Keystone
SVIZZERA
24.09.18 - 15:240

Parità salariale al Nazionale, polizia militare agli Stati

Le camere federale hanno ripreso i dibattiti questo pomeriggio

BERNA - Sono ripresi oggi i dibattiti alle Camere federali. Dopo l'ora delle domande, l'agenda del Consiglio nazionale prevede la trattazione del dossier sulla parità salariale uomo-donna, un tema "caldo" che ha visto sabato migliaia di persone in piazza a Berna per reclamare uguali remunerazioni tra uomini e donne.

Il nazionale se ne occupa quale seconda camera. La commissione è divisa sull'idea che le imprese con oltre 100 lavoratori siano obbligate in futuro a far svolgere un'analisi sulla parità salariale tra i sessi ogni quattro anni, facendola verificare da un organismo indipendente.

La legge sulla parità dei sessi, dove è inclusa questa proposta, è stata accolta infatti dalla competente commissione solo grazie al voto decisivo della sua presidente, Christine Bulliard-Marbach (PPD/FR).

Il progetto è già stato approvato dagli Stati la scorsa sessione estiva per 27 voti a 15 e 3 astenuti. Affrontando a sua volta il dossier, la commissione del Nazionale si è adeguata al progetto della Camera dei Cantoni, specie su uno dei punti più delicati, ossia la verifica della parità salariale tra i sessi nelle società.

La proposta dei 100 dipendenti è stata approvata dopo diverse votazioni su proposte che andavano da un massimo di 250 a un minimo di 10 impiegati. Diverse minoranze chiederanno di fissare il limite a 250, 50 o 10 collaboratori. Un'altra minoranza invece propone di esprimere sempre il numero di collaboratori in equivalenti a tempo pieno.

Il Consiglio degli Stati incomincerà le deliberazione alle 15.15 fino alle 20.00. In agenda vi è tutta una serie di interventi parlamentari di competenza del Dipartimento federale delle finanze, tra cui una mozione che propone l'impiego della polizia militare in aiuto al Corpo delle guardie di confine.

Commenti
 
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
15 ore
Le chat di Whatsapp restano criptate
La Confederazione non intende obbligare i fornitori di servizi di messaggeria a rendere i dati accessibili alle autorità giudiziarie
SVIZZERA
16 ore
Accordo quadro: «Nessuna firma se non si chiariscono i punti in sospeso»
Il Consiglio federale risponde all'interrogazione inoltrata da Marco Chiesa dopo le dichiarazioni dell'ambasciatore Matthiessen
SVIZZERA
17 ore
«Malgrado le opposizioni, il 5G non è a rischio»
Il CEO di Swisscom ritiene di poter coprire entro la fine dell'anno oltre il 90% del Paese con la rete mobile di nuova generazione
SVIZZERA
18 ore
Autopostale: «Vigilanza lacunosa da parte di Berna»
La Commissione della gestione del Consiglio degli Stati punta il dito contro il Consiglio federale: «È evidente che si dovrà aumentare la vigilanza sulle aziende parastatali»
SVIZZERA
20 ore
Un argoviese ha diretto la prigione della tortura in Siria
Lo svizzero Thomas C. è stato tra i primi europei a partire per la Jihad e in breve tempo ha scalato le gerarchie dello Stato Islamico. Ha formato alcuni terroristi che hanno colpito l'Europa
SONDAGGIO
SVIZZERA
21 ore
Il 40% di chi lavora vorrebbe continuare a farlo anche dopo l'età della pensione
La maggior parte gradirebbe proseguire a tempo parziale mentre il 5% sarebbe volentieri disponibile a un tempo pieno
SINGAPORE / SVIZZERA
21 ore
UBS multata dalle autorità di Singapore per 8,1 milioni di franchi
La colpa: i suoi collaboratori avrebbero ingannato diversi investitori. I clienti raggirati saranno risarciti, promette la banca
SVIZZERA
22 ore
Il Governo risponde a Quadri: «La sospensione di Schengen non è fattibile»
Il consigliere nazionale leghista auspicava la decisione dopo la riapertura dei porti italiani
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile