Keystone
SVIZZERA
10.09.18 - 19:430

La riforma sulle prestazioni complementari è ancora in alto mare

Sussistono ancora grosse differenze tra i due rami del Parlamento: il nazionale ha infatti ribadito quasi tutte le sue posizioni. La palla torna ora agli Stati

BERNA - Sussistono ancora grosse differenze tra i due rami del Parlamento sulla riforma delle prestazioni complementari (PC). Il Consiglio nazionale ha ribadito quasi tutte le sue posizioni, in particolare quella di stringere la cintura sulle prestazioni per le famiglie con bambini.

Secondo la maggioranza borghese, l'importo destinato al fabbisogno vitale generale dei primi due figli, stabilito nel calcolo delle PC a 840 franchi al mese per figlio, è infatti troppo elevato per i bambini piccoli e le famiglie con più figli.

Contro il parere della sinistra, con 130 voti contro 58 e 4 astenuti, la Camera del popolo ha di conseguenza deciso di riaffermare il seguente modello: per il primo figlio fino agli 11 anni di età sono calcolati 590 franchi al mese, in seguito 840 franchi. Per ogni figlio successivo questi importi si riducono di un sesto, fino a un minimo di 280 franchi.

Anche il consigliere federale Alain Berset ha sostenuto questo modello, basandosi su uno studio che mostra come i costi per il sostentamento dei figli vari a seconda dell'età e siano meno elevati per i bambini con meno di 11 anni.

Dal canto suo, Yvonne Feri (PS/AG) ha tentato invano di convincere la maggioranza che i bambini non devono subire i tagli della riforma delle prestazioni complementari. A suo avviso, gli importi attuali dovrebbero essere mantenuti per prevenire la precarizzazione dei giovani.

Una riforma che divide - La riforma delle PC divide profondamente le due Camere anche su altri aspetti. Il Nazionale, con 117 voti contro 74, ha ribadito il principio che prevede una riduzione del 10% dell'ammontare delle rendite complementari versate alle persone che hanno prelevato il capitale e lo hanno esaurito tutto o in parte prima di ricevere appunto tali prestazioni complementari.

Inoltre, la Camera del popolo non ha voluto seguire quella dei cantoni in un altro punto importante della revisione: con 119 voti contro 72, ha ribadito che le persone che dispongono di patrimoni di almeno 100'000 franchi non dovrebbero più ricevere le PC. I "senatori" avevano invece bocciato l'introduzione di questo limite, che passerebbe a 200'000 per le coppie.

Per prevenire «un'immigrazione indesiderata nel sistema sociale svizzero», la Camera del popolo si è inoltre pronunciata, per 113 a 79 e 3 astenuti, in favore dell'introduzione di una durata di domicilio minima di dieci anni. Un domicilio nell'UE è computato in questo periodo in virtù dell'accordo sulla libera circolazione delle persone.

Ciò provocherà un rinvio degli oneri sui cantoni e l'aiuto sociale, ha avvertito invano il consigliere federale Alain Berset. Anche gli Svizzeri all'estero ne risulteranno penalizzati.

Spese per l'affitto - Tra le poche divergenze appianate oggi figura quella degli aiuti per le spese generate dall'affitto. Con 99 voti contro 91 e 3 astenuti, il Nazionale ha seguito la versione degli Stati, optando per una differenziazione regionale e per importi più elevati: una persona sola riceverebbe fra 14'520 e 16'440 franchi, a seconda della regione in cui vive, anziché i 13'200 attuali. Se il nucleo famigliare è composto da più persone, sarebbe previsto un supplemento di 3000 franchi per il secondo individuo.

Tale importo è rimasto immutato dal 2001, ha spiegato con successo Christian Lohr (PPD/TG). Da allora non si è mai tenuto conto dell'aumento degli affitti, ha aggiunto il popolare democratico turgoviese.

Il Nazionale si è pure allineato agli Stati su un altro punto, ovvero che i cantoni possono chiedere alla Confederazione una riduzione o un aumento del 10% degli importi massimi. La diminuzione sarà tuttavia possibile solo se il 90% almeno dei beneficiari delle PC sarà coperto.

Infine, il reddito dell'attività lucrativa del coniuge non sarà in futuro preso in considerazione nel computo delle prestazioni complementari. Nonostante qualche sostegno a destra, l'alleanza tra PPD e sinistra non è riuscita a convincere il plenum che solo l'80% di questo reddito sia determinante. Occorre evitare di demotivare il coniuge a lavorare, ha rilevato inutilmente Christian Lohr.

Il dossier ritorna quindi agli Stati.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
TOP NEWS Svizzera
RUSSIA / SVIZZERA
27 min
Navalny punta il dito contro il Ministero pubblico della Confederazione
Nel mirino dell'oppositore russo sono gli stretti contatti con gli omologhi di Mosca. Sospetti anche su Michael Lauber.
SVIZZERA
36 min
BNS: la ripresa non sarà così rapida
Ad affermarlo è il vicepresidente Zurbrügg: «Non basta premere semplicemente un pulsante».
BERNA
47 min
Spara in strada a Interlaken: arrestato
I colpi sono stati sentiti nel tardo pomeriggio. Fori di proiettile in una vetrina.
FOTO
NEUCHÂTEL
1 ora
«Siamo le Maldive della Svizzera»
Dopo due mesi di chiusura, l'hotel Palafitte si appresta a vivere una fantastica estate.
SVIZZERA
10 ore
«Non ci metteremo a contare le persone»
Da oggi sono consentiti gli assembramenti fino a trenta persone. Una nuova situazione per le autorità
ZURIGO
14 ore
Anche Zurigo protesta contro le misure anti-coronavirus
Gli agenti sono intervenuti, facendo leva sul dialogo, per evitare che si formasse un vero e proprio assembramento
SOLETTA / BASILEA CAMPAGNA
14 ore
Mandata dal padre nonostante i sospetti di abusi
Alle autorità di protezione la piccola, 8 anni, aveva detto che l'uomo le faceva «cose brutte». Invano.
ZURIGO
17 ore
Riferisce numerose irregolarità nell'ospedale, licenziato
Questa la sorte toccata a un "whistleblower", ossia un segnalatore di irregolarità sul posto di lavoro
SONDAGGIO
SVIZZERA
19 ore
A trenta all'ora anche sulle strade cantonali?
È quanto chiedono alcuni comuni basilesi per le vie di transito, dove attualmente si circola a 50 km/h
SVIZZERA
19 ore
Coronavirus: Credit Suisse ha concesso crediti per 2,8 miliardi
Anche la seconda banca elvetica è stata confrontata con dichiarazioni fraudolente.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile