Keystone
SVIZZERA
26.09.18 - 12:510

Patto sulla migrazione: Chiesa interroga il Consiglio federale

Il deputato ticinese ha depositato un’interpellanza con quattro domande a cui il CF «non ha risposto nell’ambito dell’ora delle domande»

BERNA - Il Consiglio federale sostiene il Patto globale sulla migrazione delle Nazioni Unite. Il testo, elaborato dagli Stati membri a partire da settembre 2016, è stato deciso in luglio all'assemblea generale delle Nazioni Unite a New York e dovrebbe essere accolto ufficialmente in dicembre in Marocco. Esso fissa i principi per la gestione dei profughi e dei migranti.

Per i democentristi il Patto non è compatibile con una gestione indipendente dell'immigrazione e con l'autodeterminazione della Svizzera e il testo è lontano dalla realtà.

Il Consiglio federale deve ancora dare il suo via libera alla firma dell'accordo, ma in linea di principio è favorevole. «A causa delle numerose richieste in essa contenute, alcune delle quali sono discutibili in termini di dettaglio e di orientamento», per l'UDC «è urgente chiarire se il Consiglio federale intende attuarle nel nostro Paese».

Non avendo ricevuto risposta nell'ambito dell'ora delle domande, Marco Chiesta ha depositato in Consiglio nazionale un'interpellanza rivolgendo al Consiglio federale quattro quesiti: 

1. Il Consiglio federale ha conferito al capo della missione svizzera un mandato o altri obiettivi per il suo ruolo guida nella negoziazione del Patto delle Nazioni Unite sulla migrazione? Qual era il contenuto?
2. Intende il Consiglio federale semplificare ulteriormente il ricongiungimento familiare dei migranti, come richiesto dal Patto delle Nazioni Unite sulla migrazione? Se sì, come?
3. Intende il Consiglio federale organizzare manifestazioni informative e corsi di lingua nei paesi d'origine dei migranti, in modo da poter soddisfare i requisiti del Patto delle Nazioni Unite sulla migrazione? In caso affermativo, in quali Stati?
4. Intende il Consiglio federale rivedere il codice penale svizzero in modo da soddisfare i requisiti del Patto delle Nazioni Unite sulla migrazione? Questi requisiti prevedono tra l’altro l’introduzione del perseguimento speciale dei crimini contro i migranti e la promozione del sostegno medico, legale e psicosociale delle vittime di questi crimini.

Berset contraddice Trump - Proprio ieri il presidente della Confederazione Alain Berset si è mostrato in disaccordo con l'affermazione di Trump relativa al Patto globale sulla migrazione all'Assemblea generale delle Nazioni Unite.

Il presidente americano ha detto che la migrazione non deve essere discussa da un'organizzazione internazionale, la quale non deve rendere conto a nessun cittadino. Trump ha anche confermato che gli Stati Uniti non aderiranno al patto.

Dal canto suo, il presidente della Confederazione ha affermato che ritiene molto importante che proprio la migrazione venga discussa in un contesto internazionale. Dopotutto è transfrontaliera: le persone viaggiano da un Paese in un altro.

Il patto è stato redatto sotto la presidenza dell'ambasciatore svizzero all'ONU a New York, Jürg Lauber, e del so omologo messicano. Esso mira a rendere in futuro la migrazione più sicura, ordinata e regolamentata. Berset lo ha descritto come un forum ideale per affrontare le questioni legate alla migrazione.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
59 min
L’aeroplano radiocomandato cade su un ragazzo e gli sfregia il viso
Il modellino elettrico era “pilotato” da un uomo a 200 metri di distanza. 
SVIZZERA
1 ora
Giovani UDC denunciano Simonetta Sommaruga
La presidente della Confederazione è accusata di aver intrapreso una trattativa segreta con governi stranieri
SVIZZERA
2 ore
Vietato l'ingresso in Svizzera anche ai cittadini dell'Algeria
Il Dipartimento Federale di Giustizia e Polizia (DFGP) ha aggiunto l'Algeria alla lista degli Stati coinvolti
SVIZZERA
3 ore
Swiss deve ridurre i costi «del 20-25%»
Tra le misure a lungo termine figurano il possibile blocco delle assunzioni e una revisione del portafoglio progetti
SVIZZERA
5 ore
Congedo paternità di due settimane? «Un primo passo verso la parità di genere»
Il comitato a favore ha presentato oggi le proprie argomentazioni in vista della votazione del 27 settembre.
SVIZZERA
5 ore
Ulteriori 181 casi, 3 decessi e 5 ospedalizzazioni
Da inizio pandemia i contagi sono 36'108, i decessi 1'709 e i ricoveri 4'359
SVIZZERA
5 ore
«Il rischio di contagio in aereo è bassissimo»
Il settore dell'aviazione fatica a riprendersi, anche per il timore di contrarre il coronavirus durante il volo
SVIZZERA
5 ore
Fisco-Neymar 1:0
L'AFC aveva domandato documentazione riguardante la Procter & Gamble per la quale il calciatore aveva fatto pubblicità
SVIZZERA
6 ore
Richiamati i noodle a cottura rapida Long Life: contengono micotossine
Il lotto interessato è quello con termine minimo di conservazione al 04.04.2021. È previsto il rimborso.
SVIZZERA
7 ore
Pacchi: la situazione si è normalizzata
Nei mesi di marzo, aprile e maggio, la Posta ha elaborato fino al 40% in più di pacchi rispetto all’anno precedente
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile