Keystone
SVIZZERA
03.12.18 - 15:400

«Verseremo 120 milioni in più per il clima»

Il presidente della Confederazione Alain Berset annuncia l'impegno della Svizzera nella lotta contro i cambiamenti climatici: «Bisogna attuare misure rapide per contrastare il riscaldamento globale»

BERNA - La Svizzera si impegna a versare oltre 120 milioni di dollari in nuovi contributi finanziari per i cambiamenti climatici. Il presidente della Confederazione Alain Berset lo ha annunciato oggi a Katowice (Polonia) in occasione della 24esima Conferenza dell'Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) sul clima, chiedendo misure rapide per contrastare il riscaldamento globale.

Tale importo proviene dalla Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC) e dalla Segreteria di Stato dell'economia (SECO) e si aggiunge al sostegno finanziario ai Paesi in via di sviluppo per l'attuazione delle loro politiche climatiche.

Nel dettaglio, 76 milioni di dollari andranno a progetti e programmi bilaterali, 12 milioni per azioni mirate del Fondo internazionale per lo sviluppo agricolo (IFAD) e 9 milioni per l'iniziativa sui sistemi di allerta rapidi per i rischi climatici (CREWS).

Dieci milioni di dollari sono poi destinati al "BioCarbon Fund", un fondo lanciato dalla Banca mondiale, e 13 milioni, sull'arco dei prossimi quattro anni, ai Paesi meno sviluppati e al Fondo speciale per i cambiamenti climatici.

«Dire che il tempo stringe, è poco», ha affermato Berset. È giunto il momento di reagire, le conseguenze del cambiamento climatico sono percepibili per tutti. «Il numero e la frequenza di eventi meteorologici estremi è in aumento, alcune infrastrutture sono minacciate e nuove malattie appaiono alle nostre latitudini».

In Svizzera la temperatura media è aumentata di 2 gradi, più del doppio della media globale, ha aggiunto il presidente della Confederazione. L'impatto più visibile è lo scioglimento e la scomparsa dei ghiacciai. Questi hanno perso un quinto del loro volume negli ultimi dieci anni, ha precisato.

La Svizzera intende quindi ridurre le proprie emissioni del 50% entro il 2030, ha dichiarato Berset. Come dimostrano molti esempi in Svizzera e in altri Paesi, la protezione del clima non ostacola lo sviluppo economico, anzi: «È il mezzo ideale per garantire il nostro benessere a lungo termine».

Secondo Berset, il cambiamento è già troppo avviato ed è troppo tardi per discutere solo delle cause: «Dobbiamo impegnarci per limitare le conseguenze. Se non raddoppiamo gli sforzi per proteggere il nostro pianeta, entro la metà del 21esimo secolo in Svizzera la temperatura nei mesi estivi sarà in media superiore di 2,5-4,5 gradi centigradi».

Contenere l'incremento della temperatura globale a meno di 2 gradi o a 1,5 gradi, come previsto dall'Accordo di Parigi, sarà possibile solo se tutti gli Stati, in particolare i principali emettitori, ridurranno le loro emissioni, ha detto Berset. Dal canto loro, i Paesi più poveri potranno adattarsi solo se otterranno il sostegno di tutti coloro che sono in grado di darlo.

"La Svizzera si impegna per un'azione immediata e per l'adozione di regole chiare e solide a Katowice". Secondo il presidente della Confederazione, gli obiettivi nazionali di riduzione delle emissioni devono essere comunicati in piena trasparenza ed essere quantificabili. La Svizzera ritiene inoltre che occorra istituire un sistema di rendiconto e monitoraggio per accompagnare l'attuazione dell'Accordo di Parigi.

"Qualsiasi tentativo di indebolire la realizzazione del patto o di fissare misure troppo poco ambiziose deve essere fermamente respinto", ha concluso Berset.

La conferenza dell'ONU è iniziata ieri. Rappresentanti di circa 200 Paesi stanno lavorando a misure concrete per l'attuazione del trattato di Parigi sul clima.

Commenti
 
Bandito976 9 mesi fa su tio
Voi pensate che basta scaricare un po' di soldi per risolvere i problemi climatici? Poveri illusi!
oxalis 9 mesi fa su tio
120 milioni "à fond perdu!"
TOP NEWS Svizzera
FOTO
BERNA
14 min

Gara di palloni aerostatici: doppia vittoria per gli svizzeri

I nuovi campioni del mondo sono atterrati dopo 83 ore e quattro notti in volo sul Mar Nero

LUCERNA
1 ora

Aggredisce un agente col coltello, viene abbattuto dal taser

L' uomo di 39 anni, che la scorsa notte ha dato in escandescenza in un appartamento di Greppen, è stato arrestato

VIDEO
ZURIGO
2 ore

Un'auto scende le scale della stazione, tra lo stupore dei presenti

L'automobilista ha tentato una manovra molto insolita alla stazione di Zurigo. La polizia ha aperto un'inchiesta

SVIZZERA
3 ore

Turismo: in crescita le vacanze autunnali

Le mete preferite sono quelle balneari, con in testa Cipro, Spagna, Grecia ed Egitto

ZURIGO
4 ore

L'intervento rarissimo che ha salvato la vita al piccolo Fabian

Il ragazzino era stato portato in ospedale per un mal di schiena. Qui gli è stata diagnosticata una rara malattia. È sopravvissuto grazie a un intervento d'emergenza

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile