milioni di franchi. La prima versione difesa dagli Stati prevedeva economie per 427 milioni, mentre da quella uscita dal Nazionale ne risultavano 463 milioni.

Si tratta di un compromesso equilibrato e questa versione conviene al Consiglio federale, ha rilevato il ministro dell'interno Alain Berset, secondo cui il livello delle prestazioni è globalmente mantenuto e i risparmi realizzati sono accettabili.

Un anno fa, associazioni di anziani, disabili, lavoratori, donne e inquilini hanno costituito un'alleanza per opporsi alla riforma. Ma visto che la revisione risponde a talune delle loro attese, in particolare l'idea di rivalorizzare l'aiuto per gli alloggi (le persone interessate riceveranno tra i 14'520 franchi e i 16'440 a seconda della regione, invece degli attuali 13'200 franchi), esse dovrebbero rinunciare al referendum.

Commenti
 
roma 8 mesi fa su tio
...d'altro canto bisogna pur pagarli 'sti miliardi di coesione all'estero a destra e a manca e da qualche parte bisogna pure andare a prenderli i soldi...
LAMIA 8 mesi fa su tio
Questa decisione va bene MA È STATA PRESA DA GENTE CHE SAPREBBE DI NON ESSERE MAI TOCCATA DALLA DECISIONE CHE PRENDEVA! ...come tante decisioni che questi “rappresentanti” del popolo prendono. Giovani ricordate di non comperare casa e vivete in affitto.avete tutto da guadagnare quando sarete anziani! Non vi potranno dire di vendere la casa per andare al ricovero dopo che per una vita avete fatto sacrifici x costruirla e mantenerla
gmogi 8 mesi fa su tio
Con questo risparmio vi pagate già una bella fetta del miliardo di coesione.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FRIBURGO
1 ora
Le donne sono considerate meno competenti degli uomini
Nessuna evoluzione in 50 anni nei campi considerati tipicamente maschili
BERNA
4 ore
Auto elettriche: un automobilista svizzero su due è interessato a comprarne una
Lo rivela un sondaggio pubblicato dal TCS. Gli interpellati sperano che l'uso di questi veicoli protegga di più l'ambiente
SVIZZERA
5 ore
«Non c'è nemmeno spazio per uno zaino»
L'associazione traffico e ambiente stima che negli ultimi anni lo spazio per i bagagli sui treni FFS sia diminuito drasticamente
SVIZZERA
7 ore
UBS: il piano di Ermotti è di rimanere in carica fino al 2021?
Completando così 10 anni da CEO. In 8 anni alla guida di Ubs il manager ha guadagnato come un ticinese in 1400 anni
SVIZZERA
8 ore
Prima disoccupati, poi precari
Una persona su due dopo la disoccupazione trova un impiego pagato peggio, a tempo parziale o su chiamata. Lo dicono i dati dell'UST
FOTO E VIDEO
SAN GALLO
9 ore
È morta la donna travolta dal Piranha dell’esercito
L’auto sulla quale si trova l’anziana si è scontrata con un blindato. Illesi invece i militari
SVIZZERA
10 ore
Se la ricerca di lavoro è lunga, ecco come farcela al meglio
Stando a uno studio recente della compagnia di recruting americana Randstad, il tempo medio di ricerca di un nuovo lavoro si attesta attorno ai 5 mesi
ZURIGO
10 ore
Guasto all'Eurocity: passeggeri evacuati e oltre 3 ore di ritardo
Il treno proveniente da Milano si è fermato poco prima delle 19.00 nei pressi di Sihlbrugg paralizzando la tratta ferroviaria tra Zugo e Thalwil
GRIGIONI
19 ore
Dramma sulle piste, grave una bimba: «Bisogna adeguare sempre la velocità»
L'incidente avvenuto sabato ad Arosa riapre il dibattito sui baby-sciatori travolti dagli adulti, l'esperto: «Divieti e limiti non servono»
BASILEA CITTÀ
20 ore
L'identikit del serial-killer svizzero: uomo, adulto, incensurato e sposato
Lo hanno stilato degli esperti basilesi che hanno preso in considerazione 33 assassini plurimi, e i risultati sono davvero sorprendenti
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile