Ti Press
SVIZZERA
26.11.18 - 18:350

Banconote, il termine di 20 anni per il cambio va mantenuto

Lo ha deciso oggi il Consiglio degli Stati affrontando la revisione della Legge federale sull'unità monetaria e i mezzi di pagamento. La palla passa ora al Nazionale

BERNA - Il limite temporale di 20 anni per la sostituzione delle vecchie banconote va mantenuto anche in futuro. Lo ha deciso oggi il Consiglio degli Stati affrontando la revisione della Legge federale sull'unità monetaria e i mezzi di pagamento (LUMP). Il dossier va al Nazionale.

La Banca nazionale svizzera (BNS) emette nuove serie di banconote ogni 15-20 anni. Essa ritira poi i vecchi tagli. Sei mesi dopo, questi ultimi non hanno più corso legale, ma possono tuttavia essere scambiati presso la BNS al loro valore nominale per 20 anni.

Il progetto del Consiglio federale prevedeva la possibilità di scambiare le vecchie banconote senza limiti di tempo per i pezzi emessi tra il 1976 e il 1979 (sesta serie, compreso il famoso mille franchi con le formiche o i cento franchi col ritratto di Francesco Borromini) e per la serie successiva. Ma il plenum ha preferito rimanere alla prassi attuale.

Fino alla quinta serie, l'importo corrispondente alle banconote non cambiate è stato versato in un fondo di copertura dei danni non assicurabili causati da eventi naturali (Fondo di soccorso svizzero danni della natura e non assicurabili o Fondssuisse). Il governo avrebbe voluto privarlo di questi soldi in futuro. Dotato attualmente di un capitale di 269 milioni di franchi, il fondo versa in media 3,6 milioni l'anno.

Durante la procedura di consultazione, l'intenzione dell'esecutivo è stata oggetto di critiche, tra l'altro dal PS e dal PPD. Alcuni cantoni, come Ginevra e il Vallese, che non hanno un'assicurazione obbligatoria per gli edifici, ne patirebbero. Disastri come la frana di Bondo (GR) o i gravi danni alle colture causati lo scorso aprile dalle gelate sono destinati ad aumentare, secondo la maggioranza dei "senatori".

Un'altra critica, in particolare proveniente da sinistra e dalle ONG attive nella lotta al riciclaggio, è che l'abolizione del periodo di rimborso potrebbe incoraggiare l'uso del denaro contante a fini criminali.

Da qui la decisione di mantenere il termine di vent'anni e di continuare con i versamenti a Fondssuisse, anche se con una chiave di ripartizione diversa. Fondssuisse dovrebbe ricevere nelle intenzioni del plenum solo il 20% della manna: il resto sarà versato alla Confederazione (1/3) e ai Cantoni (2/3). Il prossimo versamento è previsto per il 2020; potrebbe raggiungere tra i 500 milioni e 1 miliardo.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ARGOVIA
1 ora
Strage di Rupperswil, poliziotto nei guai
Un agente condannato per avere trasmesso informazioni confidenziali ai famigliari delle vittime
SVIZZERA
1 ora
Covid, 105 contagi in Svizzera
Positivi al test in frenata domenica. Nessun decesso. I numeri dell'Ufficio federale della salute pubblica
BASILEA
2 ore
Parla l'anziana che ha ucciso Ilias: «Ero disperata»
In aula anche i genitori del bambino. La donna: «Mi pento ogni giorno di quello che ho fatto»
SVIZZERA
3 ore
Gli insegnanti chiedono garanzie
I docenti svizzero-tedeschi e romandi lanciano un appello alle autorità
SVIZZERA
3 ore
«Nessuna ondata di licenziamenti»
Il dirigente della Seco Boris Zürcher è ottimista. «Molte aziende hanno superato bene la crisi»
CANTONE / SVIZZERA
3 ore
Misure efficaci: non c'è stata "l'ondata" di fallimenti
Le cifre del KOF indicano un calo del 21% rispetto allo stesso periodo del 2019. In Ticino i casi si sono dimezzati
SVIZZERA / REGNO UNITO
4 ore
Le grandi aziende svizzere hanno perso 15 miliardi di capitalizzazione
Nel confronto internazionale, però, le aziende rossocrociate se la cavano abbastanza bene
SVIZZERA
4 ore
«Non isoliamo gli anziani a causa del coronavirus»
Un divieto di visita «non è accettabile», secondo il presidente della Società professionale svizzera di geriatria
SVIZZERA
4 ore
Il virus resta nei pensieri di Koch: «Ora temo l'inverno»
Per Daniel Koch le persone si faranno testare meno pensando a una semplice influenza stagionale.
BERNA
4 ore
Un flash mob alla settimana contro la mascherina
L'invito a una protesta sui tram di Berna sta girando sui social. La polizia sta in guardia
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile