Keystone
LUCERNA
01.03.19 - 19:300

Il PLR consulta i suoi membri sulla politica climatica

I risultati serviranno ad elaborare una presa di posizione ufficiale

LUCERNA - Il Partito liberale radicale (PLR) effettuerà un sondaggio presso i suoi 120'000 membri per conoscere la loro opinione in materia di politica ambientale e climatica. I risultati serviranno ad elaborare una presa di posizione ufficiale.

La decisione in tal senso è stata presa oggi dalla Conferenza dei presidenti dei partiti cantonali, riunita a Lucerna. I risultati di questa indagine unica nella storia del PLR saranno presentati ai delegati il 22 giugno sotto forma di un documento di sintesi con l'intento di dare "maggiore importanza alla politica climatica e ambientale", precisa il partito.

Secondo il PLR, un intervento efficace in questo ambito «deve essere ecologicamente appropriato, ma anche socialmente accettabile ed economicamente sostenibile". E il partito "non è disposto a sostenere nuovi divieti o misure utopiche che rischiano di essere rifiutati e dalla popolazione».

A metà febbraio la Presidente del PLR Petra Gössi aveva annunciato a che il suo partito avrebbe cambiato rotta sulla legge sul CO2 a favore di un compromesso. Secondo la Gössi è ovvio che «la politica può essere adattata» se il PLR vuole una azione efficace in favore del clima.

Le intenzioni della presidente hanno incontrato la resistenza di diversi parlamentari federali del partito. Contemporaneamente, Gössi aveva annunciato il sondaggio tra i membri.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZUGO
2 ore
Forte odore di gas, in 20 fatti uscire da un edificio
Gli specialisti hanno individuato una fuga e hanno sfollato i residenti a scopo precauzionale
SONDAGGIO
SVIZZERA
3 ore
Se l’uovo bio costa il 114% in più
Per i prodotti biologici si spende spesso molto di più che per quelli convenzionali. Ecco il motivo
ZURIGO
11 ore
Arriva Trump: gli 007 americani prendono il controllo di Kloten
Agenti statunitensi supervisioneranno la torre di controllo in occasione del WEF: «Gli americani ordinano, gli svizzeri cedono il timone»
SONDAGGIO
SVIZZERA
16 ore
Se il corso di guida entra nel simulatore
La proposta vale per la formazione complementare obbligatoria. Il promotore parla di soluzione «più ecologica e meno pericolosa»
SAN GALLO
18 ore
Incidente sul set: «Le armi erano vere»
La polizia cantonale sull’episodio che si è verificato sabato mattina a Rapperswil-Jona
GRIGIONI
19 ore
Marcia per il clima verso il WEF
Centinaia di persone sono partite da Landquart. Il messaggio: «L'economia pensi all'ambiente»
VIDEO
VAUD
22 ore
Confessa il piromane seriale che angosciava Concise
Un 54enne, residente proprio nel piccolo comune, è stato arrestato per aver appiccato sei incendi nel canton Vaud negli scorsi mesi
SAN GALLO
23 ore
Girano una scena con le armi, ma le riprese terminano nel sangue
Tre persone sono rimaste ferite ieri mattina in un ristorante di Rapperswil-Jona nel quale una troupe stava effettuando delle scene per un film
SVIZZERA
1 gior
Forze aeree isolate a causa del guasto Swisscom
È successo venerdì, proprio nei giorni in cui sono in corso i preparativi in vista del WEF di Davos
ZURIGO
1 gior
Due uomini aggrediti davanti a un cinema: uno è grave
È stato accoltellato e ha dovuto essere operato d'urgenza. Ad attaccarli è stato un gruppo di sconosciuti
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile