Tipress (archivio)
SVIZZERA / CANTONE
05.03.19 - 09:500

«Le Guardie di confine resteranno armate alla frontiera?»

Una domanda al Consiglio federale di Marco Romano chiede di fare chiarezza sull’eventuale ristrutturazione dell’Amministrazione federale delle Dogane

BERNA - Marco Romano vuole che si faccia chiarezza sui possibili progetti di ristrutturazione in corso all’Amministrazione federale delle Dogane. In una domanda presentata al Consiglio federale, il consigliere nazionale PPD chiede al Governo di confermare l’eventuale progetto indicando quali sono i fattori previsti «a livello centrale e nelle varie Regioni».

A preoccupare Romano sono in particolare l’eventualità di uno «smantellamento delle strutture decentrali», che potrebbe inoltre comportare una riduzione dell’effettivo del Corpo delle Guardie di confine, e la possibilità che gli agenti alla frontiera possano essere disarmati.

La risposta del Consiglio federale è attesa per lunedì prossimo in occasione della tradizionale ora delle domande.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GRIGIONI
6 ore

Apre il baule per salvare il cane, ma la proprietaria s’indigna

Ha notato l’animale sotto il sole e si è accorto che la macchina non era chiusa a chiave. Quando la donna ha fatto ritorno al suo veicolo, i toni si sono accesi

VALLESE
7 ore

Sfiorati i 36 gradi in Vallese

Al momento l'aria è estremamente calda a media e alta quota e ciò ha fatto segnare record di temperatura per giugno in molte stazioni di rilevamento nelle Alpi e nel Giura

BERNA
12 ore

Auto finita nel lago di Thun, recuperato un cadavere

Il corpo senza vita di un uomo 56enne è stato recuperato oggi nel veicolo uscito di strada ieri. Si trovava a 80 metri di profondità

SONDAGGIO
ZURIGO
12 ore

Crisi d'asma sul treno: «Invece di aiutare, hanno cambiato scompartimento»

Una donna di 45 anni ha avuto un grave attacco d'asma alla stazione di Zurigo, ma l'aiuto ricevuto non è quello che ci si aspetterebbe in questi casi

SAN GALLO
14 ore

Due giovani ghepardi allo zoo del Knie

Arrivati da poco dal Sudafrica, i due felini hanno trascorso tre mesi in quarantena nel parco zoologico di Gossau. Il direttore: «Dobbiamo ancora dar loro un nome»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report