Keystone
SVIZZERA
24.09.18 - 18:110

Berna si prepara ad affrontare il dossier europeo

La posizione ufficiale verrà presentata venerdì, ma oggi il Consiglio federale ha riaffermato che «un accordo istituzionale spianerebbe la strada alla conclusione di nuovi accordi»

BERNA - Il Consiglio federale presenterà venerdì la sua posizione sul dossier europeo. Il ministro degli affari esteri Ignazio Cassis dovrà tuttavia già affrontare giovedì il tema delle relazioni tra la Confederazione e l'UE. Quel giorno al Nazionale è infatti previsto un dibattito d'attualità incentrato sui negoziati in corso in vista di un accordo istituzionale con Bruxelles.

In risposta a cinque interpellanze urgenti di UDC, PLR, PBD, Verdi e Verdi liberali, il governo ha riaffermato oggi la sua posizione. Un accordo istituzionale offrirebbe una maggiore certezza giuridica, garantirebbe l'accesso al mercato europeo e spianerebbe inoltre la strada alla conclusione di nuovi accordi. Con l'accordo quadro istituzionale il Consiglio federale intende consolidare la via bilaterale.

Interessi di Berna e di Bruxelles - Tuttavia, l'esecutivo darà il suo avallo alla conclusione dei negoziati soltanto se gli interessi della Svizzera saranno presi in considerazione. «La qualità di un accordo è in ogni caso più importante della rapidità della sua conclusione», ha sottolineato il Consiglio federale.

La Commissione europea, per bocca del suo presidente Jean-Claude Juncker, ha già invitato Berna a trovare un'intesa con Bruxelles al più presto. «Il tempo stringe», ha affermato Juncker in una recente intervista rilasciata alla televisione RTS.

«Negoziate con me, concludete con me, perché entro un anno non ci sarò più e vedrete», ha aggiunto il presidente della Commissione europea. Dopo la sua partenza, «potrebbe essere francamente» più difficile per la Svizzera, ha messo in guardia Juncker. «Il tempo stringe perché stiamo negoziando con il Regno Unito», ha precisato ancora alla RTS, spiegando di non volere che i due negoziati si accavallino.

I rischi per Berna sono molteplici: rottura dei negoziati su dossier quali l'elettricità, la sanità e la sicurezza alimentare, l'incertezza giuridica concernente le attualizzazioni degli accordi d'accesso al mercato UE o la non conclusione di un accordo sulla partecipazione della Svizzera al prossimo programma europeo di ricerca, nonché il mancato riconoscimento dell'equivalenza della Borsa svizzera.

Tribunale arbitrale - I negoziati vertono sui meccanismi istituzionali: un tribunale arbitrale paritetico dovrebbe decidere in maniera autonoma sulle controversie tra Bruxelles e Berna. La Svizzera disporrà di termini sufficienti (fino a tre anni) per riprendere ogni sviluppo del diritto europeo, con possibilità di lanciare un referendum. Una ripresa automatica è invece esclusa.

Un consenso sembra delinearsi nell'ambito dei trasporti terrestri (divieto di circolare la notte, limite delle 40 tonnellate). Per quanto riguarda gli aiuti di Stato, proscritti da Bruxelles, l'intesa sembra molto vicina, ha affermato il Consiglio federale.

Berna prevede che nell'accordo istituzionale dovranno figurare solo principi generali. Le disposizioni specifiche saranno negoziate nel quadro di futuri accordi d'accesso al mercato, come quello sull'elettricità.

Pomo della discordia - Il pomo della discordia tra Bruxelles e Berna riguarda in particolare le misure di accompagnamento alla libera circolazione delle persone in vigore in Svizzera a protezione dei lavoratori.

L'UE è insorta contro la cosiddetta «regola degli otto giorni», che obbliga le imprese europee ad annunciare alle autorità elvetiche con tale preavviso l'invio di manodopera e a versare una cauzione. Bruxelles vorrebbe concessioni da parte della Confederazione su questo punto, mentre i sindacati hanno più volte affermato di non voler allentare il livello di protezione della forza lavoro.

Secondo il governo, l'UE non rimette in discussione le misure in quanto tali, ma chiede piuttosto un'applicazione proporzionata. L'esecutivo si è limitato a precisare che deciderà a tempo debito le prossime tappe.

Miliardo di coesione - Il Consiglio federale deve ancora decidere se proseguire o no con il contributo svizzero all'allargamento dell'UE (il cosiddetto «miliardo di coesione»). Aveva indicato che avrebbe preso una decisione in merito in funzione dello stato complessivo delle relazioni tra Berna e Bruxelles.

L'UDC sospetta che l'UE voglia esigere dalla Svizzera il versamento di contributi alla coesione per una durata indeterminata per far avanzare l'accordo istituzionale. Secondo il governo, invece, il contributo elvetico è autonomo e Berna non si impegna, per mezzo dell'accordo, a versare il miliardo di coesione per un periodo indeterminato.

All'UDC, partito che maggiormente si oppone alla negoziazione in corso, il governo ha risposto che l'intesa istituzionale si applicherebbe unicamente ai cinque accordi esistenti e ai tre futuri accordi di accesso al mercato. Quello di libero scambio risalente al 1972 non è contemplato. A sua volta, la direttiva UE sulla cittadinanza non sarebbe ripresa nell'ambito dell'accordo istituzionale.

Commenti
 
Danny50 1 anno fa su tio
Il CF si sta adoperando con zelo per svendere ancora di più il paese Svizzera sull’altare di una marcia ed arrogante accozzaglia di dittatorelli sadici a bruxelles. Arriveranno certamente a farsi sopraffare, tanto chi ne soffrirà sarà il popolino che comunque continua a votare come un gregge di pecoroni.
shooter01 1 anno fa su tio
alla conclusione di nuovi accordi che riempirebbero le VOSTRE tasche. Che bello avere dei lustrascarpe che fanno i politici.
roma 1 anno fa su tio
...i nostri hanno già i calzoni alle caviglie
madras 1 anno fa su tio
Non azzardatevi a disobbidire al popolo o ve la vedrete con lo stesso. Noi non vogliamo accordi con i dittatori UE !!
lo spiaggiato 1 anno fa su tio
Bene, allora é cosa quasi fatta... :-)))))
Bandito976 1 anno fa su tio
Si prepara, certo, sempre a 90 e a braghe calate
patrick28 1 anno fa su tio
Forza UE ! Sempre
Danny50 1 anno fa su tio
@patrick28 E vacci, tu e lo spiaggiato, la coppia più bella su TIO.
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Raiffeisen, nuove strutture per voltare pagina
Le singole banche potranno fare sentire maggiormente la loro voce presso la sede centrale. Ogni banca disporrà di un voto nelle future assemblee generali
VAUD
3 ore
In Romandia arriva il “tutor” e il web s’infiamma
La polizia ha annunciato la messa in servizio di un radar che controlla la velocità su una porzione della semi-autostrada tra Orbe e Vallorbe (VD)
SVIZZERA
7 ore
Se fai il macchinista ti diamo 10mila franchi in più
Per far fronte alla carenza di macchinisti, le FFS hanno lanciato una campagna di promozione. Che prevede ad esempio un ritocco verso l'alto della busta paga durante la formazione
FOTO E VIDEO
GINEVRA
8 ore
Attivisti per l'ambiente bloccano il terminal dei jet privati
«Vogliamo denunciare questo mezzo di trasporto assurdo», urlano a gran voce. «Un aereo privato emette CO2 per passeggero venti volte superiori a quelle di un normale aereo di linea»
SVIZZERA
10 ore
Presidenza del Nazionale, nel 2022 toccherà ai Verdi
È quanto hanno deciso ieri i capigruppo in Parlamento dei differenti partiti. Saranno i popolari-democratici a saltare il turno
ARGOVIA
11 ore
Tredici ladri arrestati, uno è scomparso nel Reno
Circa 130 agenti hanno collaborato al fermo di alcuni presunti scassinatori. A Frick gli occupanti di un'auto sono fuggiti tuffandosi nel Reno. Di uno di loro si sono perse le tracce
SVIZZERA
13 ore
Deceduto l'ex ambasciatore Benedict de Tscharner
Nato nel 1937, ha svolto una lunga carriera diplomatica che lo ha portato a Vienna e Bruxelles e infine a Parigi, dove ha rappresentato la Svizzera dal 1997 al 2002
SAN GALLO
1 gior
Auto contro un Piranha dell'esercito
I dieci militari sono rimasti illesi, mentre l'85 a bordo del veicolo è stata trasportata in ospedale in gravi condizioni
SVIZZERA
1 gior
L'invecchiamento rallenta il benessere
Quando la generazione del baby boom andrà in pensione, gli over 65 passeranno dal 30% del 2017 al 48% del 2045
BERNA
1 gior
«L'economia svizzera rallenterà»
Ne hanno preso atto i partiti di governo (Udc, Plr, Ppd e Ps) in un incontro tenutosi oggi nella capitale
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile