Keystone
BERNA
14.12.18 - 09:300

Berset: «Sarà difficile far accettare l'accordo quadro»

«Quel che è certo è che alla fine l'accordo sarà sottoposto a votazione popolare»

BERNA - Il Presidente della Confederazione ritiene che sarà «piuttosto difficile» trovare sostegno per la ratifica dell'accordo quadro negoziato con l'Unione europea (UE). Per Alain Berset è comunque necessario stabilizzare le relazioni con Bruxelles.

«Si tratta di un argomento molto delicato», ha detto in un'intervista pubblicata oggi da La Liberté e dai giornali partner. Il Consiglio federale non ha voluto siglare l'accordo a causa delle «reazioni in Svizzera di quest'anno», ha continuato. «Con l'accordo quadro, applichiamo semplicemente la procedura che seguiamo per tutti i dossier, mettendo il testo in consultazione», sottolinea il ministro dell'Interno, specificando che in questo modo si favorisce «un dibattito su un testo concreto, per vedere se è fattibile o meno».

L'esito della procedura è, a suo avviso, incerto. «Dall'estate abbiamo visto quanto la questione sia delicata per le parti sociali e i partiti politici», spiega Berset. «Quel che è certo è che alla fine l'accordo sarà sottoposto a votazione popolare».

Il Dipartimento degli affari esteri condurrà discussioni con le parti interessate all'inizio del 2019. Il governo farà poi il punto in primavera. L'accordo istituzionale, voluto da Bruxelles per garantire una migliore armonizzazione del diritto svizzero ed europeo, non riguarderà i circa 120 accordi bilaterali, ma solo gli accordi di accesso al mercato comunitario esistenti e futuri, vale a dire libera circolazione, prodotti agricoli, trasporto aereo, trasporto terrestre, ostacoli al commercio.

La Svizzera avrà tempo per riprendere ogni sviluppo del diritto europeo e ci sarà sempre la possibilità di un referendum. La ripresa automatica del diritto comunitario è esclusa.

L'Unione europea però esige concessioni sulle misure di accompagnamento alla libera circolazione delle persone, una richiesta che ha provocato la ferma opposizione della sinistra e dei sindacati. Bruxelles vuole che la Svizzera sottoponga la protezione salariale al diritto europeo (direttiva sul distacco dei lavoratori) entro tre anni dall'entrata in vigore dell'accordo istituzionale.

Il progetto non menziona la direttiva sulla cittadinanza europea. Esso non fa neppure riferimento al regolamento dell'UE sul coordinamento dei servizi di sicurezza sociale attualmente in fase di riforma, la cui ripresa costringerebbe la Svizzera a versare le indennità di disoccupazione ai lavoratori frontalieri attivi sul suo territorio.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
31 min
La "soglia dei mille" sta per saltare?
Secondo indiscrezioni, il limite agli assembramenti non verrà rinnovato a settembre
SVIZZERA
2 ore
Lauber, schiaffo all'immunità dal Consiglio degli Stati
La decisione è stata presa in modo chiaro: per 10 voti contro 1
BASILEA CITTÀ
3 ore
Sentenza della 76enne che ha ucciso Ilias: sarà internata
La Corte ha riconosciuto colpevole di assassinio la donna che ha accoltellato il piccolo di 7 anni
SAN GALLO
4 ore
Condannata la direttrice delle medie che rese possibile l'alcol-party di diploma
La donna è stata ritenuta responsabile dal giudice, fatta chiarezza sul come e il perché successe il fattaccio
SVIZZERA
5 ore
Una tavola rotonda per rilanciare l'export svizzero
Lo scambio di vedute tra i partecipanti sulle conseguenze della pandemia è stato «proficuo»
SONDAGGIO
SVIZZERA
6 ore
Una persona su quattro non vuole farsi vaccinare
Secondo un sondaggio, soltanto una minoranza dei lavoratori non intende proteggersi contro il coronavirus
SVIZZERA
8 ore
I danni delle catastrofi sono in aumento nella prima metà del 2020
Lo studio non tiene conto dei danni legati alla pandemia di coronavirus.
SVIZZERA
8 ore
Altri 187 casi, 11 ricoveri e un decesso
Il totale dei contagi dall'inizio dell'emergenza sale a 36'895. I decessi sono 1'713.
SVIZZERA
9 ore
«10mila immigrati all'anno, dicevano. Ne arrivano 75mila»
L'UDC ha lanciato la campagna per il sì all'Iniziativa per la limitazione.
SVIZZERA
9 ore
Immatricolazioni in lieve calo a luglio
In controtendenza i veicoli ibridi ed elettrici
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile