Keystone
GINEVRA
20.12.18 - 08:130

Maudet si è sentito tradito dalla sua famiglia politica

Il consigliere di Stato ha detto alla stampa si credere «fondamentalmente di essere innocente

GINEVRA - Pierre Maudet si dice convinto di essere innocente: «non fuggo le mie responsabilità, sono consapevole di aver mentito», afferma il consigliere di Stato ginevrino in interviste pubblicate oggi dai quotidiani Le Temps e Blick.

Nell'accettare il famoso invito a Abu Dhabi nel 2015 - sostiene Maudet - l'intenzione era di sostenere Ginevra e trarre benefici economici per la città lemanica. «Devo scusarmi per aver incontrato persone che investiranno milioni di euro per i posti di lavoro a Ginevra? Non credo proprio», afferma il consigliere di Stato.

Certo, Maudet si dice «molto imbarazzato» del fatto che il viaggio, il cui costi sono stimati a circa 50.000 franchi, sia stato del tutto pagato da terzi, ma «non ho fatto nulla di male. Non ho mai avuto l'impressione di arricchirmi», rivela al Blick.

D'altra parte, il consigliere di Stato PLR ritiene di aver sbagliato «a mescolare gli aspetti pubblici e privati e poi a nascondere la verità». Maudet spiega di aver provato vergogna ad ammettere di essere stato invitato da uno Stato straniero. «Più domande sono sorte, più è stato difficile ammettere l'errore», rivela a Le Temps.

Rispondendo al Blick in merito al fatto di essere rimasto finora in silenzio, il politico adduce al fatto di non aver voluto ostacolare la giustizia. «Il ministero pubblico ha concluso le udienze delle persone coinvolte», il che dà a Maudet ora l'opportunità di fornire la sua versione dei fatti. In ogni caso, afferma il consigliere di Stato, «non è la direzione del partito che deve decidere, ma la base».

Pierre Maudet si incontrerà proprio con i membri del PLR il 15 di gennaio. Un incontro che il politico vede soprattutto come un passo che gli permetterà di «rilevare la temperatura, per capire chi lo appoggia». Nelle due interviste pubblicate oggi, Maudet non accenna a dimissioni nell'immediato futuro: «mi ritirerò solo in caso di condanna», ha detto al Blick.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
54 min
Tentativo di rapina con coltello, un ferito grave
L'aggressione è avvenuta nella notte vicino alla stazione centrale di Zurigo.
SVIZZERA
2 ore
Mascherina presto obbligatoria anche all'aperto?
Il Consiglio federale ha messo in consultazione alcune ulteriori misure per lottare contro la diffusione del Covid-19.
SVIZZERA
2 ore
«Prima combattiamo il covid, poi la legge sul CO2 e l'accordo quadro»
Marco Chiesa ha aperto questa mattina con un discorso l'assemblea dei delegati dell'UDC.
SVIZZERA
4 ore
UDC e Verdi, le assemblee dei delegati si tengono online
I democentristi discuteranno in particolare dell'accordo quadro. Gli ecologisti di politica agricola.
SVIZZERA
5 ore
«Non servono nuove regole, ma ogni giorno conta»
Marcel Tanner, membro della Task Force Covid-19, si dice allarmato per il rapido aumento di casi in Svizzera.
BASILEA CITTÀ
5 ore
«Ha detto che avrebbe sparato al prossimo senza mascherina»
A.Z. ha un certificato medico, ma la gente non lo sa. E ogni giorno raccoglie insulti sui mezzi pubblici
SVIZZERA
17 ore
Tutta Europa ci guarda, ora la “pecora nera” siamo noi
Anche l’Italia osserva l’incremento dei dati svizzeri sul Covid-19 con una certa preoccupazione
BERNA / ZURIGO
18 ore
Due rapine in banca nel pomeriggio
Colpi nella filiale UBS in Römerhofplatz a Zurigo e alla Valiant Bank di Belp
SVIZZERA
19 ore
Coronavirus: l'esercito si prepara a intervenire
Sospesi gli esercizi su larga scala previsti nel corso di quest'anno, in dubbio anche i corsi di ripetizione
VATICANO
20 ore
13 Guardie svizzere sono positive
Alcune sono asintomatiche e nessuna è ricoverata in ospedale
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile