Keystone
SVIZZERA / REGNO UNITO
25.02.19 - 15:590

Brexit, firmato l'accordo tra Berna e Londra

Grazie all'intesa sottoscritta oggi, i cittadini elvetici e britannici conserveranno i diritti acquisiti in base all'Accordo sulla libera circolazione

BERNA - Anche dopo l'uscita del Regno Unito dall'UE, Svizzera e Gran Bretagna garantiranno ai loro cittadini i diritti odierni. Il segretario di Stato elvetico Mario Gattiker e il suo omologo britannico Christopher Heaton-Harris hanno firmato oggi a Berna un accordo in tal senso.

La firma odierna si inserisce nel quadro della strategia "Mind The Gap" del Consiglio federale che si prefigge di mantenere ed eventualmente estendere i diritti e gli obblighi vigenti con il Regno Unito anche dopo la Brexit. Grazie all'intesa sottoscritta oggi, i cittadini elvetici e britannici (circa 80'000) conserveranno i diritti acquisiti in base all'Accordo sulla libera circolazione delle persone tra la Svizzera e l'UE (ALC).

L'accordo si applica alle persone che soggiornano nell'altro Stato in virtù dell'ALC e i diritti conferiti saranno validi a titolo permanente, precisa la Segreteria di Stato della migrazione (SEM) in in una nota odierna. Esso consentirà anche il proseguimento dei servizi forniti da imprese e indipendenti con sede nella Confederazione o nel Regno Unito. Oltre al diritto di soggiorno, l'intesa disciplina anche i diritti alle prestazioni delle assicurazioni sociali nonché il riconoscimento delle qualifiche professionali.

L'accordo, approvato dal Consiglio federale il 19 dicembre 2018, entrerà in vigore non appena l'ALC non sarà più applicabile tra la Svizzera e la Gran Bretagna, quindi dopo la fine del periodo transitorio concordato tra l'UE e il Regno Unito (presumibilmente il primo gennaio 2021).

Stando alla SEM, perché il periodo transitorio sia attuato occorre che Bruxelles e Londra ratifichino l'accordo sul ritiro della Gran Bretagna dall'UE. In caso di mancata ratifica di questa intesa, l'accordo firmato oggi tra la Svizzera e il Regno Unito entrerà in vigore il giorno successivo alla Brexit, ossia verosimilmente il 30 marzo 2019.

Ulteriore passo - Come detto, la firma odierna rappresenta un ulteriore passo nella strategia "Mind The Gap" del Consiglio federale. In questo contesto la Svizzera ha già siglato con il Regno Unito quattro accordi bilaterali sul commercio, il trasporto stradale, le assicurazioni e il trasporto aereo.

Inoltre tra Berna e Londra proseguono le discussioni in vista della firma di un accordo di durata determinata per codificare la situazione dei cittadini dei due Stati che, dopo l'eventuale "uscita non ordinata" del Regno Unito dall'UE, desiderano svolgere un'attività lucrativa nell'altro Paese. «Grazie a questo accordo intendono ammortizzare le conseguenze indesiderate del drastico venir meno della libera circolazione delle persone», sottolinea la SEM.

Indipendente da questi sforzi e in caso di una Brexit senza accordo, il Consiglio federale ha già deciso di creare un contingente temporaneo separato di 3'500 unità destinato ai cittadini britannici che desiderano entrare in Svizzera per esercitare un'attività lucrativa. Tale contingente includerà 2'100 lavoratori con permesso di soggiorno (B) e 1'400 con permesso di soggiorno di breve durata (L).

Keystone
Guarda le 3 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
3 ore
Dopo il gran caldo, si scatenano i temporali
Il caldo estivo, quasi estremo in determinate località, è stato seguito da forti tempeste
SVIZZERA
5 ore
Continua il mistero della villa "degli orrori" di Morat
Sono stati trovati all'interno numerosi oggetti sospetti, antiquariato, ed "esplosivi rudimentali"
SVIZZERA
5 ore
Scettici al vaccino, la maggior parte lavora in ospedale
«Non voglio essere una cavia - dice un'infermiera -. Se fosse obbligatorio, sarei disposta a rinunciare al mio lavoro»
ZURIGO
7 ore
Sequestrate diverse armi a due estremisti 19enni
La Polizia è intervenuta questo pomeriggio presso due abitazioni a Winterthur
SVIZZERA
8 ore
Soglia dei 1'000 abbattuta, ma c'è ancora incertezza per i concerti
Mentre lo sport sorride, gli organizzatori di show e festival non sono convinti
SVIZZERA
8 ore
Chiesti 15 e 13 anni di galera per i "genitori dell'orrore"
In aula, i due ex coniugi hanno respinto tutti gli addebiti, accusandosi a vicenda
URI
8 ore
Incidente di lusso sul Passo del San Gottardo: coinvolte una Bugatti e una Porsche
All'origine dell'impatto ci sarebbe stato un tentativo di sorpasso
SVIZZERA
11 ore
Anziani al supermercato, nonostante il virus
Sono tra le persone vulnerabili, ma temono meno la pandemia. È quanto emerge da uno studio del Politecnico di Zurigo
SVIZZERA
11 ore
Sport ed eventi, da ottobre anche più di 1'000 persone
Gli organizzatori dovranno però ricevere l'ok dai cantoni e disporre di severe misure di protezione.
SVIZZERA
11 ore
Anche i contanti fra le vittime del Covid
Dopo il lockdown, il 41% della popolazione ne fa un uso minore. Guadagna terreno l'e-banking
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile