Keystone
SVIZZERA
03.12.18 - 20:100

Preventivo 2019, i senatori vogliono 98 milioni in più per la formazione

Dagli Stati il dossier ritorna al Nazionale per appianare le divergenze che ancora oppongono i due rami del Parlamento

BERNA - Dopo il Consiglio nazionale la settimana scorsa, è toccato oggi agli Stati discutere del preventivo 2019 della Confederazione. Alla fine dei dibattiti, la Camera dei cantoni ha approvato un aumento di 98,1 milioni di franchi nel budget per la formazione e la ricerca. Il dossier ritorna tuttavia a quella del popolo per appianare le divergenze che ancora oppongono i due rami del Parlamento.

Giovedì scorso, quella del popolo aveva deciso di sostenere maggiormente politecnici, università, istituti di ricerca e formazione professionale, attribuendo a queste voci complessivamente 115 milioni supplementari rispetto al progetto governativo. I "senatori" hanno oggi seguito il principio del Nazionale, ma alla fine hanno votato un'aggiunta inferiore di 16,9 milioni.

Dai ranghi borghesi, alcune voci si sono alzate, come quella di Werner Hösli (UDC/GL), per criticare una politica di aiuti a innaffiatoio in questo settore. Il ministro delle finanze Ueli Maurer ha dal canto suo avvertito che l'anno prossimo si dovrà dar prova di minor generosità poiché la situazione budgetaria si aggraverà.

Divergenze - Contrariamente alla Camera del popolo, i "senatori" non hanno attribuito 560'600 franchi in più all'Istituto universitario federale per la formazione professionale, né 3 milioni supplementari agli istituti di ricerca d'importanza nazionale. La seconda decisione è stata presa con 23 voti contro 18.

Gli Stati si sono mostrati un po' meno generosi anche per quanto riguarda le indennità forfettarie e la formazione professionale superiore, liberando 18 milioni supplementari, contro i 31,5 milioni decisi dal Nazionale in prima lettura. I "senatori" hanno invece accettato un aumento delle spese di 193'500 franchi per la formazione continua, che la Camera del popolo aveva respinto di misura.

Ciclismo, museo e tribunale - Su altri crediti supplementari, i due rami del Parlamento si sono già messi d'accordo. Seguendo il Nazionale, anche i "senatori" hanno oggi deciso di attribuire un credito supplementare di 3 milioni in favore dell'Ufficio federale dello sport in vista dei mondiali di ciclismo su strada di Martigny (VS) e Aigle (VD) del 2020 e si sono pronunciati a favore di 530'000 franchi supplementari per il Museo alpino di Berna.

Come il Nazionale, anche gli Stati hanno inoltre aumentato di 1 milione di franchi il budget destinato al Tribunale penale federale per permettere la creazione di una nuova corte d'appello.

Guardie di confine - Più combattuta è stata invece la discussione concernente il credito supplementare destinato al Corpo delle guardie di confine. Alla fine, con 21 voti contro 20 e 1 astenuto, i "senatori" hanno seguito la Camera del popolo approvando un'aggiunta di 2,8 milioni di franchi nel Dipartimento federale delle finanze al fine di creare di 44 posti supplementari.

Questo credito, che dovrebbe essere compensato in spese per il personale in altri dipartimenti, era combattuto agli Stati da una minoranza trasversale composta da Werner Hösli (UDC/GL), Peter Hegglin (PPD/ZG) e Christian Levrat (PS/FR). Il democentrista glaronese ha dichiarato invano che «la situazione migratoria alle frontiere è sotto controllo». A suo avviso, occorrerebbe puntare invece sulla digitalizzazione delle dogane e una ridistribuzione dei compiti.

No a tagli in beni e servizi - I "senatori" si sono inoltre pronunciati diversamente dal Nazionale in altri ambiti. Si sono in particolare rifiutati di accordare 546'300 franchi in più all'Ufficio federale dell'agricoltura e di tagliare 19 milioni di franchi nelle voci «Spese per beni e servizi» e 45 milioni nell'«Aiuto sociale per il settore dell'asilo».

Secondo Hannes Germann (UDC/SH), il Nazionale ha operato quest'ultimo taglio basandosi sulle recenti stime che prevedono una diminuzione delle domande d'asilo. Ma, a suo avviso, «si tratterebbe soltanto di un risparmio di facciata».

La Camera dei cantoni, a differenza del Nazionale, non ha neppure voluto tagliare 1,4 milioni nelle spese di funzionamento dell'Ufficio federale della sanità pubblica, per evitare presunti sperperi nelle consulenze esterne. "No" anche a un taglio di 2 milioni nel Controllo federale delle finanze e a un altro di 1,6 milioni nel nuovo Ufficio federale del servizio civile.

Eccedenza di 1,158 miliardi - Come per ogni sessione invernale, i due rami del Parlamento devono votare il preventivo della Confederazione. Il budget 2019 approvato dal Consiglio federale attesta entrate pari a 73,556 miliardi di franchi e uscite per 72,296 miliardi, con un'eccedenza di 1,260 miliardi. Tale avanzo è dovuto a maggiori introiti fiscali, ma anche alla bocciatura della previdenza vecchiaia 2020 e della terza riforma della fiscalità delle imprese, che ha generato minori uscite, ha spiegato Ueli Maurer.

Al termine dei dibattiti alla Camera del popolo, le spese erano aumentate di 51 milioni di franchi rispetto al progetto governativo, attestandosi a 72,347 miliardi per un'eccedenza di 1,209 miliardi. Parecchie decisioni erano però state prese di misura. Oggi gli Stati hanno accresciuto il budget di 102,6 milioni di franchi rispetto alla versione del Governo (uscite per 72,398 miliardi ed eccedenza di 1,158 miliardi). Sia il disegno governativo che gli aumenti proposti rispettano le esigenze del freno alle spese.

Aggiunta al preventivo 2018 - La Camera dei cantoni si è infine occupata della seconda aggiunta al preventivo 2018 della Confederazione, approvandola all'unanimità. Si tratta di 14 crediti aggiuntivi per complessivi 47,5 milioni di franchi.

Di questi, 15 milioni sono destinati alle prestazioni complementari dell'AI. Ulteriori aggiunte riguardano i contributi a favore dei Cantoni per la rivitalizzazione di corsi d'acqua (10,9 milioni) e i costi per il nuovo centro federale per richiedenti l'asilo di Boudry (4,5 milioni).

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
54 min
Maurer contro le quote rosa
Lo scrive oggi Le Matin Dimanche, che ha avuto accesso a documenti riservati.
SVIZZERA
LIVE
Iniziativa per la limitazione verso la bocciatura
Urne chiuse a mezzogiorno in tutta la Svizzera. Ci sono già le prime proiezioni.
SVIZZERA
1 ora
Quattro medici "critici" sotto sorveglianza
Sono accusati di non applicare le misure volute da Berna per contenere il propagarsi della pandemia da Covid-19
SVIZZERA
3 ore
L'epidemiologo cambia rotta: «Ora la gestione Covid funziona»
Marcel Salathé ora è positivo: le cifre sono stabili, seppur elevate, e il contact tracing finalmente funziona
NIDVALDO
3 ore
Alla guida di un camion con l'1,4 per mille
Al camionista kirghiso è stato vietato il proseguimento del viaggio
GINEVRA
5 ore
Pioggia di votazioni cantonali a Ginevra e Uri
Molti quesiti per gli abitanti dei due cantoni, dal salario minimo alle ciclabili. Altri nove alle urne.
BERNA
5 ore
Svizzeri al voto su cinque temi federali
Una domenica di votazione così non si vedeva da quattro anni. Forte incertezza su almeno due quesiti.
SVIZZERA
14 ore
La rivista ritratta: «Riesamineremo lo studio sull'Echinaforce»
Perché se funziona in laboratorio non è detto che funzioni anche sull'uomo: «È sovrainterpretazione»
GINEVRA / ITALIA
17 ore
Quasi giunto a destinazione l'aereo torna indietro
Il volo, partito questa mattina da Ginevra, ha avuto un problema tecnico.
ZURIGO
20 ore
Condizioni di lavoro negli asili nido: a Zurigo si manifesta
Circa 500 persone sono scese in piazza per protestare contro la situazione di queste strutture.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile