Keystone
BERNA
11.03.19 - 16:000
Aggiornamento : 16:44

Il caso Moutier «va chiarito rapidamente»

La consigliera federale Karin Keller-Sutter auspica una soluzione immediata all'annosa vertenza del comune sfociata nell'annullamento della votazione del 18 giugno 2017

BERNA - La Confederazione auspica una soluzione rapida nell'annosa vertenza sull'appartenenza cantonale di Moutier, riaccesa dalla decisione della prefetta del Giura bernese di invalidare il voto popolare del 18 giugno 2017. Lo ha fatto sapere la neo-ministra di giustizia Karin Keller-Sutter nella sua prima partecipazione alla conferenza tripartita con i cantoni Berna e Giura, tenutasi lo scorso 5 marzo, si apprende da un comunicato del suo dipartimento diramato oggi.

Il 18 giugno 2017 i cittadini di Moutier avevano deciso, con una maggioranza del 51,7%, di lasciare il canton Berna per unirsi al Giura. La votazione è stata però annullata dalla prefetta del Giura bernese Stéphanie Niederhauser. Contro la decisione sono stati inoltrati cinque ricorsi al Tribunale amministrativo bernese.

Se quest'ultimo dovesse confermare l'annullamento - una sua decisione è attesa per questa estate - dovrebbero essere subito avviati, «per guadagnare tempo», preparativi per una nuova votazione, con la riserva di una eventuale sentenza del Tribunale federale, si legge nel comunicato del Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP).

Nel caso di una conferma giudiziaria del voto del 2017, la Confederazione vuole impegnarsi per un «rapido» passaggio di Moutier al Giura.

Karin Keller-Sutter, conclude il comunicato, ha fatto sapere ai suoi interlocutori che la Confederazione non intende partecipare alle "indagini" del gruppo di cittadini denominatosi "Réconciliation" ("Riconciliazione"). A fine gennaio questo ha proposto di dividere Moutier in due comuni distinti, uno che continuerebbe ad appartenere a Berna, l'altro che passerebbe al Giura: ogni abitante potrebbe scegliere in quale dei due domiciliarsi. La consigliera federale ha tuttavia «sottolineato che ogni iniziativa che contribuisca al dialogo nella popolazione di Moutier è degna di plauso».

Sempre oggi, il Gran Consiglio bernese ha approvato alla quasi unanimità una mozione (trasformata in parte in postulato) del deputato verde-liberale Thomas Brönnimann, la quale a sua volta chiede che si prepari la ripetizione della votazione comunale di Moutier. Il consigliere di Stato Pierre Alain Schnegg (UDC) ha tuttavia fatto notare che non è possibile organizzare una nuova votazione senza aspettare l'esito della procedura in corso.

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
1 ora
Per due anni ha mostrato il dito medio a un multafot
Si tratta di un ciclista che la polizia è riuscita a fermare dopo ventisette sanzioni
SVIZZERA
7 ore
Stop alle telefonate delle assicurazioni
È stato raggiunto un accordo riguardo al telemarketing come pure per il pagamento di provvigioni agli intermediari
GRIGIONI
8 ore
È stato un WEF «pacifico»
Dal punsto di vista della sicurezza, le autorità forniscono un bilancio positivo del cinquanesimo Forum
VAUD
9 ore
«C'è una bomba», falso allarme all'ospedale di Payerne
Un uomo non identificato ha fatto scattare un importante dispositivo di sicurezza. La polizia: «Nessuno è stato in pericolo»
SVIZZERA
11 ore
«Occorre preparare il terreno per la crescita»
Il compito assegnato alla Banca centrale europea è «garantire la stabilità finanziaria e dei prezzi nell'economia», spiega Christine Lagarde
FOTO
GRIGIONI
12 ore
In pochi in piazza insieme a Greta a Davos
Solo alcune dozzine di attivisti hanno preso parte al flash mob organizzato nella località che ospita il Forum economico mondiale
FOTO
SAN GALLO
13 ore
Fece esplodere una drogheria a Freiburg, lo cercano anche in Svizzera
L'uomo è latitante da mesi, per il suo misterioso attentato dinamitardo potrebbe aver indossato un travestimento
GRIGIONI
13 ore
WEF, spazio aereo violato una sola volta
Un piccolo velivolo da turismo è entrato nella zona "off limits", in territorio italiano, due giorni fa
ZURIGO
14 ore
«I bonus non hanno senso, le banche svizzere sono indietro di anni»
A lanciare l'accusa è un imprenditore olandese di base a Zurigo: «Chi viene per i soldi, se ne va per i soldi»
SVIZZERA
17 ore
Givaudan: vendite e utili in crescita anche nel 2019
Agli azionisti verrà proposto un dividendo di 62 franchi, 2 in più che per l'esercizio precedente
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile