Depositphotos
SVIZZERA
14.11.18 - 10:010

Donazioni di sperma: più trasparenza per i figli

Le persone nate dopo il primo gennaio 2001 grazie avranno accesso più facile ai dati sul donatore

BERNA - Dal 2019 le persone nate dopo il primo gennaio 2001 grazie a una donazione di sperma avranno accesso più facile ai dati sul donatore. È la decisione del Consiglio federale che oggi ha posto in vigore per l'anno prossimo la pertinente modifica dell'ordinanza della medicina della procreazione.

Secondo il diritto vigente, dopo aver compiuto 18 anni, un figlio nato da una donazione di sperma ha la possibilità di ottenere dall'Ufficio federale dello stato civile (UFSC) informazioni sull'identità del donatore e sulle sue caratteristiche fisiche.

Il relativo rapporto va però consegnato al richiedente convocandolo personalmente a Berna, e possibilmente in presenza di una persona con formazione in psicologia sociale. Le spese sono inoltre a carico del richiedente, viene spiegato in un comunicato governativo.

Dal prossimo primo gennaio gli interessati otterranno tali informazioni in modo più semplice e meno burocratico, ricevendole direttamente per posta al proprio domicilio. Sarà anche possibile farsi comunicare i dati da uno specialista nel settore medico, questo perché la conoscenza di determinate informazioni può essere un momento importante dello sviluppo della personalità.

Dall'entrata in vigore, nel 2001, della legge sulla medicina della procreazione, nessuno ha chiesto informazioni su donatori. Le persone nate prima di quell'anno grazie a donazione dovranno rivolgersi al medico curante all'epoca della loro nascita.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VALLESE
1 ora
A 104 km/h sull'50: automobilista nei guai
Al conducente di 32 anni è stata ritirata immediatamente la patente e sequestrato il veicolo.
ZURIGO
1 ora
Tui Suisse taglia 70 posti di lavoro e chiude otto succursali
Le filiali saranno smantellate entro la fine di settembre
SONDAGGIO
SVIZZERA
1 ora
L'erba del vicino... suscita curiosità
La stragrande maggioranza degli elvetici conosce i nomi, ma il 75% vorrebbe avere maggiori informazioni.
SVIZZERA
1 ora
Le aziende "snobbano" il lavoro ridotto
In Svizzera richieste inferiori alle attese, meno della metà. La Seco è sorpresa
FRIBURGO
2 ore
Nespresso investe 160 milioni a Romont
Lo scopo è di «supportare lo sviluppo internazionale nei prossimi anni»
SVIZZERA
4 ore
A giugno la disoccupazione è calata
Oltre un milione di persone erano a lavoro ridotto nel mese di aprile
SVIZZERA
5 ore
Le mascherine costano sette volte di più
Rispetto all'influenza "suina" del 2009, i prezzi sono saliti alle stelle nella grande distribuzione svizzera
SVIZZERA
13 ore
Se vado in discoteca, rischio il licenziamento?
Il proprietario di un locale zurighese parla di un calo di frequenze a causa di pressioni da parte dei datori di lavoro
VAUD
18 ore
Quindicenne in fuga al volante di un'auto
La polizia vodese lo ha fermato sull'A1. In precedenza il ragazzo aveva commesso tutta una serie di infrazioni
SONDAGGIO
SVIZZERA
19 ore
Vacanze in un paese a rischio? «Si potrebbe perdere lo stipendio»
Al rientro si sta in quarantena per dieci giorni e non è possibile richiedere l'indennità perdita di guadagno
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile