Immobili
Veicoli
Keystone
SVIZZERA
08.10.18 - 10:040

Meno emissioni di CO2, Berna pensa a una revisione

L'obiettivo di riduzione fissato dal Consiglio federale nel 2015 indicativamente al 70-85% potrebbe essere rivisto

BERNA - L'obiettivo di riduzione delle emissioni di carbonio entro il 2050, fissato dal Consiglio federale nel 2015 indicativamente al 70-85%, potrebbe essere rivisto. Sulla base di un nuovo rapporto del Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico (IPCC), che agisce su incarico delle Nazioni Unite, l'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM) deciderà infatti se proporre un dato ritoccato.

L'IPCC ha pubblicato oggi - su mandato della Convenzione dell'ONU sui cambiamenti climatici - il suo resoconto sugli effetti del riscaldamento globale a 1,5 gradi rispetto all'era preindustriale, si legge in una nota dell'UFAM. Stando alla relazione, che sarà discussa anche durante una conferenza sul tema prevista in dicembre nella città polacca di Katowice, il mondo deve raggiungere la neutralità delle emissioni di carbonio entro il 2050: ciò significa che entro tale data la quantità di CO2 nell'atmosfera non deve più aumentare.

Le emissioni dovranno essere ridotte rapidamente e in modo significativo: quelle ancora prodotte dall'uomo andranno compensate dalla cattura e dallo stoccaggio del CO2. Per raggiungere questo traguardo - sottolinea l'UFAM - ci sarà bisogno anche di tecnologie per rimuovere il carbonio dall'atmosfera e cambiamenti comportamentali.

Lo scorso 21 settembre, il governo ha incaricato l'UFAM di esaminare, insieme agli altri uffici interessati, le implicazioni degli ultimi risultati scientifici dell'IPCC e di suggerire, se necessario, un nuovo obiettivo per il 2050. La Svizzera sta gradualmente aumentando i suoi traguardi per la riduzione delle emissioni di gas serra, si ricorda nel comunicato. Esse dovranno scendere del 20% in confronto al 1990 entro il 2020, mentre, per il periodo 2021-2030, nell'ambito dell'Accordo di Parigi sul clima, Berna si è impegnata a diminuirle del 50%.

A tal fine, continua l'UFAM, occorre ristudiare la legge sul CO2, il principale strumento della politica climatica elvetica. Il Consiglio federale ha pertanto approvato il relativo progetto nel dicembre 2017. La Commissione dell'ambiente, della pianificazione del territorio e dell'energia del Consiglio nazionale (CAPTE-CN) ha iniziato la sua revisione quest'anno.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
33 min
Quando al rifiuto dell'imbarco segue la violenza
Nel 2021 si sono moltiplicati gli episodi di passeggeri in escandescenza, anche all'aeroporto di Zurigo
SONDAGGIO
SVIZZERA
2 ore
Lavorare quattro giorni alla settimana con lo stesso stipendio
È così in alcune grandi aziende internazionali. Ma alcune piccole imprese elvetiche stanno sperimentando il modello
VAUD
4 ore
Grave incidente sulla A9: un morto e tre feriti
È successo oggi all'altezza di Chardonne, nel Canton Vaud. In un secondo incidente si registra un ulteriore ferito
SVIZZERA
7 ore
Piloti vaccinati a terra, anche se servirebbero in cabina
Swiss resta ferma sull'obbligo di vaccinazione. E cancella i voli in assenza di personale
SVIZZERA
9 ore
«Influenza per i vaccinati? È un affronto»
L'infettivologo ticinese Andreas Cerny mette in guardia sui rischi della nuova strategia federale su Omicron
BERNA / SVEZIA
10 ore
Schianto mortale in Svezia: il camion circolava illegalmente
Il mezzo scontratosi con il minibus che trasportava sette giovani svizzeri appartiene a una ditta che estrae minerali.
SVIZZERA
13 ore
Un registro svizzero degli strascichi
Diversi scienziati invocano uno studio sistematico dei casi di long-Covid. Per capire cosa ci aspetta
SVIZZERA
1 gior
«Meglio pensare che siamo tutti già contagiati»
Il governo rinuncia alla strategia dei test? Per l'organizzazione dei laboratori medici, avrebbe senso
SVIZZERA
1 gior
«Dose booster? I più giovani preferiscono ammalarsi»
La popolazione non a rischio mostra reticenza rispetto alla vaccinazione di richiamo.
BERNA/LUCERNA/SAN GALLO
1 gior
Stazioni sciistiche prese d'assalto
Il sabato soleggiato ha portato numerosissimi appassionati sulle piste, provocando lunghe code.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile